` Mentre la California è alle prese con la carenza d'acqua, i produttori di olio d'oliva vedono un `` anno in su '' - Olive Oil Times

Mentre la California è alle prese con la scarsità d'acqua, i produttori di olio d'oliva vedono un "anno alto"

Giu. 21, 2015
Wendy Logan

Notizie recenti

A maggio, in una storia che apre gli occhi, The Il New York Times ha offerto un controllo della realtà per quanto riguarda la grave carenza d'acqua della costa occidentale. Nel "Il tuo contributo alla siccità in California ", i giornalisti Larry Buchanan, Josh Keller e Haeyoun Park hanno spiegato i fatti: ci vogliono poco più di 15 litri d'acqua per produrre 16 mandorle; più di 15 galloni per solo 2 once di riso; ben 24 galloni per un solo grappolo d'uva; 9 galloni per una piccola ciotola di pomodori lavorati; e 1.4 galloni per solo due olive.

Date le misure di austerità attualmente in atto, con ulteriori passi verso la conservazione dell'acqua che sicuramente seguiranno, che ne sarà degli ulivi della California? Per 2015, almeno, le previsioni sulla raccolta delle olive sembrano sorprendentemente ottimistiche.

Mike Coldani di Coldani Olive Ranch, creatori del pluripremiato Calivirgin olio extra vergine di oliva, raccontato a Reed Fuji Recordnet.com recentemente che il raccolto di quest'anno sta mostrando risultati promettenti. "Nei nostri ranch sono ottimista ", ha affermato, facendo eco ai sentimenti di colleghi del settore come Jeff Colombini, direttore delle operazioni di coltivazione per Corto Olive. Colombini è andato oltre: "Direi che è un raccolto sopra la media quest'anno. ”

Non così nel 2014, quando una resa scarsa ha creato una forte domanda, in particolare per gli oli che il frutto produce. Ne seguirono molte discussioni sulla siccità e sui suoi effetti sugli alberi e sul futuro dell'industria dell'olio d'oliva della costa sinistra. Si scopre, tuttavia, che gli ulivi sono piuttosto robusti.

The UC Davis ' Sito Web di gestione della siccità, dedicato a determinare le migliori strategie per affrontare l'efficienza dell'irrigazione in un ambiente a corto di acqua, afferma che, sebbene "un'adeguata acqua è fondamentale per mantenere la produttività dei frutteti ”, le piante di olivo, in particolare quelle coltivate a olio, sono tra le più tolleranti e flessibili quando si tratta di acqua.

Mentre i produttori di olive da tavola devono mantenere la dimensione e la resa massime dei frutti, il sito spiega, "il prezzo ricevuto per l'olio d'oliva non è correlato alla dimensione dei frutti. ”Le olive per l'olio d'oliva possono essere irrigate meno delle olive da tavola e producono ancora olio buono.

Oliveti al Ranch McEvoy

Il sito fa riferimento a uno studio (Berenguer et al, 2006) che essenzialmente indicava che le olive sottoposte a stress idrico sembrano creare oli d'oliva migliori, più sani e più gustosi con un contenuto di polifenoli più elevato e un eccezionale equilibrio di sapori. Al contrario, gli alberi più fortemente irrigati "abbassata estraibilità dell'olio e produzione di olii blandi con significativamente meno fruttato e quasi senza amarezza o piccantezza. "

La siccità ha avuto un ruolo nella carenza del 2014? E come il 2015 porta tanta abbondanza? Olive Oil Times chiese Kimberly Houlding, presidente e CEO della Associazione americana dei produttori di olio d'oliva pesare sulla dicotomia apparente. AOOPA rappresenta oltre i produttori 100, tutti con sede in California, responsabili di oltre il 90 percento della produzione di olio d'oliva degli Stati Uniti. L'olivo, per sua natura, ha detto, è una coltura a portamento alternato, i cui frutti producono abbastanza comunemente oscillazioni dalla luce agli anni pesanti.

"I coltivatori hanno cercato di controllare e ridurre questo problema attraverso i frutteti gestiti - la loro potatura e copertura - per creare un raccolto più consistente senza le enormi oscillazioni, ma ci saranno ancora fluttuazioni. È la natura dell'albero ", ha detto Houlding. Fa parte della risposta. Il resto viene attribuito alle condizioni meteorologiche e ad altri fattori portati all'ambiente in crescita da Madre Natura.

L'impatto maggiore per i coltivatori del 2014, ha detto Houlding, è stato un gelo che ha colpito la regione nel dicembre 2013. "Agli ulivi non piacciono i lunghi periodi di gelo ”, ha aggiunto. "E quel gelo duro ha influenzato la produzione per il prossimo anno. "

Ma per quanto riguarda la siccità?

A lungo termine, ha detto Houlding, "Direi che l'industria sta esaminando gli impatti che la siccità potrebbe avere sull'olio d'oliva prodotto ". Negli Stati Uniti, la tolleranza degli ulivi costituisce un ottimo raccolto alternativo. "Si tratta di come gestiamo al meglio l'acqua che abbiamo. Sono in corso ulteriori ricerche sulla quantità di acqua necessaria e sui tempi di irrigazione ”, tra gli altri fattori.

"Avrai un raccolto molto più consistente e di alta qualità quando l'acqua sarà disponibile in quantità adeguate. Ma stiamo guardando ad altri paesi, come i nostri amici in Australia, per determinare cosa hanno imparato nella gestione dei loro raccolti. Detto questo, quasi il 90% del raccolto mondiale è privo di irrigazione sviluppata di alcun tipo. Le olive possono essere coltivate in condizioni di siccità. L'importante ora è capire come gestirlo al meglio ".

Related News

Feedback / suggerimenti