`Richiamo della natura - Olive Oil Times

Call of the Wild

Giu. 5, 2010
Will Dunn

Notizie recenti

Di Will Dunn
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

Dall'Australia all'Andalusia, è stata a lungo un'abitudine di alcuni amanti delle olive raccogliere un sacchetto di frutti di bosco quando si presenta l'occasione e prepararli a casa. Essendo il raccolto di frutta più coltivato al mondo, l'olivo si è diffuso in natura ovunque i boschetti siano vicini - è persino considerato un'erbaccia in alcuni luoghi - e questi frutti selvatici sono di chiunque per la raccolta.

Preparare le proprie olive da tavola è un processo semplice, anche se laborioso. Una volta raccolte le olive - a mano, per non danneggiare l'albero - si deve fare una fessura in ogni frutto, e le olive vanno poi sigillate in un contenitore riempito con acqua, salamoia, o una soluzione di aceto che permetta loro di fermento. La stagionatura o la fermentazione delle olive fresche rimuove i composti amari che altrimenti le renderebbero non commestibili, e una volta stagionate sono pronte per essere mangiate o aromatizzate con aglio, vino, erbe o spezie. Una ciotola di olive selvatiche fatte in casa sul tavolo è un ottimo antipasto di conversazione.

Ma che dire di chi vuole spingersi oltre e trasformare in olio le olive che hanno raccolto? Beh, per prima cosa devi raccogliere molte più olive: anche le varietà più ricche richiederanno diverse ore di raccolta per riempire una bottiglia di extravergine. Quindi, dovrai trovare qualcuno che prema la tua taglia. Individuare gli ulivi, scoprire chi li possiede e negoziare con i mugnai può essere un lavoro ancora più difficile della raccolta, ma ci sono modi per aggirare questo. Diverse aziende ora offrono la possibilità di raccogliere le olive mentre sei in vacanza, eliminando le congetture e arrivando direttamente al sano divertimento in famiglia. In cambio di un pomeriggio passato su una scala a raccogliere ramoscelli tra i capelli, ci sono parecchi posti che premeranno il tuo raccolto e ti rimanderanno a casa con una bottiglia di olio da scegliere.

Alcuni combinano affitti di appartamenti e ville con la possibilità di unirsi al raccolto, come il San Basilio Uliveto a Creta, e in alcuni luoghi, come ad esempio Vila La Rogaia nel cuore rurale italiano dell'Umbria, puoi persino adottare il tuo albero, aggiungendo un altro livello di diritto di vanteria a quella speciale bottiglia di olio. Per i più avventurosi, ci sono vacanze molto economiche da fare come lavoratore stagionale nelle fattorie biologiche. In cambio di partecipare alla raccolta delle olive per una settimana circa come lavoratore serio e pratico, riceverai alloggio, cibo e vino gratuiti, nonché l'opportunità di aiutare a sostenere le piccole aziende agricole che producono oli di alta qualità. Puoi saperne di più su come lavorare come raccoglitore di frutta biologica da Opportunità mondiali nelle fattorie biologiche.

Per alcuni, tuttavia, l'esperienza della raccolta delle olive è molto più di una semplice vacanza. Il giornalista e autore Mort Rosenblum vive a Parigi ma trascorre molto tempo in un luogo nel sud della Francia che ha chiamato, appropriatamente, Wild Olives: 'cinque acri di terreno ripido a terrazze lungo una strada sterrata che allenta i denti nelle pieghe posteriori della Provenza, dove Rosenblum raccoglie 200 ulivi (con l'aiuto di numerosi amici e invitati) ogni dicembre. Una buona raccolta può portare a qualche centinaio di chili di olive, che vengono poi portate in un vicino frantoio - c'è una scelta di diversi - per essere frante. 'Mi piaceva il vecchio stile a la feuille premendo ", afferma Rosenblum, 'ma ora vado in un mulino di terza generazione che risale a secoli fa che utilizza macchine centrifughe a bassa temperatura per un olio pulito e limpido ”.

Il prezzo di tutto questo coinvolgimento nel suo olio è una quantità considerevole di lavoro - potatura, aratura intorno alle basi degli alberi, protezione dalla temuta mosca dell'olivo - ma la ricompensa è il suo olio personale, raccolto dalle mani dei suoi amici e cresciuto sugli alberi che sono rimasti sulla sua collina per più di tre secoli.

Per quelli di noi che non hanno i nostri uliveti o anche una settimana libera per andare a raccogliere, c'è ancora la possibilità di provare un assaggio della natura. Can Solivera, un piccolo produttore di olio in Catalogna, produce un olio extravergine di oliva selvatico da alberi che sono stati autorizzati a crescere spontaneamente per secoli. Nelle montagne sopra la valle dell'Ebro in Catalogna, il clima è sufficientemente alto e secco che la mosca dell'olivo non è un problema, e gli alberi, che coltivano le olive di Empeltre e Arbequina, non sono mai stati altro che biologici (disponibile presso La Tienda). Viene persino macinato utilizzando tecniche medievali. Per provare l'olio di una varietà di olive selvatiche, vai in Toscana per l'unicità Olio di seggiano, realizzato usando olivastra seggianese olive. Le persone coltivano nuove varietà di ulivi da migliaia di anni, ma la varietà seggianese, che cresce solo intorno al villaggio di Seggiano, è tutta opera di Madre Natura. Prova l'olio e penso che sarai d'accordo: Madre Natura sa cosa sta facendo.

.

.

Puoi acquistare il libro di Mort Rosenblum sui viaggi, il commercio dell'olio d'oliva e l'acquisizione del suo boschetto da Amazon.com: Olive: la vita e le tradizioni di un frutto nobile.

pubblicità

Related News