Il cambiamento climatico trasforma l'agricoltura europea, risultati del rapporto

Colture come albicocche e nettarine tipiche del sud iniziano ad apparire nelle regioni settentrionali, mentre nelle regioni mediterranee il clima tropicale colpisce vigneti e oliveti.
Settembre 21, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Il cambiamento climatico sta spostando il modello consolidato di coltivazioni in Europa, favorendo i paesi del nord rispetto al sud, ha affermato in un rapporto l'emittente tedesca Deutsche Welle (DW).

Il cambiamento climatico rappresenta un rischio per la sostenibilità della gestione dei vigneti su scala globale e, in particolare, in Europa.- Josep Maria Sole, VISCA

Il clima più caldo si sta facendo strada verso nord riducendo i periodi di gelo e aumentando le stagioni di crescita, mentre le condizioni meteorologiche simili ai climi tropicali si stanno plasmando nel sud, portando maggiori problemi al settore agricolo.

Il nord ha iniziato a capitalizzare la tendenza coltivando colture tipiche del sud. I frutteti di albicocche e nettarine sono già comparsi nello stato della Bassa Sassonia, nel nord della Germania, e le dimensioni dei vigneti si espandono continuamente in paesi come Danimarca e Svezia.

Nel Regno Unito, l'industria vinicola del paese ha quadruplicato la sua produzione negli ultimi 20 anni, incassando un clima più mite, anche se con il prezzo di affrontare fenomeni meteorologici estremi più spesso.

"Eventi meteorologici imprevedibili, siccità e forti temporali estivi sono un vero problema e sembrano essere aumentati di frequenza ", ha affermato Jon Fletcher, un produttore di vino con sede nel Regno Unito "Quest'anno abbiamo già avuto il maggio più soleggiato mai registrato e non piove da due mesi, quindi il tempo imprevedibile continua ".

pubblicità

Le colture tradizionali del sud, d'altra parte, hanno iniziato a subire perdite significative sotto il clima sempre più tropicale dei paesi dell'Europa meridionale.

"Il cambiamento climatico rappresenta un rischio per la sostenibilità della gestione dei vigneti su scala globale e, in particolare, in Europa ", ha affermato Josep Maria Sole di VISCA, un progetto finanziato dall'UE per aiutare i produttori di vino in Europa ad adattarsi alle nuove sfide. Ha aggiunto che il caldo intenso e la siccità rappresenteranno una seria minaccia per l'industria vinicola europea nei prossimi anni.

Il tempo avverso è una minaccia anche per il settore dell'olio d'oliva. Italia ha perso più della metà del raccolto 2018 a causa del clima più freddo del solito, con una perdita finanziaria accumulata di circa € 1 miliardo ($ 1.19 miliardi), ha detto DW nel suo rapporto.

Questo autunno, il tempo brutto di forti piogge e grandinate in tutto il paese è già arrivato preso un pedaggio sugli ulivi tra le altre colture.

In anticipo, agenti patogeni come la mosca della frutta approfittano degli inverni più caldi per invadere nuovi territori, minacciando l'industria dell'olio d'oliva in Europa, ha spiegato Blaz Kurnik, esperto di cambiamenti climatici presso l'Agenzia europea dell'ambiente (EEA).

"Nel peggiore dei casi, fino all'80% degli ulivi [italiani] ne saranno colpiti ogni anno ", ha osservato Kurnik.

Alcuni agricoltori del Mediterraneo hanno optato per specie tropicali invece di colture autoctone, specialmente in Italia, dove i frutteti di avocado e papaia sorgono in territori tradizionali di produzione di olio d'oliva come Sicilia, Puglia e Calabria.

"Il clima favorevole di molte aree del bacino del Mediterraneo sta promuovendo le coltivazioni di frutti tropicali ”, ha detto Vittorio Farina, professore associato di agricoltura presso l'Università di Palermo. "Infatti la produzione predominante di mango e avocado è concentrata nei paesi tropicali, ma recentemente la sua coltivazione si è diffusa al di fuori delle tradizionali regioni geografiche verso il bacino del Mediterraneo e in particolare in Egitto, Israele, Sud Africa, Europa, principalmente Spagna e Italia ”.

In Spagna, tuttavia, gli scienziati si concentrano più sull'adattamento delle varietà esistenti al mutare del tempo che sull'introduzione di nuovi tipi di colture.

"Esiste già la possibilità di adattare la varietà senza modificare il raccolto [principale] nel breve e medio termine ", ha affermato Margarita Ruiz-Ramos, professore associato presso il Politecnico di Madrid. "È un compromesso tra diverse esigenze. Ed è per questo che non è così ovvio da portare solo alcuni raccolti africani ".





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti