Coming off a Strong Year, i coltivatori pronti per la vendemmia in Italia

La stagione che ora termina è stata caratterizzata da una tendenza al rialzo in termini di volume. Ora, gli agricoltori italiani stanno guardando al prossimo raccolto e alle sue sfide climatiche.

Giorgio Tonti
Settembre 7, 2018
Di Ylenia Granitto
Giorgio Tonti

Notizie recenti

L'ultimo rapporto dall'istituto italiano ISMEA afferma che la produzione di olio d'oliva in Italia nella stagione 2017/2018 ha raggiunto 429,000 tonnellate, un aumento del 135% rispetto all'anno precedente (182,000 tonnellate).

L'Italia ha visto importanti aumenti nelle regioni meridionali, a partire dalla Puglia che ha superato la soglia delle tonnellate 200,000, mentre la Sicilia e la Calabria sono tornate ai normali livelli di produzione. Lo stesso vale per l'Abruzzo, mentre altre aree dell'Italia centrale hanno risentito maggiormente degli effetti delle condizioni meteorologiche estreme. Nel frattempo, la qualità è rimasta ai massimi livelli, come dimostrato da innumerevoli riconoscimenti ottenuto dai coltivatori attraverso lo stivale.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva di quest'anno dall'Italia
Non riuscendo mai a riposare sugli allori, gli agricoltori non vedono l'ora del prossimo raccolto. Sono consapevoli della tendenza naturale degli ulivi a portamento alternato, combinata con la conseguenze delle gelate invernali.

Stanno cercando di limitare l'insorgenza di infestazioni di parassiti come il mosca di frutta d'oliva e la falena delle olive e le malattie fungine come la macchia di pavone e l'antracnosi, favorita dal clima umido e dalle temperature in calo.

"Anche così, grazie ad un monitoraggio costante degli uliveti abbiamo impedito l'attacco della mosca ”, ha affermato Angela Fiore, che gestisce Olio Infiore con suo fratello Tommaso. "Siamo ora nella fase finale di una grande stagione, durante la quale ancora una corretta gestione dei problemi legati alla scarsità d'acqua ha giocato un ruolo chiave ”, ha rivelato il produttore pugliese.

La condizione delle loro novecento piante di Coratina sparse nei territori di Terlizzi e Bitonto, sul versante nord di Bari, fa sperare in un altro buon raccolto, anche se più complesso.

pubblicità

Un leggero calo della produzione potrebbe essere causato dagli effetti di due anni di freddo estremo in un settore del frutteto, dove i contadini stanno ancora lavorando per recuperare le piante danneggiate.

Tommaso Fiore

"Nonostante lo schiocco di freddo di quest'anno abbia avuto una durata inferiore rispetto all'ultimo, le temperature notturne hanno colpito alcuni ulivi, rompendo il legno o bruciando la parte superiore delle tettoie ", ha osservato Fiore. "In quest'ultimo caso, tuttavia, gli ulivi sono migliorati rapidamente e fortunatamente altre piante colpite dal maltempo della scorsa stagione si sono completamente riprese. ”

"In particolare, nell'oliveto più sofferente, gli ulivi erano così asfissiati ed essiccati, abbiamo pensato di sbarazzarcene. Ma alla fine, grazie ad un ottimo lavoro di squadra, siamo riusciti a salvare le piante che sono di nuovo rigogliose e sane. Quando salvi un ulivo che sembrava condannato, provi un'indescrivibile sensazione di gioia ", ha aggiunto.

Fiore si è concessa solo pochi giorni di vacanza perché ha uno stretto rapporto con i suoi ulivi. Mentre si stanno convertendo all'agricoltura biologica con azioni tempestive con trattamenti e trappole consentiti contro la mosca dell'olivo, si muovono con sicurezza verso il raccolto successivo.

At Colle Nobile, la scorsa stagione è stata giusta in termini di quantità e qualitativamente eccellente, grazie al costante impegno di Giorgio Tonti, che gestisce gli alberi 1,600 sulle colline marchigiane. Nelle terre di Jesi e San Marcello, produce cinque monovarietali dalle cultivar autoctone Raggia, Mignola e Rosciola dei Colli Esini, e il più diffuso Frantoio e Leccino.

"A volte le temperature estreme ci hanno aiutato, come nel caso della mosca dell'olivo, il cui sviluppo l'estate scorsa è stato completamente bloccato dal caldo ”, ha osservato Tonti. "In sostanza, la stagione è andata bene, mentre quest'anno potremmo avere una piccola diminuzione dei volumi, poiché parte dei nostri ulivi ha sofferto delle basse temperature registrate a febbraio. "

Giorgio Tonti

Il Frantoio e la Raggia sono stati colpiti più degli altri nel podere di Tonti, che ha dovuto eseguire una drastica potatura di alcune piante. "Anche la Mignola, che generalmente ha una buona resistenza al gelo, ha avuto problemi ma in misura minore, mentre la Rosciola dei Colli Esini ha risposto molto bene, e questa sembra essere un'annata ad alto rendimento per questa cultivar, che si spera ci regalerà un grande raccolto insieme a Leccino. "

Tonti ha detto che i ricercatori hanno mostrato interesse a indagare ulteriormente varietà considerate più resistenti a basse temperature.

Per quanto riguarda la mosca dell'olivo, ha già notato una presenza trascurabile a causa delle condizioni meteorologiche. "Non appena troviamo qualche ovoposizione o più catture nelle trappole, siamo pronti per usare prodotti biologici adeguati. "

Sottolineando l'importanza di un approccio sostenibile all'olivicoltura di alta qualità, l'agricoltore ha concluso: "il nostro olio extra vergine di oliva con le sue caratteristiche organolettiche uniche, è il risultato sano dell'agricoltura in equilibrio con la natura ".


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti