`La propaggine del clima fresco di Olive Tree - Olive Oil Times

I rami freddi di Olive Tree

Marzo 13, 2015
Erick Mertz

Notizie recenti

Febbraio è stato uno dei più caldi mai registrati in Oregon, appropriato per la fine di un inverno insolitamente asciutto e mite. Dappertutto le colture agricole della Willamette Valley hanno iniziato a germogliare, pronte nelle prossime due settimane a esplodere nelle pienezze della primavera.

I partecipanti alla conferenza sull'olio extravergine di oliva del Pacifico nord-occidentale del 2015 hanno rappresentato un nuovo ramo di un'industria in forte espansione. Scienziati si sono strofinati a gomito con hobbisti, rinomati scrittori gastronomici e ristoratori locali.

Tra il gruppo c'era una coppia di imprenditori del sud della Florida interessata ad aprire uno stabilimento commerciale. Fanno parte di una cultura in crescita di appassionati disposti a pensare fuori dagli schemi da dove viene l'olio d'oliva e dove andrà alla fine.

ospite Oregon Olive Mill divise la loro conferenza in due giorni. L'attenzione del sabato si è concentrata su argomenti tecnici e agricoli, mentre i colloqui di domenica hanno esaminato gli aspetti commerciali e di consumo dell'attività. 

Ospite della conferenza, Paul Durant, ha collaborato con Tom Vail di Calamity Hill (con sede nella vicina Amity, Oregon) per condurre una discussione incentrata sulle condizioni dei loro ulivi dopo l'inverno molto più freddo del 2013-14 e la produzione di petrolio che ne è derivata.

In contrasto con quella visione del pericolo di lavorare con nuovi ulivi, scrittrice ed esperta di cibo, Nancy Harmon Jenkins (autrice del libro, Virgin Territory: esplorando il mondo dell'olio d'oliva) ha tenuto una presentazione inquietante, intitolata Falling Giants, che ha esaminato le malattie che uccidono gli alberi millenari in Puglia e le prospettive di altri venerabili boschi in Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Francia.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Prese in tandem, le presentazioni sono servite a ricordare che, indipendentemente dal clima e dall'eredità, gli uliveti e l'olio extravergine di oliva sono ancora i prodotti di un delicato equilibrio agricolo. 

Tuttavia, nonostante queste difficoltà, Michael Pierce, fondatore della Consorzio dell'Oliva Saturna, ha seguito il pranzo con uno sguardo stimolante ai suoi sforzi pionieristici per spingere i limiti dell'ulivo ancora più a nord del quarantacinquesimo parallelo alle isole del Golfo bagnate dalla pioggia della Columbia Britannica meridionale.

Le discussioni si sono incentrate sulla consapevolezza dei consumatori, cercando di rispondere alla domanda molto difficile su come favorire la comprensione della cultura dell'olio d'oliva. Il dottor Miles Hassell MD di Portland, coautore di Buon cibo, ottima medicina, una guida per vivere meglio attraverso la dieta, ha parlato di dove lui (e la scienza, in generale) ritiene che l'olio d'oliva si inserisca nello spettro di una salute ottimale e nel nostro obiettivo collettivo di longevità.

Dalla trasparenza e l'etichettatura all'obiettivo sfuggente dell'autenticità del prodotto, era chiaro che i partecipanti riuniti erano in prima linea in qualunque cosa il prossimo grande salto nel clima freddo dell'olio d'oliva potesse portare a questa nuova generazione più consapevole del prodotto.

Mentre Libby Clow, ambasciatore del programma Oregon Olive Mill, ha guidato una degustazione di gruppo di alcune varietà italiane eccezionali e rare (molte non sono nemmeno disponibili per l'acquisto negli Stati Uniti), il consenso tra i palati stuzzicati sembrava abbondantemente chiaro. Il punto di partenza cruciale per la prossima evoluzione sarebbe lo stesso che ha ispirato l'idea di piantare nuovi uliveti in luoghi non convenzionali: passione fusa con un instancabile entusiasmo pionieristico.

Related News

Feedback / suggerimenti