L'UE introduce gli standard per l'uso di acqua di recupero per irrigazione

Nuove misure mirano a promuovere il riutilizzo delle acque reflue urbane per l'irrigazione dei terreni agricoli.

Aprile 24, 2020
Di Isabel Putinja

L'Unione europea (UE) sta portando avanti nuove misure per promuovere l'uso di acqua di recupero per l'irrigazione agricola. L'obiettivo del nuovo regolamento UE è migliorare la disponibilità e la qualità dell'acqua per l'irrigazione dei terreni agricoli attraverso l'uso di acque reflue urbane trattate. L'iniziativa affronta il rischio di condizioni simili alla siccità che aumentano la pressione sulle risorse idriche a causa di nuovi modelli meteorologici alimentati dai cambiamenti climatici.

Ha senso stabilire standard minimi armonizzati per la qualità delle acque di recupero e per il monitoraggio della conformità in modo che i nostri agricoltori possano utilizzare l'acqua di recupero.- Ioan Denes, ministro rumeno delle acque e delle foreste

L'Italia, la Spagna e la Grecia hanno già utilizzato acqua di recupero dalle città per irrigare i terreni agricoli. Altri paesi non hanno ancora esplorato questo metodo per riciclare e riutilizzare le acque reflue e solo una manciata di Stati membri dell'UE ha norme o normative nazionali sul riutilizzo delle acque.

Nell'attuale contesto del cambiamento climatico e della minaccia della carenza idrica, l'uso di acqua riciclata nelle aziende agricole può diventare sempre più necessario. Per questi motivi, l'UE ha elaborato standard per la qualità dell'acqua per l'irrigazione agricola.

Le misure recentemente proposte includono norme minime per la qualità dell'acqua in tutta l'UE per garantire che l'uso di acque reflue ritirate per l'irrigazione delle colture sia sicuro per l'ambiente e per la salute umana e animale.

La legislazione proposta tiene conto della diversa geografia e del clima in tutta l'UE e del fatto che alcuni paesi potrebbero non aver nemmeno bisogno di usare l'acqua di recupero per l'irrigazione.

pubblicità
Vedi anche: Il cambiamento climatico sta trasformando l'interazione tra piante e suolo

Il 7 aprile il Consiglio dell'UE ha adottato a "Posizione del Consiglio in prima lettura in vista dell'adozione di un regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sui requisiti minimi per il riutilizzo dell'acqua. "

Le misure proposte sono state annunciate per la prima volta nel giugno 2019 durante la presidenza rumena dell'UE.

"L'acqua è una risorsa preziosa. Oggi è un passo importante per mettere in atto nuove regole che ci consentiranno di recuperare l'acqua in un modo sicuro per gli esseri umani e gli animali e buono per l'ambiente ", ha affermato Ioan Deneș, ministro rumeno delle acque e delle foreste. "Ha senso stabilire standard minimi armonizzati per la qualità delle acque di recupero e per il monitoraggio della conformità in modo che i nostri agricoltori possano utilizzare l'acqua di recupero. Parte di questo riguarda l'apprendimento dall'esperienza di alcuni stati membri che hanno riutilizzato con successo l'acqua per decenni. ”

Il passo successivo nel processo decisionale dell'UE è che il Parlamento europeo approvi il progetto di legge prima che diventi legge.

Le ondate di calore, le scarse precipitazioni e le carenze idriche hanno presentato serie sfide agli olivicoltori negli ultimi anni e hanno avuto un impatto negativo sulla produzione di olio d'oliva.



Related News

Feedback / suggerimenti
Feedback / suggerimenti