`L'Europa agisce per fermare la diffusione dell'assassino degli ulivi - Olive Oil Times

L'Europa agisce per fermare la diffusione dell'olivicoltore

Febbraio 17, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

L'Unione Europea ha vietato lo spostamento di alcune piante da Lecce, nella regione Puglia, per aiutare a prevenire la diffusione della malattia devastante che ha già contagiato centinaia di ulivi.

In un regolamento pubblicato sabato, l'UE richiede inoltre a tutti i suoi Stati membri di avviare controlli annuali per la presenza del patogeno vegetale responsabile, Xylella fastidiosa (Xf), e di riferire sulla loro prima indagine di questo tipo entro la fine di ottobre.

Il regolamento -  "Decisione di esecuzione della Commissione, del 13 febbraio 2014, per quanto riguarda le misure per prevenire la diffusione nell'Unione della Xylella fastidiosa "- afferma che lo scorso 21 ottobre l'Italia ha informato l'UE della presenza di Xf in due aree separate di Lecce. Era la prima volta che la presenza di Xf sul campo era stata confermata nell'UE.

Da allora sono stati confermati altri due focolai a Lecce, così come la presenza di Xf in diverse altre specie oltre all'olivo (Olea europaea L.), vale a dire in mandorla, nerium oleander e querce.

I media italiani hanno riferito che gli esperti della Commissione europea hanno ispezionato boschetti e vivai colpiti la scorsa settimana e si attende un annuncio sulla possibilità di ordinare misure che potrebbero includere un massiccio abbattimento di alberi per i circa 600,000 ulivi che si dice si trovino nella zona della malattia.

Il divieto dell'UE non si applica alle sementi e sebbene si riferisca a "il movimento di piante per piantare fuori dalla provincia di Lecce ”, il regolamento esclude molte di queste piante (elencate in due allegati) perché test approfonditi hanno scoperto che non erano infetti da Xf.

I segni distintivi della malattia includono bruciatura delle foglie e sintomi di rapido declino.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti