`Europa perplessa dall'epidemia di ulivo - Olive Oil Times

Europa sconcertata dall'epidemia degli ulivi

Dicembre 3, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

produzione-europa-perplesso-dall'epidemia-di-olivo-olio-d'oliva-tempi-europa-perplesso-dall'epidemia-di-olivo

Gli scienziati stanno ancora cercando di individuare le cause e determinare come prevenire la diffusione della devastante malattia che uccide gli ulivi nella regione Puglia in Italia.

In un recente dichiarazione, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha affermato che mentre il patogeno vegetale Xylella fastidiosa (Xf) è stato rilevato negli ulivi nella provincia di Lecce il mese scorso, il suo ruolo specifico nel causare la malattia dell'olivo è ancora oggetto di indagine poiché funghi e insetti hanno è stato anche segnalato come associato.

Il rapporto dell'EFSA ha fatto seguito a una richiesta dell'11 novembre della Commissione europea per una consulenza rapida. "È urgente mettere in atto misure per prevenire la diffusione di questo organismo nocivo in altre parti dell'Unione attraverso la circolazione di piante, parti di piante e altri prodotti pertinenti ", ha affermato la direzione generale della Salute e dei consumatori.

Non c'è modo di sradicare Xf

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Nella sua relazione, l'EFSA ha affermato che esiste "nessun record di eradicazione riuscita della X. fastidiosa una volta stabilita all'aperto a causa dell'ampia gamma di ospiti del patogeno e dei suoi vettori. "

Ha affermato che le strategie volte a prevenire la diffusione di Xf e contenere l'epidemia in Italia dovrebbero concentrarsi sulle sue due principali vie di ingresso - il movimento delle piante da piantare e degli insetti infettivi nelle partite di piante - e basate sull'approccio del sistema integrato.

Si raccomandano controlli sul commercio e sulla circolazione delle piante

Quest'ultimo potrebbe combinare opzioni come aree libere da parassiti; sorveglianza; certificazione, produzione in serigrafia, controllo dei vettori e test per materiale di propagazione vegetale; preparazione, trattamento e ispezione delle partite per il percorso dei vettori infettivi nelle partite di piante, ha affermato l'EFSA.

Il commercio e il movimento di piante infette per la semina (ma non i semi) è il modo più efficiente per la dispersione a lunga distanza di Xf, tuttavia è anche diffuso da insetti vettori (vettori) che generalmente volano per brevi distanze fino a 100 metri ma possono anche essere trasportati dal vento su lunghe distanze o trasportati su partite di piante.

Xf è stato recentemente intercettato due volte in Francia nelle piante di caffè infette del Sud e Centro America, il che dimostra che "la probabilità di associazione con le piante per il percorso di impianto può essere valutata come probabile ", ha affermato l'EFSA.

L'importazione di agrumi e piante di vite nell'UE è vietata, ma il commercio di altre specie vegetali, come le piante ornamentali, è enorme e rapido, consentendo la sopravvivenza dei parassiti e dei loro insetti vettori, ha riferito.

Sono necessarie ulteriori informazioni

L'EFSA ha affermato che è difficile controllare la diffusione di Xf spruzzando insetticidi contro i vettori a meno che l'epidemiologia non sia molto chiara. Una delle maggiori sfide dell'epidemia di malattia dell'olivo nel sud Italia è che gli insetti portatori e il ceppo associato alla malattia devono ancora essere identificati.

L'EFSA ha affermato che per ora tutti gli insetti che si nutrono di fluido xilematico in Europa dovrebbero essere considerati potenziali vettori.

Nella sua sezione sulle raccomandazioni, lo ha informato "la gamma dell'ospite, i vettori, i percorsi e le opzioni di riduzione del rischio vengono ulteriormente valutati, una volta condotta una valutazione completa del rischio fitosanitario per X. fastidiosa per l'UE e una volta acquisite nuove conoscenze sull'epidemia pugliese di X. fastidiosa. "

Cos'è Xf?

L'EFSA ha affermato che Xf è un patogeno batterico per le piante trasmesso da vettori di insetti che alimentano il fluido xilematico ed è

associato a una serie di importanti malattie in una vasta gamma di piante.

"La maggior parte dei sintomi della malattia sono associati al blocco batterico del trasporto del fluido xilematico attraverso la pianta (acqua e sostanze nutritive). I sintomi di questo organismo nocivo nelle piante ospiti sensibili variano, ma includono bruciature marginali delle foglie, appassimento del fogliame e appassimento dei rami, deperimento e arresto della crescita con eventuale morte della pianta per gravi infezioni.

"L'epidemia in Italia è caratterizzata da estese bruciature fogliari e deperimento degli ulivi (Olea europaea), alcuni dei quali hanno più di 100 anni, su una vasta area stimata in 8,000 ettari ".

Xf in Italia

L'EFSA ha affermato che la presenza di X. fastidiosa è stata segnalata nel sud Italia (vicino a Lecce, nel Salento

penisola, regione Puglia) il mese scorso hanno causato sintomi di rapida diminuzione non solo sugli ulivi (Olea europea), ma anche sugli oleandri e sui mandorli.

"Le indagini hanno dimostrato che gli ulivi sintomatici erano generalmente colpiti da un complesso di parassiti: X. fastidiosa, diverse specie fungine appartenenti al genere Phaeoacremonium e Phaemoniella, e Zeuzera pyrina (falena leopardo). "

Is è il primo focolaio di Xf in condizioni di campo nell'Unione europea.



Related News

Feedback / suggerimenti