Gli agricoltori in Italia sono ottimisti durante la stagione della vendemmia

Dopo un raccolto rovinoso due anni fa, e uno forte l'anno scorso, gli agricoltori italiani rimangono diligenti e ottimisti mentre la raccolta 2016 si avvicina.

Agosto 16, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'ultimo raccolto eccellente e il precedente cattivo meritano il merito di aver equipaggiato i produttori italiani con le armi per salvaguardare i loro ulivi e migliorare la produzione.

Stanno mettendo in atto uno stretto monitoraggio contro il verificarsi di agenti patogeni, prestando maggiore attenzione alle condizioni climatiche e svolgendo impieghi sempre più frequenti di trattamenti biologici che si stanno dimostrando efficaci.

Abbiamo incontrato alcuni produttori di diverse regioni da sud a nord e abbiamo scoperto che, mentre alcune zone hanno avuto problemi a causa della grandine e alcuni uliveti hanno dovuto affrontare lievi assalti della mosca dell'olivo, è probabile che il prossimo raccolto segua un trend positivo .

Sicilia

Gli alberi secolari di Santagatese fiancheggiano le varietà più recenti piantate come Verdello, Nocellara Messinese, Nocellara del Belice, Biancolilla e Giarraffa che compongono l'oliveto di Villa Colonna.

Gestito da Adele Giaconia e suo marito e direttore tecnico Salvatore Mocciaro, l'azienda agricola si trova vicino al mare alle porte del parco naturale dei Nebrodi, a Reitano, in provincia di Messina.

Adele Giaconia a Villa Colonna

"L'ultimo raccolto è stato eccellente sia in termini di qualità che di quantità e il nostro Santagatese monovariatale ha ottenuto numerosi riconoscimenti ", ha detto Mocciaro Olive Oil Times. Durante l'inverno, a causa delle temperature miti, le piante non sono entrate nel riposo vegetativo e ora la quantità di frutta è inferiore rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Alcune olive sono state attaccate dalla mosca. "Abbiamo applicato un primo trattamento di caolino a metà luglio e, se necessario, ne effettueremo un altro prima della raccolta ”, ha spiegato Mocciaro. "Ciò avverrà abbastanza presto, a fine settembre, e da questo punto di vista limiteremo i danni di qualsiasi attacco aggiuntivo con mosche. Puntiamo a uno standard molto elevato e spero che, nonostante il volume inferiore, saremo in grado di portare frutti perfetti al mulino ".

Molise

Tenute Fierro è posizionata eroicamente sul limite naturale dell'olivicoltura e, con i suoi 800 m di altitudine, è uno degli uliveti più alti della regione.

Nel cuore verde del Molise, a Fossalto, in provincia di Campobasso, Pasqualino Fierro produce un blend di cinque varietà predominanti tra cui la Paesana Bianca autoctona, che ha una resa bassa ma regala un olio extravergine di oliva ricco, erbaceo e intensamente amaro, in abbinamento a Frantoio, Itrana, Coratina e Pendolino.

L'impianto di 6 x 5 metri è stato ideato da Fierro al fine di limitare i problemi dovuti alle improvvise e abbondanti nevicate che talvolta si verificano durante l'inverno. Il nostro agricoltore ha spiegato che la produzione di quest'anno è aumentata rispetto allo scorso anno.

"L'oliveto è stato impiantato nel 1994 e sta gradualmente aumentando la sua produzione, con un trend che dovrebbe andare avanti per i prossimi 7 - 8 anni ". Oltre all'atteggiamento naturale della giovane piantagione, la posizione alta offre una protezione speciale dagli attacchi delle mosche grazie alla temperatura. Fierro conduce il suo oliveto in regime biologico e utilizza solo concime verde cinque volte l'anno come fertilizzante.

"Alcuni produttori della zona hanno subito grandinate in maggio e giugno che hanno influito sulla produzione. Per fortuna qui il tempo era perfetto con una buona temperatura, umidità normale e pioggia ogni 10 - 15 giorni come se fosse una normale irrigazione ”, ha spiegato. "Sono ottimista per il prossimo raccolto ”

Umbria

La Fattoria Frantoio del Colle è costituito da un uliveto a conduzione familiare e da un frantoio trifase situato tra Panicale e Piegaro, in provincia di Perugia. Frantoio, Moraiolo, Leccino e Dolce Agogia, la varietà tipica del Lago Trasimeno, danno vita ad una miscela armonica con note di cardo, erbe amare e mandorla.

Renzo Pelagrilli

"Il periodo tra ottobre e dicembre è molto intenso per me ", ha sottolineato Elisa Galli, 28 anni, che si occupa non solo del lavoro sul campo, ma anche della gestione del mulino. "L'ultimo raccolto è stato molto buono dato che abbiamo iniziato a concentrarci sullo stretto monitoraggio degli ulivi, sia durante il periodo di sviluppo dei frutti, sia durante il raccolto e presso il frantoio. Ora i frutti sono abbondanti e in ottime condizioni, in linea con la normale crescita del periodo. ”È preoccupata quando piove per paura delle grandinate, ma finora il clima è stato gentile senza bisogno di cure.

Elisa Galli al Frantoio del Colle

"Dopo l'ultima eccellente produzione stiamo monitorando la presenza della mosca, poiché le alte temperature improvvisamente abbassate dalle recenti tempeste hanno aumentato l'umidità ", ha affermato Renzo Pelagrilli, che produce il Olio Pelagrilli olio extra vergine di oliva da un uliveto nel borgo medievale di Monteleone d'Orvieto, in provincia di Terni.

Azienda Agricola Renzo Pelagrilli

Le sue piante di Leccino, Frantoio e Moraiolo, ora in conversione al biologico, registrano attualmente una quantità di frutti superiore a quella dello scorso anno. Ha affrontato un attacco di mosca leggera che si è rivelato irrilevante. Il suo Moraiolo, che l'anno scorso ha incontrato difficoltà durante l'allegagione, sta sorprendentemente fiorendo. "Di questo passo, avrà una buona produzione ".

Liguria

"L'ultimo raccolto è stato eccellente sotto tutti i punti di vista ", ha dichiarato Roberto De Andreis, che aiuta le sue figlie Lavinia e Lia nella gestione dell'azienda agricola Ca 'Rossa, che prende il nome dal particolare colore rosso ciliegia del terreno.

Lavinia, Roberto e Lia De Andreis

In Liguria si produce un ottimo olio extravergine di oliva dai 32 acri di Taggiasca tra Imperia e Chiusanico. Lavinia si prende cura dell'oliveto che regala un monovarietale armonico dal gusto dolce e note di mandorla.

"Quest'anno la fioritura è stata buona, ma le condizioni climatiche degli ultimi mesi hanno fatto sì che la quantità prevista potesse essere inferiore rispetto allo scorso anno ”, ha considerato De Andreis. Per quanto riguarda la qualità, tutto dipende da condizioni come pioggia e umidità che potrebbero facilitare l'insorgere della mosca. "Durante i restanti mesi di agosto e settembre, saremo in allerta per garantire un'altra grande produzione ”.


Related News

Feedback / suggerimenti