La ricerca della perfezione della Finca La Torre a Málaga

Finca La Torre ha vinto sei Gold e due Best in Class Awards al New York International Olive Oil Competition. "Mentre la maggior parte degli agricoltori raccolgono molto tardi, scommettiamo su un raccolto molto precoce", ha spiegato Víctor Pérez, direttore della compagnia.

Febbraio 28, 2017
Di Pablo Esparza

Notizie recenti

Situata appena a sud di Jaén e Córdoba, non c'è da stupirsi perché la provincia di Malaga, nel sud della Spagna, possa essere stata un po 'oscurata. Almeno quando si parla di olio d'oliva. Ma in un angolo, nel nord della provincia, le cose stanno cambiando. 

Per quattro anni consecutivi, Finca la Torre è stato scelto come migliore produttore di olio extra vergine di oliva biologico in Spagna dal Ministero dell'Agricoltura del paese.

C'è un altro modo che puoi seguire, che è la scommessa sulla qualità. Non producendo grandi quantità ma raggiungendo la fine. Al consumatore.- Víctor Pérez, Finca La Torre

Questa tenuta nei pressi di Antequera, solo 50km nell'entroterra del capoluogo di provincia, ha vinto più di 30 negli ultimi cinque anni, tra cui sei premi Gold e due Best in Class al prestigioso concorso internazionale di olio d'oliva di New York.

"A Malaga c'è il vantaggio che esistono climi diversi. Quindi esiste una diversità molto importante in termini di varietà di olive ", ha affermato Víctor Pérez, ingegnere e direttore di questa azienda di proprietà svizzera.






Il tratto settentrionale della provincia, dove si trova Finca La Torre, è un'area arida con qualche influenza mediterranea. Qui è dove il file "mare di ulivi ”- che si estende verso nord fino a Jaén - inizia. 

A sud della provincia, più vicino al mare, il paesaggio diventa più montuoso e umido.

Hai pochi minuti?
Prova il cruciverba di questa settimana.

"A seconda del territorio in cui ci troviamo, potremo degustare tipi di olio d'oliva molto diversi. Quindi la ricchezza di varietà qui è molto più importante che in altre regioni ", ha detto Pérez Olive Oil Times. 

Víctor Pérez (Foto di Pablo Esparza)

Dalla cima di una collina dove i lavoratori stanno potando gli ulivi dopo la raccolta, Pérez ha indicato diverse aree della tenuta. Vecchi oliveti tradizionali si alternano a alberi, pascoli e boschi appena piantati. Pérez ha sottolineato l'importanza di questo ecosistema diversificato. 

"Abbiamo circa 380 ettari. Di questi, solo 230 sono dedicati agli ulivi. Il resto è foresta. Combiniamo ulivi con bestiame. Questo gioca un ruolo importante in quanto aiuta sia a controllare le erbacce che la fertilizzazione ". 

L'intera produzione, ha affermato, è certificata come biodinamica e biologica e i 34,000 ulivi della tenuta presentano una gamma di varietà locali. 

"Circa il 50 percento su 230 ettari sono di olive tradizionali di 130 anni Hojiblanca varietà. Abbiamo anche 100 ettari di uliveti intensivi dove coltiviamo quattro diverse varietà: Hojiblanca, Arbequina, Picudo e Cornicabra ", ha spiegato Pérez.

Alla domanda sulle ragioni del recente successo degli oli di Finca la Torres, ha aggiunto: 

"Ci siamo specializzati molto di più nella commercializzazione di olio d'oliva di prima qualità. Siamo un'azienda che ha una propria produzione e scommettiamo anche su un cambio di filosofia. Sebbene la maggior parte degli agricoltori raccolga molto tardi, scommettiamo su un raccolto molto precoce ".

Malaga si trova ben dietro i giganti spagnoli dell'olio d'oliva in termini di produzione. Tuttavia, questa provincia andalusa è al quinto posto tra le aree di produzione di olio d'oliva nel paese europeo, subito dopo Jaén, Córdoba, Granada e Siviglia. 

Nel 2015-16, Malaga, che ospita oltre 22,000 olivicoltori, ha prodotto 75,000 tonnellate di olio d'oliva. Potrebbe essere lontano dalle 600,000 tonnellate di Jaén, che rappresenta circa il 20% della produzione mondiale, ma non è una cifra spregevole. 

Tuttavia, al di là della quantità, le cose stanno cambiando nella scena dell'olio d'oliva di Malaga. E sta iniziando a diffondersi oltre Finca la Torre.

"Penso che l'abbiamo guidato ", ha detto Pérez, "nel senso che i produttori intorno a te vedono che sei in grado di vincere il Foods of Spain Award negli ultimi anni e anche un riconoscimento internazionale ".

"Questo apre la strada ad altri modi di affrontare la produzione di olio d'oliva: non solo la tipica produzione sfusa. No. C'è un altro modo che puoi seguire, ovvero la scommessa sulla qualità. Non producendo grandi quantità ma arrivando alla fine. Per il consumatore. "

"Molti produttori stanno aderendo a questa filosofia ”, ha assicurato Pérez.


Related News

Feedback / suggerimenti