`Cinque anni dopo, il rapporto UC Davis invia ancora onde d'urto - Olive Oil Times

Cinque anni dopo, il rapporto di UC Davis trasmette ancora onde d'urto

Giu. 14, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Cinque anni fa oggi, l'Università della California al Davis Olive Center ha pubblicato il suo rapporto su uno studio sulla qualità degli oli d'oliva in alcuni supermercati della regione. Il rapporto bomba si sarebbe rivelato un punto di svolta, citato innumerevoli volte per illustrare le imprese di produttori senza scrupoli.

Vedi anche: Cinque anni dopo, il rapporto di UC Davis trasmette ancora onde d'urto

Lo studio, finanziato in parte dai produttori californiani, era di piccole dimensioni ma ha avuto un grande impatto: "Il 69 percento degli oli di oliva importati etichettati come extra vergini ", il rapporto proclamato, "ha fallito lo standard sensoriale IOC. ”In altre parole, la maggior parte degli oli extra vergine di oliva importati non erano affatto extra vergini.

Questa semplice affermazione si rivelerebbe irresistibile per la stampa mainstream e il rapporto Davis è stato citato e citato da allora.

Il documento divenne una prova materiale in azioni legali di classe e audizioni delle commissioni commerciali. Sarebbe il grido di battaglia per un sforzo per stabilire un ordine di marketing, un'offerta per imporre controlli di importazione nel disegno di legge federale della fattoria, l'istituzione di un Commissione per l'olio d'oliva della California e, più recentemente, l'adozione di nuovi standard di qualità in California.

"All'epoca sembrava degno di nota ", ha dichiarato Dan Flynn, direttore esecutivo dell'UC Davis Olive Center, "ma non avevo la minima idea di quanto sarebbe diventato grande e che si sarebbe riverberato per tutto il tempo ". Sopraffatto dalla risposta al rapporto, Flynn ha sentito che oltre mille agenzie di stampa avevano raccolto la notizia pochi giorni dalla sua pubblicazione. "Era la mia introduzione all'era moderna e al modo in cui le notizie si diffondono ", ha detto Flynn.

Nonostante una tale risposta, lo studio ei suoi metodi non sono stati privi di critiche, ma Flynn sostiene senza scuse il rapporto. "Stavamo facendo luce su un problema che era là fuori ", ha detto. "Dopo cinque anni e tutto quello che è successo, mi sento bene per quello che abbiamo fatto ".

A Google search rivela quanto spesso il rapporto dell'Olive Center è stato citato nel corso degli anni, ma nessuna citazione era di alto profilo e imprecisa, come quella di un famigerato Infografica del New York Times che proclamava il 69 percento di tutti gli oli d'oliva importati "doctored. ”Mentre il Times alla fine corretto l'articolo, il danno era stato fatto e altro ancora le accuse sono volate avanti e indietro attraverso l'Atlantico.

I produttori di olio d'oliva di tutto il mondo sono rimasti giustamente scioccati dall'efficacia del rapporto Davis nel sollevare sospetti sull'olio d'oliva in tutte le sue forme. Riviste di consumatori e gruppi di difesa in tutto il mondo hanno iniziato a condurre i propri test di qualità spesso pseudo-scientifici che hanno implicato determinati oli, ma sono anche serviti a gettare una cappa storta sul business dell'olio d'oliva e su tutti coloro che ci sono dentro.

La disinformazione divenne dilagante e tutti volevano sapere se l'olio d'oliva nella loro cucina era buono o no. Sfruttando la confusione, il popolare guru della consulenza televisiva Dr. Oz ha detto ai suoi 3 milioni di telespettatori che, per controllare se l'olio era extravergine, dovevamo semplicemente metterlo in frigorifero per vedere se gelificasse - un metodo detto da Oz lo serviva bene ma, a quanto pare, ha nessuna base in effetti.

Dopo la relazione Davis, i produttori di entrambe le parti del dibattito che ne è seguito hanno intensificato gli sforzi per migliorare la qualità dei loro prodotti e distinguere i marchi attraverso denominazioni di origine, premi della concorrenza e sigilli di qualità. Lentamente, le persone sono tornate a parlare del benefici per la salute dell'olio d'oliva di nuovo, e come eleva i sapori dei piatti.

Il mese scorso, tuttavia, il gruppo che rappresentava molti degli importatori di olio d'oliva che erano gli obiettivi dello studio 2010 è stato respinto con un relazione propria che, hanno detto, hanno rivelato l'inadeguatezza dei nuovi standard della California. I critici chiamano quel rapporto profondamente imperfettoe il dibattito continua.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti