` Comprendere la relazione tra funghi e clima può frenare il costoso agente patogeno dell'olivo, dicono i ricercatori - Olive Oil Times

Comprendere la relazione tra funghi e clima può frenare il costoso agente patogeno dell'olivo, affermano i ricercatori

Febbraio 3, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Uno sforzo di ricerca coordinato nel sud della Spagna ha scoperto alcuni dei principali fattori climatici alla base della diffusione di un importante vettore di appassimento di Verticillium.

La nuova scoperta potrebbe aiutare gli olivicoltori mediterranei a mitigare gli impatti del micidiale patogeno vegetale, causato dal fungo Verticillium dahliae, nei loro frutteti.

Poiché V. dahliae prospera in condizioni di temperatura mite, i periodi di pioggia devono coincidere con quelli caldi per fornire le condizioni ottimali affinché l'agente patogeno possa prosperare.- IFAPA, 

"È già stato dimostrato che la diffusione del Verticillium appassito in un oliveto è il risultato dell'interazione tra il genotipo dell'olivo, la densità della sua presenza nel suolo, i meccanismi di diffusione e altri fattori ambientali, sia biotici che abiotici ", hanno detto i ricercatori dell'Istituto andaluso per la ricerca agricola e la pesca (IFAPA).

"Sebbene gli effetti della temperatura e dell'umidità del suolo siano ben noti su scala locale, nessuno studio precedente ha valutato quali fattori climatici influiscono sulla sua presenza su scala molto più ampia ", hanno aggiunto.

Vedi anche: Scienziati in Spagna identificano i geni dell'olivo resistenti al patogeno comune

Il progetto studio, pubblicato dalla rivista scientifica Plos One, si concentra su 779 uliveti della provincia di Granada, selezionati e censiti per la presenza del Verticillium dahliae.

Granada ospita 183,000 ettari di oliveti, che variano notevolmente in termini di pratiche di gestione, cultivar di olive e fattori ambientali.

Gli oliveti selezionati per l'indagine, hanno spiegato i ricercatori, coprono 2,833 ettari di terreno con una densità media di olivi di 139 olivi per ettaro.

"Quaranta modelli basati su combinazioni concorrenti di variabili climatiche sono stati adattati e valutati utilizzando metodi di teoria dell'informazione ", hanno scritto gli scienziati. "Un modello che includeva una combinazione moltiplicativa di variabili climatiche stagionali ed estreme è risultato essere il più praticabile ".

Più specificamente, il team di ricerca ha scoperto come un ambiente sottoposto a lievi variazioni di temperatura fungeva da ambiente perfetto per il fungo. Hanno anche osservato il ruolo dei modelli di pioggia nella diffusione della malattia.

Gli scienziati hanno considerato queste due variabili ambientali come le più rilevanti che influenzano l'infezione.

"L'effetto isotermico è stato a sua volta modulato dalla stagionalità delle precipitazioni, e questo è diventato meno negativo con l'aumentare della stagionalità ", hanno scritto i ricercatori.

Inoltre, nelle zone di olivicoltura sottoposte a una minore differenza di temperatura tra il giorno e la notte, i funghi dannosi tendevano ad essere più presenti. Lo studio lo ha anche dimostrato irrigazione ridotta la capacità dell'effetto isotermico di influenzare la presenza del Verticillium dahliae.

Vedi anche: Varietà di olive autoctone andaluse potrebbero essere spazzate via nel 2100, avvertono i ricercatori

"Poiché V. dahliae prospera in condizioni di temperatura mite, i periodi di pioggia devono coincidere con quelli caldi per fornire le condizioni ottimali per la prosperità del patogeno ", hanno scritto i ricercatori.

"Un'importante implicazione del nostro studio è che un'appropriata gestione dell'irrigazione quando l'oscillazione della temperatura si avvicina alle condizioni ottimali per la prosperità di V. dahliae, può ridurre la comparsa dei sintomi negli ulivi ", hanno aggiunto.

I ricercatori ritengono che i loro risultati andranno a beneficio di tutti gli olivicoltori e, soprattutto, degli olivicoltori andalusi.

La comunità autonoma meridionale non è solo la più grande regione produttrice di olio d'oliva al mondo, che rappresenta più di 1.3 milioni di tonnellate nella campagna 2020/21 - è anche tra le più colpite dall'avvizzimento del Verticillium. Il patogeno delle piante è una delle principali minacce per molti locali ad alta densità e super-alta densità uliveti

Secondo i ricercatori, i risultati "dimostrare che i fattori climatici composti a lungo termine piuttosto che le variabili primarie, come le tendenze annuali, possono spiegare meglio i modelli spaziali della presenza di Verticillium dahliae nella Spagna mediterranea ".





Related News

Feedback / suggerimenti