A Hacienda Guzman, promuovere la cultura dell'olivo celebrando la sua diversità

Juan Ramón Guillén ha iniziato a riportare piantine di diverse varietà di ulivi dai suoi viaggi. Ora, la sua 'Olivotheque' è tra le più grandi collezioni di cultivar di olive nel mondo.

Ana Sanchez
Settembre 28, 2017
Di Pablo Esparza
Ana Sanchez

Notizie recenti

Camminando lungo le linee degli ulivi del Olivotheque alla Hacienda Guzman, si può viaggiare nel mondo dell'olio d'oliva senza spostarsi da questa tenuta a Siviglia.

Questa sorta di giardino botanico con 150 varietà di ulivi provenienti da 13 paesi è una mappa mondiale della diversità dell'Olea Europea.

Circa 30 anni fa, Juan Ramón Guillén, produttore e uomo d'affari di lunga data di olio d'oliva, iniziò a riportare alberelli di diversi varietà di ulivi dai suoi viaggi.

Ora, la sua collezione è tra le più grandi raccolte di cultivar di ulivi nel mondo.

È uno dei principali progetti del Fondazione Juan Ramón, un'organizzazione destinata a promuovere la cultura dell'olio d'oliva: ciò che è iniziato per passione e piacere ha poi preso una nuova svolta scientifica ed educativa.






Incontriamo Ana Sánchez, coordinatrice generale della fondazione, all'ingresso di Haciencia Guzmán.

"Questo è un museo vivente degli ulivi. Il nostro scopo è studiare e analizzare le proprietà di ogni cultivar. Ogni raccolto, ogni anno, analizziamo le prestazioni e le proprietà di ogni varietà: il loro livello di polifenoli, il loro livello di antiossidanti ... "ha detto Olive Oil Times.

Questa tenuta del XVI secolo a soli 15 km da Siviglia era un tempo gestita da Hernando Colombus, figlio di Cristoforo Colombus, e svolse un ruolo rilevante nelle prime esportazioni di olio d'oliva nelle Americhe.

È ancora un luogo dedicato all'olio d'oliva: dal frantoio recentemente restaurato alle moderne strutture dove viene prodotto l'olio extravergine di oliva Hacienda Guzmán (un progetto commerciale che corre in parallelo alla fondazione).

L'Olivotheque - un arboreto di ulivi simile a un frutteto - si trova di fronte al palazzo in stile andaluso bianco e rosso.

Un visitatore può osservare le diverse forme e colori delle foglie e confrontare i grappoli di minuscole Arbequinas della Catalogna con le olive Uovo di Pichone italiane a misura d'uovo, il Cobrancosa portoghese, il Chami siriano o il Kan Celebi turco.

Alcune di queste cultivar - come la greca Koroneikis o la Nabali di Israele - sono esaltate per il loro olio nei loro paesi di origine.

Altre, come le grandi olive Gordal, sono principalmente olive da tavola con pochissimo interesse per l'olio. Alcuni sono semplicemente ornamentali, come la Zarza, una varietà i cui frutti a forma di cervello sembrano soffrire di qualche tipo di malformazione.


"Questo è ciò che ci interessa: vedere come ogni cultivar reagisce a questo suolo, a questa regione e a questo clima. Perché potremmo essere sorpresi e potrebbe esserci una varietà di un paese diverso che funziona molto bene qui ", ha sottolineato Sánchez.

Le olive all'olivicoltura vengono raccolte a mano e portate al frantoio con il resto della produzione della tenuta.

Una piccola quantità di olio viene prodotta a fini di ricerca, ma non è in vendita. Questi alberi - essendo pezzi di un "museo ”- sono anche trattati in modo diverso da quelli del resto della tenuta.

"Non sono tagliati. L'obiettivo è che questo sia un giardino botanico e vedere come reagiscono ", ha spiegato Sánchez.

Il catalogo mondiale delle varietà di olive, pubblicato dal Consiglio oleicolo internazionale - un'organizzazione intergovernativa della maggior parte dei paesi produttori di olio d'oliva - comprende 139 cultivar di olive. Oltre quelli ""di base", tuttavia, ce ne sono altre centinaia.

Riunirli tutti in un unico posto sembra una missione ambiziosa.

Nella sola Spagna, ci sono più di 250 cultivar, anche se solo 20 di loro sono ampiamente diffuse e oltre il 60 percento della produzione di olio d'oliva del paese proviene da poche: Picual, Arbequina, Cornicabra, Hojiblanca, Empeltre, Picudo.

"La nostra ricerca è iniziata nel 2011 e 2012, quindi stiamo iniziando a vedere i risultati ora ", ha detto Sánchez.

"Abbiamo ottenuto buoni risultati soprattutto con la varietà Lechín, che è una cultivar che non coltiviamo in azienda, ma vediamo che ha proprietà molto positive. Anche l'Arbosana, che è una varietà che ha un sapore molto gradevole e dà un olio molto profumato. E anche il Frantoio. È una cultivar italiana che sta rispondendo molto bene a questa terra ”, ha aggiunto.

Educare il pubblico e diffondere la ricchezza della cultura dell'olio d'oliva è anche uno degli obiettivi della fondazione e della Olivotheque.

Gli scolari vengono qui per conoscere questa diversità e come viene prodotto l'olio d'oliva, oltre che sulla sua benefici per la loro salute.

"Iniziano con una piccola degustazione in cui confrontano ad esempio l'olio Arbequina con l'olio Picual, che sono molto diversi. Poi scelgono quale preferiscono e fanno una sana colazione. Qui in Spagna abbiamo l'abitudine di consumare olio d'oliva, ma molto spesso non siamo consapevoli dei suoi benefici ", ha osservato Sánchez.

Oltre l'Olivotheque e i suoi progetti educativi, la Fondazione Juan Ramón Guillén sta promuovendo la Offerta andalusa per registrare il suo paesaggio di ulivi come sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Si tratta di un progetto a lungo termine iniziato nel 2012 e, in caso di successo, potrebbe concludersi nell'estate del 2020.

"Questo è qualcosa di immateriale. Comprende cinque province della Spagna meridionale: Cordova, Granada, Jaén, Malaga e Siviglia ”, spiega Sánchez.

"Stiamo parlando degli oliveti qui, ma anche delle professioni ad essi legate, tradizioni, edilizia, architettura, gastronomia… tutto ciò che circonda il settore. Quindi, alla fine, finirebbe per essere un modo per garantire che queste tradizioni non vadano perse. Che questo valore non è andato perso. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti