`La conferenza di Kalamata esamina la produzione e la sostenibilità moderne di olio d'oliva - Olive Oil Times

La conferenza di Kalamata esamina la produzione e la sostenibilità moderne dell'olio d'oliva

Novembre 14, 2011
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti



Una convenzione per "la moderna operazione di oleificio nel contesto della conservazione della qualità e della sostenibilità ambientale ”si è tenuta a Kalamata, in Grecia, il 4 novembreth. Scienziati e professionisti dell'industria dell'olio d'oliva hanno partecipato a una discussione sullo stato attuale dei frantoi in Grecia e sulle prospettive future della lavorazione del residuo come sottoprodotto.

Uno dei risultati utili è stato che, nonostante l'attuale stato sfavorevole a causa della crisi economica, vi è una tendenza a mettere da parte la tecnologia a 3 fasi e a utilizzare il processo di estrazione a 2 fasi in più frantoi seguendo l'esempio della Spagna .

Questo è l'unico aggiornamento per i mulini in Grecia attualmente finanziati dall'Unione Europea, che mira a ridurre gli effetti dei frantoi sull'ambiente.

È stato inoltre sottolineato che è necessario istituire mulini più grandi, al fine di raggiungere economie di scala che rendano redditizio lo sfruttamento dei residui.

Tuttavia, è stato sottolineato che tutte le tecnologie disponibili che le raffinerie moderne utilizzano per elaborare la polpa semiliquida come sottoprodotto del processo di estrazione in due fasi dovrebbero prendere in considerazione il bilancio energetico coinvolto, il che significa che non vi è alcun vantaggio nel lavorare la polpa se l'energia consumata supera l'energia acquistata (inclusi i costi di trasporto e il consumo energetico della raffineria).

Un fatto interessante comunicato è stato che ogni anno rimane sul campo una quantità di 400,000 tonnellate di biomassa dopo la raccolta delle olive (rami, ramoscelli e foglie), che potrebbe essere utilizzata per produrre combustibile da biomassa come il pellet restituendo un ricavo di 180-200 euro la tonnellata. Agricoltori e scienziati della terra hanno acconsentito, ma hanno richiamato l'attenzione di tutti sul fatto che questa materia organica è molto utile per il "humus "- gli avanzi sulla terra dopo l'umificazione delle piante - che rende fertile il terreno.

Infine, un approccio piuttosto radicale allo sfruttamento dei residui liquidi è il suo utilizzo per arricchire i serbatoi d'acqua in luoghi con basse piogge dopo che il residuo è stato depurato. Questo è stato presentato come una soluzione estrema quando esistono seri problemi con l'irrigazione dei campi, ma è stato respinto a causa delle preoccupazioni per l'acqua utilizzata per scopi domestici.

Related News

Feedback / suggerimenti