Sulle rive del Lago di Garda, i volontari raccolgono alberi abbandonati per beneficenza

I volontari di Toscolano Maderno stanno dimostrando il valore economico e sociale degli ulivi abbandonati.
2020Reimposta tutto
Dicembre 21, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Uliveti abbandonati nelle colline che circondano il Lago di Garda, nel nord Italia, vengono recuperati da un gruppo di volontari.

I volontari stanno raccogliendo frutteti isolati e persino alberi sparsi, molti dei quali sono sopravvissuti a vecchi uliveti distrutti per far posto a progetti di costruzione.

Sono una fonte rilevante di ricchezza, una fonte che viene trascurata e dimenticata.- Davide Boni, volontario, 2020ResetAll

Il Lago di Garda è una zona caratterizzata da panorami mozzafiato sul lago più grande del paese e patria del Garda DOP. Ed è qui che centinaia di alberi sono stati dimenticati, lasciati con frutti sui loro rami anno dopo anno.

Raccogliendo le olive e producendo olio extravergine di oliva, che è donato a famiglie bisognose, i volontari sperano di mostrare alle istituzioni locali e ai residenti l'opportunità degli alberi dimenticati presenti per la comunità.

Vedi anche: In Italia, gli uliveti abbandonati trovano nuova vita

"Durante l' pandemia attuale, quando tutti sono colpiti dai suoi effetti, con molte persone che perdono il lavoro e un picco di povertà tra la popolazione generale, abbiamo questi alberi, pieni di frutti, circondati da spine e spesso lasciati al loro destino dai loro proprietari ", ha detto Davide Boni , uno dei volontari di 2020Reimposta tutto, collettivo e membro del consiglio comunale di Toscolano Maderno.

attività-europa-produzione-mondo-sulle-sponde-del-lago-di-garda-volontari-raccolta-alberi-abbandonati-per-beneficenza-olio-d'oliva

"Tuttavia, sono una fonte importante di ricchezza, una fonte che viene trascurata e dimenticata ", ha detto Olive Oil Times.

Gli alberi rinvenuti di recente si trovano all'interno di un cantiere dove i lavori sono stati interrotti. All'interno di una recinzione di plastica arancione attorno al perimetro del sito, gli alberi sono i resti di un uliveto che un tempo decorava la collina.

"La prefettura locale aveva già avvertito in una dichiarazione pubblica come gli ulivi abbandonati costituiscano, tra l'altro, un rischio igienico. Le loro corone piene di frutti sono l'habitat perfetto per il mosca di frutta d'oliva", Disse Boni.

Dato l'alta qualità dell'olio extravergine di oliva prodotto nella zona e lo stato di abbandono del sito, i volontari hanno attraversato le recinzioni e si sono presi cura degli alberi, raccogliendo diversi quintali di olive.

"Mentre scendevamo al nostro villaggio con le olive, alcuni residenti anziani ci hanno parlato di altri campi dove gli alberi erano stati dimenticati e dovevano essere raccolti ", ha detto Boni.

attività-europa-produzione-mondo-sulle-sponde-del-lago-di-garda-volontari-raccolta-alberi-abbandonati-per-beneficenza-olio-d'oliva

2020Reimposta tutto

Mentre la voce del loro lavoro iniziava a diffondersi, il più grande ostacolo da superare era la burocrazia.

Dal nuovo blocco Covid-19 è stato dichiarato in Lombardia, dove si trova la sponda occidentale del lago, i volontari non potevano muoversi liberamente, così come il stagione di raccolta era in pieno svolgimento.

Mentre gli olivicoltori affermati erano autorizzati a continuare le loro attività durante il blocco, il lavoro dei volontari del gruppo rischiava di fermarsi completamente.

"La polizia locale voleva che chiedessimo un permesso preventivo per raggiungere i campi, o per portare le olive al frantoio ", ha detto Boni. "Quindi abbiamo avuto l'idea di trasformare queste richieste eccessive in carburante per la nostra campagna di sensibilizzazione ".

attività-europa-produzione-mondo-sulle-sponde-del-lago-di-garda-volontari-raccolta-alberi-abbandonati-per-beneficenza-olio-d'oliva

"Abbiamo firmato un appello pubblico nel mio comune, Toscolano Maderno, chiedendo alle autorità di non manomettere il lavoro dei volontari, che si erano impegnati a prendersi cura degli ulivi trascurati che spesso si trovano su terreni difficili - rocciosi e scoscesi ", ha aggiunto.

Le richieste sono state condivise attraverso i social media e sono state ulteriormente rafforzate quando la prefettura ha messo in guardia gli agricoltori sui rischi per le imprese stabilite dai frutteti abbandonati.

"È successo tutto molto velocemente da quando siamo entrati in quel cantiere poche settimane fa ”, ha detto Boni. "La voce si è sparsa e dozzine di persone si sono unite a noi per lavorare sugli alberi ".

pubblicità

Mentre i volontari si sono impegnati a prendersi cura degli alberi, hanno sottolineato quanti altri frutteti sono ancora lasciati incustoditi nella zona.

attività-europa-produzione-mondo-sulle-sponde-del-lago-di-garda-volontari-raccolta-alberi-abbandonati-per-beneficenza-olio-d'oliva

2020Reimposta tutto

"Molte zone sono vittime della speculazione immobiliare che ha avuto luogo nei primi anni 2000 sulle nostre colline ”, ha detto Boni. "Ma molti alberi vengono lasciati lì perché sono proprietà di persone anziane che non possono più gestirli, o sono stati ereditati da persone più giovani che non trovano un motivo per raccogliere le olive o prendersi cura degli alberi ".

I volontari non volevano fare il lavoro di chi possiede le proprietà ma invece hanno spiegato che sperano nelle loro azioni "inviare un segnale a persone e istituzioni mentre lottano contro la pandemia ".

Boni, che ha ricoperto anche la carica di vicesindaco di Toscolano, ha sottolineato come il collettivo "spera di spingere coloro che devono prendere decisioni ad andare avanti nella giusta direzione ".

"Non abbiamo alcun interesse a diventare un'azienda ufficiale. La nostra azione è un'azione politica per aumentare la consapevolezza ”, ha aggiunto. "Stiamo dando l'olio d'oliva ai servizi sociali dei comuni in cui sono state raccolte le olive in modo che possa beneficiare le famiglie bisognose, contribuendo anche a diffondere la parola sulle risorse trascurate e rilevanti disponibili nella nostra zona ".

Alcune bottigliette di olio d'oliva saranno offerte dal collettivo ai sindaci dei comuni coinvolti ea diversi altri funzionari pubblici, con una lettera che spiega l'origine dell'olio e il significato del lavoro dei volontari.

"Nello scenario pandemico in cui viviamo, il nostro lavoro sulle olive aderisce a una logica di ricollegamento delle attività sociali alle istituzioni, in modo da lavorare finalmente insieme per la nostra comunità ", ha detto Boni.





Related News

Feedback / suggerimenti