Varietà di olive

Leucocarpa, l'abbagliante oliva bianca della Magna Grecia

Abbiamo chiesto ai ricercatori perché la varietà di olive Leucocarpa sia completamente bianca per tutto il suo ciclo di sviluppo.

Olive Leucocarpa (Foto di Gino Vulcano)
Ottobre 1, 2018
Di Ylenia Granitto
Olive Leucocarpa (Foto di Gino Vulcano)

Notizie recenti

La Leucocarpa, detta anche Leucolea, è una varietà di olive caratterizzata da piccoli frutti che, durante la maturazione, assumono un colore bianco avorio. "Molto diffuso nelle regioni dell'Italia meridionale, con una forte presenza in Calabria, è stato probabilmente introdotto durante la colonizzazione della Magna Grecia, "Innocenzo Muzzalupo, ricercatore presso il Consiglio per la ricerca e l'economia agraria, Centro di ricerca per olive, agrumi e alberi da frutta ( CREA-OFA), ha detto Olive Oil Times.

A causa del colore bianco dei frutti, che nella cultura occidentale simboleggia la purezza, è stato utilizzato principalmente per scopi religiosi.- Innocenzo Muzzalupo, CREA-OFA

"L'olio extra vergine di oliva prodotto da questa varietà ha le stesse caratteristiche di tutti gli altri per quanto riguarda la composizione di acidi grassi, aromi e aromi tipici di un prodotto fruttato leggero ”, ha chiarito.

"Un piccolo numero di produttori lo usa in miscela con altre cultivar predominanti, ma a causa del colore bianco dei frutti, che nella cultura occidentale simboleggia la purezza, è stato utilizzato principalmente per scopi religiosi. ”Ecco perché Leucocarpa viene spesso coltivata vicino a conventi , dove il suo olio, dopo aver ricevuto una benedizione, è destinato ai sacramenti e ad altri riti cattolici e, in passato, per ungere l'imperatore durante la cerimonia di incoronazione.

Olive Leucocarpa (Gino Vulcano)

Questa è un'ulteriore prova di come gli antichi, indipendentemente dal loro credo, associassero l'olivo e l'olio d'oliva alla sacralità, come è successo ad Atenee in molti altri luoghi del bacino del Mediterraneo, a tal punto che oggigiorno l'olivo è universalmente considerato a simbolo di pace.

Tornando a Leucocarpa, la caratterizzazione genetica ha stabilito che appartiene a un ceppo unico, la cui diffusione limitata è probabilmente dovuta a una propagazione inquieta. Quindi, gli agricoltori si prendono cura di questi ulivi, che durante la stagione frutticola danno un affascinante effetto estetico, che secondo uno studio condotto da Muzzalupo con altri ricercatori del CREA e dell'Università della Calabria, è dovuto a: "spegnimento ”di flavonoidi e antociani.

pubblicità

"La maturazione delle olive comporta due fasi: in primo luogo, il passaggio e la sintesi della clorofilla che fa diventare verde il frutto, quindi la degradazione della clorofilla quando l'oliva perde il suo colore ", ha spiegato il nostro ricercatore. "Allo stesso tempo, generalmente, nelle olive come nella maggior parte dei frutti, viene attivata la sintesi di antociani e altri flavonoidi, e questo provoca il loro colore bluastro o nerastro. ”

Dobbiamo ricordare che alcune varietà, durante la prima parte della maturazione della drupa, assumono una tonalità di verde molto pallida che è quasi bianca. Ad esempio, Biancolilla, il cui nome richiama il colore bianco (Bianco in italiano), viene erroneamente chiamato Leucocarpa in alcune aree, perché dopo la degradazione della clorofilla, i frutti rimangono di colore chiaro anche per venti giorni fino all'attivazione dei suini.

"Nella cultivar Leucocarpa, l'attivazione dei flavonoidi e degli antociani non si verifica affatto ", ha spiegato Muzzalupo. "Questa è l'unica varietà che rimane bianca in qualsiasi fase della maturazione, e se lasciamo i frutti sugli alberi fino alla fine dell'inverno, li troveremo bianchi, al massimo tendenti al giallastro a causa dell'ossidazione dei lipidi. Nel nostro studio abbiamo cercato di capire perché questo accada. "

I ricercatori hanno scoperto che la trascrizione di geni specifici è bloccata a livello di alcuni enzimi da un processo di regolazione; poi, hanno scoperto quali meccanismi regolatori si verificano, attraverso specifici microRNA. Quest'ultima scoperta ha portato al pubblicazione della ricerca 'Il sequenziamento profondo degli RNA corti di olive identifica i microRNA destinati alla maturazione della drupa. "

"La caratterizzazione delle trascrizioni dai percorsi biosintetici dei flavonoidi e degli antociani e l'analisi del loro livello di espressione nei frutti di oliva è un obiettivo importante, non solo per comprendere invaiatura evento di frutta, ma anche per aumentare la conoscenza di queste molecole antiossidanti, che sono importanti per la salute umana ", ha osservato Muzzalupo.

Ha anche riportato il risultato ottenuto macinando questa varietà con un dispositivo simile a Keurig chiamato Revoilution.

"Abbiamo bucato le olive di Leucocarpa e congelato la polpa in azoto liquido; poi l'abbiamo schiacciato e inserito nella macchina ", ha spiegato il ricercatore. "Fondamentalmente, evitando completamente l'ossidazione, abbiamo ottenuto un olio extra vergine di oliva di medio fruttato con caratteristiche organolettiche ideali, che aveva l'unica particolarità di essere incolore. È stato molto buono, con un piacevole sapore speziato e amaro. ”


Related News