` Il corso promuove lo sviluppo sostenibile in Tunisia - Olive Oil Times

Corso Promuove lo sviluppo sostenibile in Tunisia

Novembre 28, 2012
Naomi Tupper

Notizie recenti

L'Università Internazionale dell'Andalusia (UNIA), ha avviato un nuovo corso sul Mediterraneo olivicoltura, che si è tenuto nel paese africano della Tunisia questo mese.

Il corso, conclusosi il 7th a novembre hanno partecipato circa 50 studenti, tra cui laureati e tecnici che lavorano in campi legati all'olivicoltura. Il programma era guidato da Lourdes Soria, allenatore del Centro andaluso per gli studi sullo sviluppo rurale all'università, ma comprendeva anche relatori ospiti esperti del settore olivicolo spagnolo e tunisino.

Relatori, tra cui José Carlos Bautista West, di Jaén GEA Westfalia, Juan Manuel Cabellero e Javer Hidalgo Moya, ricercatori dell'Istituto per la ricerca e la formazione nel settore agricolo e della pesca di Cordova, nonché vari rappresentanti dell'Istituto oleicolo della Tunisia hanno condiviso le loro conoscenze in tutto il durata del corso. I partecipanti hanno approfondito le nuove tecniche agricole, le pratiche di gestione e le moderne tecniche agronomiche.

Lourdes Soria

Il corso, che era un'iniziativa generata attraverso la collaborazione dell'UNIA, l'Istituto nazionale agronomico della Tunisia e il Consiglio oleicolo internazionale, è stato progettato per promuovere lo scambio di esperienze e conoscenze tra il settore olivicolo spagnolo e tunisino. Lo sviluppo sostenibile del settore è stato all'avanguardia nell'organizzazione del corso, con particolare attenzione alla gestione della coltivazione dell'olivo e al cambiamento delle condizioni di crescita.

Istituto Agronomico Nazionale della Tunisia

L'industria dell'olio d'oliva e dell'olio d'oliva è di grande importanza per la Tunisia, che è il quarto esportatore più grande al mondo, dopo Spagna, Grecia e Italia, e il più grande esportatore al di fuori dell'UE. Circa un terzo della superficie arabile della Tunisia è dedicata agli oliveti, tuttavia si teme che i metodi di coltivazione e raccolta debbano essere aggiornati affinché il settore continui a crescere.

Quest'anno, Olio d'oliva tunisino le esportazioni sono aumentate di circa il 25 per cento in più rispetto all'anno precedente, un aumento che può essere attribuito a buone strategie per mantenere qualità e quantità. Tuttavia, si ritiene ancora che la produttività richieda l'ottimizzazione e che devono essere promosse tecniche moderne come la raccolta meccanica delle vibrazioni e alternative di confezionamento più accattivanti.

Il segretario generale dell'Agenzia per la promozione degli investimenti agricoli, Amel Bil Hadj Kacem, ha dichiarato lo scorso anno la sua intenzione di lavorare con investitori stranieri per superare i problemi del settore e promuovere la Tunisia come uno dei principali produttori di petrolio. Si spera che le collaborazioni con la Spagna, il principale produttore di olio d'oliva al mondo, forniscano le conoscenze necessarie per modernizzare l'industria e aumentare la presenza della Tunisia nel settore olivicolo globale.



Related News

Feedback / suggerimenti