La Nuova Zelanda diminuisce a causa di condizioni meteorologiche avverse

"Siamo in ritardo per iniziare (la raccolta) di due settimane e direi che il raccolto è diminuito di almeno un terzo della metà in alcuni boschetti". Anne Stanimiroff co-proprietario della Rangihoua Olive Estate ha detto Olive Oil Times.

Può. 18, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

I produttori di olive della Nuova Zelanda sono stati costretti a ritardare la raccolta in questa stagione poiché la mancanza di sole e le piogge torrenziali hanno portato i frutti a maturare in ritardo. Poiché la stagione del raccolto avrebbe dovuto essere in corso, la Nuova Zelanda è stata colpita da tempeste e cicloni nel peggiore tempo che hanno colpito il paese per 50 anni. Gli olivicoltori si sono preparati per un raccolto deludente e un calo delle rese fino al 90%.

Direi che il volume del raccolto è diminuito di almeno un terzo forse della metà in alcuni boschetti.- Anne Stanimiroff, Rangihoua Olive Estate

Sull'isola di Waiheke, una regione vinicola e olivicola non lontana da Auckland, la raccolta è iniziata solo alla fine di aprile. Lo ha detto Anne Stanimiroff, comproprietaria della Rangihoua Olive Estate Olive Oil Times, "Siamo in ritardo per iniziare di due settimane e direi che il volume del raccolto è diminuito di almeno un terzo, forse della metà in alcuni boschetti. I rendimenti degli oli sembrano in media di circa il 15%.

I produttori neozelandesi hanno presentato solo quattro iscrizioni al concorso internazionale per l'olio d'oliva di New York di quest'anno e una società, Olive Nuova Zelanda, ha vinto due premi d'oro con i suoi marchi Robinsons Bay e Old French Road.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva di quest'anno dalla Nuova Zelanda

Stanimiroff ha aggiunto, "Sull'isola di Waiheke, dove siamo basati, abbiamo registrato il record di precipitazioni a marzo che è stato di 322 mm, il massimo da quando sono iniziate le registrazioni nel 1914. Ad aprile abbiamo avuto altri 271.5 mm di pioggia dal 1968. Non va bene per alcuni dei nostri viticoltori e olive ".

Stanimiroff che gestisce la tenuta di Rangihoua dal 1996 e ha ricevuto una serie di riconoscimenti per i suoi oli d'oliva Olive Oil Times, "In questa fase, non ho assaggiato troppo del nostro EVOO fresco per avere un'opinione sulla qualità. "

Wil e Geritt Kruithoed, proprietari della Moutohora Olive Estate a Thornton, si sono preparati per un calo del 90% della resa, incolpando le tempeste che si sono abbattute sulla Baia di Plenty a marzo.

Wil Kruithoed ha detto a NZ Farmer all'inizio di questo mese, "La raccolta dovrebbe essere già iniziata, ma la scarsa esposizione al sole significa che la raccolta non inizierà prima di altre 2 settimane ". Kruithoed, che fa affidamento sulle sue olive Koroneiki per salvare la giornata, ha detto a NZ Farmer: "Ho sentito che quest'anno tutti hanno perso la produzione; a nord, il Wairarapa e probabilmente anche Canterbury. ”

Kruithoed ha promesso di non aumentare i prezzi dell'olio d'oliva per mantenere gli affari. Ha espresso ottimismo sul fatto che la pioggia eccessiva porterà a un raccolto eccezionale il prossimo anno. La coppia olandese coltiva olive nella tenuta da quasi 20 anni e produce un premiato olio d'oliva.

Kerry Hart, comproprietario di Azzuro Groves, situato sulla penisola di Te Whau di Waiheke, ha descritto un quadro misto quando ha iniziato la raccolta alla fine di aprile. Hart ha detto a NZ Farmer che alcuni dei suoi boschi lo erano "carico di frutta ”, mentre altri portavano pochissimo. Hart ha aggiunto, "È stato un anno difficile ma manterrò i prezzi invariati ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti