`Un 'ID' per pugliese Extra Virgin Olio d'oliva

Europa

Un 'ID' per pugliese Extra Virgin Olio d'oliva

Giu. 30, 2013
Di Luciana Squadrilli

Notizie recenti

un-id-per-pugliese-extravergine d'oliva-olive-olio-volte-un-id-per-pugliese-olio di oliva

Sul 22nd a luglio, il nuovo progetto PIVOLIO è stato presentato a Bari, la sede della Puglia, la regione dell'Italia meridionale che produce la maggior parte dell'olio d'oliva (il 40 percento della produzione nazionale proviene da qui). L'acronimo sta per processo innovativo per la valorizzazione dell'olio extra vergine di oliva.

L'obiettivo del nuovo progetto - che è stato attuato con i fondi del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nell'ambito del Programma operativo nazionale per "Ricerca e competitività ”2007 - 2013 - è certificare la qualità dell'olio extra vergine di oliva con i coltivatori che utilizzano tecnologie all'avanguardia, per promuovere prodotti di qualità, contrastando al contempo le frodi.

Gennaro Sicolo, presidente della cooperativa di produttori locali Oliveti Terra di Bari, ha illustrato le principali caratteristiche di ciò che ha descritto come "un progetto di ricerca che ha una grande importanza per l'olivicoltura, il settore trainante dell'economia locale. "Aiuterà a certificare la qualità dell'olio extra vergine di oliva, difendendo così l'impegno di centinaia di migliaia di produttori il cui lavoro non è mai stato pienamente riconosciuto, " Egli ha detto.

Per la prima volta, l'analisi del NIR (spettroscopia vicino all'infrarosso) verrà effettuata direttamente dal frantoio, per ogni singolo luogo di produzione. Le informazioni verranno utilizzate immediatamente, contribuendo a classificare e proteggere la qualità dell'olio d'oliva e a supportare il sistema di tracciabilità.

pubblicità

Il progetto coinvolgerà oltre 400 aziende agricole nelle aree di tre distretti locali - Bari, Foggia e Bat, comprese le città di Barletta, Andria e Trani - e 7 cooperative di produttori locali, insieme a molte organizzazioni locali e istituti scientifici: le Università di Bari e Salento, l'Istituto di Fisiologia Clinica del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), il Centro di ricerca sull'olivicoltura e l'industria petrolifera di Rende, il consorzio CARSO (Centro di formazione per la ricerca scientifica oncologica), la cooperativa Oliveti Terra di Bari e Apuliabiotech.

Insieme investiranno 4 milioni di euro per creare un "carta d'identità ”per l'olio extra vergine di oliva, identificando la composizione genetica specifica di ogni singola varietà usando la risonanza magnetica nucleare (NMR). Questo inizierà da alcune delle varietà locali più rappresentative come la Coratina, l'Ogliarola Barese, la Cima di Bitonto, la Cima di Mola e la Peranzana.

Tra gli obiettivi del progetto c'è la creazione di un database degli elementi delle diverse varietà e dei loro effetti antinfiammatori e antitumorali. I produttori saranno in grado di supportare scientificamente i loro prodotti e le loro proprietà, aggiungendo così valore ai loro oli d'oliva monoorigine.

Anche i clienti trarranno vantaggio dal progetto: un'etichettatura corretta e completa - che riporterà una vasta gamma di informazioni, come tutte le proprietà organolettiche, nutrizionali e curative - li aiuterà a capire cosa stanno comprando (e mangiando), completamente informato della sua origine e proprietà.



Related News