`Aggiungi la Francia all'elenco in crescita dei raccolti poveri - Olive Oil Times

Aggiungi la Francia alla lista crescente dei cattivi raccolti

Novembre 3, 2014
Alice Alech

Notizie recenti

L'industria dell'olio d'oliva in Francia dovrà affrontare un anno catastrofico simile alle perdite subite dai coltivatori nel 1956. Aggiungere qui le fosche prospettive a situazioni simili in gran parte dell'Italia e della Spagna.

La Francia non produce molto olio d'oliva rispetto ai suoi vicini mediterranei. In una buona annata, la produzione può essere di circa 4,500 tonnellate, ma quest'anno si stima che ne produca solo 2,000 tonnellate, più del 50% di perdita.

Olivier Nasles, presidente di L'associazione Française Interprofessionelle de L'Olive, (AFIDOL) l'associazione interprofessionale per l'olio d'oliva in Francia ha paragonato la situazione a uno tsunami nell'industria locale dell'olio d'oliva.

La riduzione della quantità e della qualità delle olive francesi avrà un effetto sull'intero settore, compresi i proprietari di frantoi che lavorano olive da piccoli produttori.

Secondo AFIDOL, l'inverno di quest'anno non è stato abbastanza freddo da avere un effetto sufficiente sulle mosche dell'olivo, consentendo alle larve della mosca della frutta di sopravvivere e nutrirsi. L'estate ha portato giornate calde e fredde, ugualmente dannose per le olive, facendole cadere a terra.
Vedi anche: Copertura completa del raccolto 2014
Alcuni produttori di olio d'oliva in Provenza temono che potrebbero non essere in grado di presentare i loro prodotti alle competizioni nazionali e internazionali annuali, mentre altri temono di non essere in grado di soddisfare i clienti sia in patria che all'estero.

Catturati in questo periodo di prova sono Gilles e Brigitte Stalenque, che ha vinto un Gold Award per il loro fruttato olio d'oliva verde al Concorso internazionale dell'olio d'oliva di New York l'anno scorso. Dal loro domaine di cinque ettari situato nell'antico villaggio di Seillans, 72 chilometri nell'entroterra di Nizza, Brigitte ha detto: "È così difficile mantenere il morale, siamo così orgogliosi della nostra attività di famiglia e ora questo ”.

Con una nota positiva, AFIDOL ha affermato che i risultati di quest'anno non avranno lo stesso effetto catastrofico del freddo drastico del 1956, quando gli alberi dovettero essere abbattuti. Alexandra Paris di Afidol ha detto che i produttori nel 1956 hanno dovuto sopportare gravi effetti a lungo termine. I produttori francesi torneranno all'azione, ha promesso Parigi, nel 2015.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti