Progetto per piantare alberi di acacia in Tunisia Combatti la desertificazione

Nato da un'idea di un imprenditore sociale di 29, un progetto in Tunisia, pianta alberi di acacia per affrontare la scarsità di acqua e la desertificazione.

Giu. 25, 2017
Di Isabel Putinja

Notizie recenti

Un progetto di impresa sociale per piantare alberi di acacia in Tunisia affronta la scarsità d'acqua e la desertificazione causata dal cambiamento climatico in Tunisia. 

Acacias For All è stato lanciato nel 2012 da Sarah Toumi, un'imprenditrice sociale tunisina di 29 anni, con l'obiettivo non solo di affrontare la desertificazione, ma anche di sostenere i lavoratori agricoli locali. 

L'albero di acacia viene introdotto nelle comunità agricole come alternativa alle colture di ulivi e mandorli che non prosperano se irrigate con l'acqua salata che si trova qui. 

Le piogge sono state scarse in Tunisia negli ultimi anni ei metodi di coltivazione convenzionali tendono a causare l'esaurimento del suolo, il che aggiunge ulteriore stress al settore agricolo locale. 

Le piante di acacia estremamente resistenti possono essere irrigate con acqua contenente fino a otto grammi di sale per litro e si adattano bene alle condizioni del deserto attingendo acqua fino a 200 piedi sotto terra. La pianta protegge anche altre colture creando una barriera dal vento e dalla sabbia e migliora la qualità del suolo grazie alle sue proprietà di fissazione dell'azoto che aiutano a ravvivare il suolo. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Toumi ha lanciato per la prima volta il progetto nel villaggio di Bir-Salah, vicino a El Hencha, nella regione di Sfax, dove ha allestito un centro dimostrativo e ha mostrato agli agricoltori locali come piantare alberi di acacia come pratica agricola sostenibile. 

"Volevo affrontare la mancanza di accesso alle risorse necessarie affinché gli agricoltori locali potessero adattarsi ai cambiamenti climatici e fornire loro il know-how scientifico e tecnico per adattarsi alla situazione e commercializzare i loro prodotti ", ha spiegato Toumi sulla web radio di Néoplanète. "Non solo hanno un impatto positivo sull'ambiente, ma aumentano anche il loro reddito ". 

Ha scoperto che le donne che lavorano nel settore agricolo erano più ricettive a questa idea innovativa e ha compreso i vantaggi della piantagione di acacia e come la sua coltivazione potrebbe essere una nuova fonte di reddito. Le donne sono organizzate in cooperative in modo che il ciclo agricolo possa essere gestito meglio. 

Il progetto presto si estese ad altre 14 regioni locali "ambasciatori ”hanno replicato il modello. Ad oggi sono stati piantati oltre 50,000 alberi di acacia, ma l'obiettivo è di avere un milione di alberi entro il 2018 e di portare il progetto in altri paesi del Nord Africa. 

Chiamata anche moringa o albero della coscia, la pianta di acacia non è originaria della Tunisia, ma probabilmente ha avuto origine nel subcontinente indiano. L'India ha una produzione annuale di oltre un milione di tonnellate di acacia. La pianta cresce anche in America centrale, nei Caraibi e nei paesi settentrionali del Sud America. 

I sottoprodotti della pianta sono la gomma arabica, o gomma d'acacia, che è la linfa indurita dell'albero. Viene utilizzato nell'industria alimentare come stabilizzante e legante nelle pitture ad acquerello e negli smalti ceramici, tra gli altri usi. 

L'olio di Moringa viene anche estratto dai semi della pianta e viene utilizzato in alimenti e medicinali. Le foglie della pianta vengono ridotte in una polvere ricca di vitamine e minerali che viene utilizzata per integratori alimentari, tisane o viene mescolata con miele. 

Nel 2013, Acacias for All è stata scelta dal governo francese come una delle 100 innovazioni in Africa che plasmano il futuro dello sviluppo sostenibile e nel 2016 Toumi è stata identificata da Forbes come uno dei 30 imprenditori sociali under 30 che stanno cambiando in tutto il mondo.



Related News

Feedback / suggerimenti