`La Puglia definisce il protocollo per la sostituzione degli alberi colpiti da Xylella

Notizie in breve

La Puglia definisce il protocollo per la sostituzione degli alberi colpiti da Xylella

Novembre 18, 2019
Ylenia Granitto

Notizie recenti

La Regione Puglia, il Ministero delle Politiche Agricole e il Ministero dei Beni Culturali hanno firmato un accordo di protocollo che consente agli agricoltori di ripiantare gli ulivi nelle aree colpite Xylella fastidiosa (Xf) soggetto a vincoli paesaggistici, senza la preventiva autorizzazione delle commissioni paesaggistiche e del Soprintendente per i beni culturali.

La misura riduce gli oneri burocratici per coloro che vogliono ripristinare gli uliveti danneggiati. I coltivatori sono tenuti, tuttavia, a sostituire gli alberi sradicati con "solo cultivar di olive resistenti, come Leccino o Fs-17, o altre varietà di olive che può rivelarsi resistente o tollerante "a Xf. La Regione Puglia è responsabile del monitoraggio, tenendo informati i ministeri.

Gli agricoltori devono richiedere un'autorizzazione paesaggistica solo se gli interventi di reimpianto rischiano di compromettere la conservazione dei beni territoriali e storici che caratterizzano il paesaggio rurale dell'area come muri a secco, lamie (tipiche case antiche), specchie (megaliti), trulli (capanne tradizionali), cisterne, pozzi e così via.

L'intesa era stata precedentemente descritta dal ministro dell'Agricoltura, Teresa Bellanova. "Stipuliamo un accordo di protocollo per semplificare e sbloccare il reimpianto di ulivi ”, ha detto durante un incontro con alcune associazioni di olivicoltori a Leverano (Lecce).

Tuttavia, la misura non è stata accolta con favore da tutti gli olivicoltori pugliesi, alcuni dei quali si oppongono al reimpianto obbligatorio di ulivi e hanno invitato le istituzioni a lasciare aperta la possibilità di coltivare altre colture mediterranee come fichi e mandorli per evitare il ri -istituzione della monocoltura e favorire la biodiversità.

pubblicità




Related News