Riabilitazione degli ulivi in ​​Aragona per arginare l'esodo rurale della Spagna

Apadrina un Oliva ha messo in adozione gli ulivi abbandonati della zona. Il risultato ha dato un'ancora di salvezza alla città e ai suoi abitanti.

Foto: Apadrina un Oliva
Settembre 17, 2021
Di Daniel Dawson
Foto: Apadrina un Oliva

Notizie recenti

Uno dei problemi più critici che la Spagna deve affrontare è l'esodo rurale in corso.

Circa il 95 percento della popolazione del paese vive solo sul 30 percento del territorio, con la maggior parte delle persone che vivono a Madrid e lungo la costa.

Siamo assolutamente convinti che sia un'idea da portare in altri territori. Non deve nemmeno essere con ulivi abbandonati.- José Alfredo Martín Piñas, co-fondatore, Apadrina un Oliva

Un rapporto del governo del 2019 ha affermato che il 48% di tutti i comuni ha meno di 12.5 abitanti per chilometro quadrato. Parti dell'Aragona e dell'Estremadura, la quarta e la quinta regione più grande della Spagna per superficie, hanno densità di popolazione alla pari con quelle della Siberia: solo due persone per chilometro quadrato.

Vedi anche: In Italia, gli uliveti abbandonati trovano nuova vita

Nella città di Oliete, situata nel centro dell'Aragona, un'organizzazione sta lavorando per rivitalizzare la regione recuperando 100,000 ulivi abbandonati, alcuni dei quali fanno parte del paesaggio da centinaia di anni.

Apadrina un Oliva, che si traduce in 'sponsorizzare un ulivo', trova persone che pagano una quota annuale di 50 euro per adottare un albero.

In cambio, i patroni – noti anche come 'padrini' a causa delle somiglianze con il termine sponsor in spagnolo - ricevono ogni anno due litri di olio extra vergine di oliva che viene prodotto dagli alberi e foto per mostrare le operazioni di recupero.

"L'idea è nata dal recupero di un singolo albero", ha detto il co-fondatore José Alfredo Martín Piñas Olive Oil Times.

Alberto Alfonso, il fondatore del gruppo, ha avuto un'illuminazione raccogliendo a mano le olive dall'oliveto di famiglia ad Oliete in un giorno d'autunno di sette anni fa. Notò che era solo nella raccolta degli alberi. La frutta dei vicini cadeva a terra e marciva.

affari-europa-produzione-mondo-olive-times

Tutte le foto per gentile concessione di Apadrina un Oliva

Per caso, ha incontrato il fratello di Martín, Adrían Martín, e l'amico, Pablo García-Nieto Rodríguez, che lo hanno aiutato a fondare l'organizzazione. Martín e Sira Plana Marín, il quinto co-fondatore, si sono uniti in seguito.

Storicamente, gli ulivi centenari di Oliete venivano piantati e raccolti dagli agricoltori locali per l'autoconsumo. Tuttavia, con l'accelerazione dell'esodo rurale del paese negli anni '1950, '60s e 'Anni '70, gli alberi sono stati abbandonati e non producono più olive.

Secondo un'immissione errata dei dati dell'Istituto nazionale di statistica spagnolo, Oliete ospitava 2,500 persone al suo apice nel 1910. Tuttavia, questa cifra è scesa a soli 450 entro il 2011, l'ultimo anno per il quale sono disponibili dati. Stime non ufficiali mettono la popolazione attuale a circa 365 a partire dal 2020.

"La gente ha iniziato a spostarsi dalle città alle città in cerca di opportunità e ha iniziato ad abbandonare l'ambiente rurale”, ha detto Martín. "Quando è successo, la gente ha trovato molto più redditizio e più facile comprare l'olio al supermercato che andare in città e lavorare gli alberi”.

affari-europa-produzione-mondo-olive-times

Un contadino locale che lavora con Apadrina un Oliva recupera un ulivo.

Di conseguenza, il 70% degli alberi del comune rimane abbandonato e improduttivo. Ci vogliono dai due ai tre anni perché gli alberi vengano ripristinati e inizino a produrre olive, ma nessun coltivatore della regione può permettersi di aspettare così a lungo. Trovando sponsor per gli alberi, Martín e i co-fondatori forniscono un flusso costante di entrate agli agricoltori prima che l'albero produca olive.

Da quando Apadrina un Oliva è stata fondata nel 2014, il gruppo ha reclutato 6,000 sponsor, recuperato 15,000 alberi, portato a Oliete 12 nuove famiglie e attira ogni anno circa 3,000 turisti nel villaggio.

"Abbiamo iniziato dando lavoro alla gente del paese, ai giovani che vogliono restare in città”, ha detto Martín. "Ben presto avevamo assunto tutti i giovani lì, che erano praticamente due, e dovevamo iniziare a portare nuove famiglie, nuovi coloni per lavorare negli uliveti”.

Queste famiglie hanno portato con sé i loro figli quando si sono trasferite nel comune, cosa che secondo Martín ha salvato il sistema scolastico locale.

affari-europa-produzione-mondo-olive-times

Uno degli alberi centenari di Oliete.

Il percorso di adozione di un olivo tramite Apadrina un Oliva inizia online. I potenziali clienti possono scorrere l'offerta di alberi disponibili da sponsorizzare, selezionare quelli che preferiscono, inserire alcune informazioni personali ed effettuare il pagamento.

Dopo di che, l'albero è 'battezzato' e il nome del padrino è attaccato al suo tronco.

"Il battesimo è un momento molto importante perché la persona crea la storia e attribuisce un valore simbolico all'albero", ha detto Martín. "Questo genererà un legame emotivo tra la persona e l'albero”.

Successivamente, Apadrina un Oliva invia aggiornamenti regolari per mostrare agli sponsor come stanno procedendo gli alberi. Questi di solito si presentano sotto forma di e-mail, ma esiste anche un'applicazione mobile che gli sponsor possono scaricare.

affari-europa-produzione-mondo-olive-times

Uno sponsor visita un albero adottato.

Alla fine della campagna, gli sponsor riceveranno due litri di olio extravergine di oliva Empeltre, Arbequina o coupage, tutti certificati con la DOP Bajo Aragón.

Martín ha affermato che Apadrina un Oliva produce circa 45,000 litri all'anno e si prevede che tale numero aumenterà man mano che verranno recuperati più alberi.

Nel 2016, i co-fondatori hanno installato il proprio mulino in città. Oltre alla raccolta degli alberi recuperati, acquistano anche le olive da circa 200 piccoli agricoltori, molti dei quali stavano abbandonando i loro alberi a causa della mancanza di un frantoio locale.

"La nostra idea era quella di costruire quel frantoio e proporre all'agricoltore che se ci avessero portato le olive con una certa qualità, le avremmo remunerate equamente ", ha detto Martín. "Ciò ha significato che il mercato quest'anno ha pagato da 0.30 a 0.40 euro per chilogrammo di olive e noi abbiamo pagato 0.60 euro".

"È molto più di quello che paga il mercato, ma è quello che intendiamo come un prezzo equo perché l'agricoltore possa lavorare e nobilitare il proprio lavoro e non abbandonare le fattorie", ha aggiunto.

affari-europa-produzione-mondo-olive-times

Insieme alla produzione di olio extra vergine di oliva, che ha ottenuto 27 riconoscimenti in vari locali e internazionali concorsi di qualità dell'olio d'oliva, Apadrina un Oliva ha anche sostenuto l'industria turistica locale.

"Circa 3,000 persone vengono a visitare Oliete ogni anno per vedere i loro ulivi, il che è qualcosa di molto significativo per una città di 300 persone ", ha affermato Martín. "Il turismo è molto importante per noi e continua anche a fornire un'ancora di salvezza al case rurali, ristoranti e la stazione di servizio. Fa funzionare tutta quella parte dell'economia”.

Ha aggiunto che questo è il motivo per cui il battesimo iniziale dell'olivo è così importante. Le persone creano un legame intangibile con l'albero, ma apportano benefici tangibili alla città e alla sua gente.

Sulla base degli indicatori economici e sociali, Apadrina un Oliva è riuscita ad arginare l'esodo rurale da Oliete. Martín crede che questi tipi di progetti possano essere a soluzione per uliveti abbandonati in tutto il bacino del Mediterraneo.

"Siamo completamente convinti che sia un'idea che può essere portata in altri territori, non deve nemmeno essere con ulivi abbandonati ", ha affermato Martín. "Ciò che serve è incoraggiare più persone a intraprendere questo tipo di progetti nelle proprie regioni”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti