La rivoluzione nel settore olivastro dell'Estremadura aumenta la sua importanza economica

Il settore di Extremadura sta subendo un'importante trasformazione con l'espansione delle colture olivicole intensive.

Allevamento intensivo di ulivi, Badajoz, Spagna
Dicembre 11, 2018
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Allevamento intensivo di ulivi, Badajoz, Spagna

Notizie recenti

Distinzioni nazionali e globali alla qualità dei suoi oli d'oliva, cambiamenti nella loro confezione e immagine, nuovi approcci alla coltivazione e lavorazione dell'olivo e una maggiore presenza del prodotto nei mercati internazionali sono alcuni ingredienti della trasformazione del settore olivicolo dell'Estremadura, un cambiamento che è aiutare l'olio d'oliva a diventare un prodotto più rilevante nell'economia di questa comunità spagnola.

La metamorfosi deriva da una crescita continua derivante dall'allevamento intensivo dell'oliveto. Ciò ha contribuito a espandere la superficie coltivata al punto che le olive sono ora il raccolto più grande dell'Estremadura.

Intensivo e olivicoltura super intensiva offre vantaggi che hanno contribuito alla sua proliferazione in Extremadura negli ultimi anni. Metodi intensivi e super intensivi facilitano la meccanizzazione, facilitando la gestione e riducendo i costi. La loro irrigazione garantisce stabilità alle colture. I costi di raccolta ridotti portano a uno sforzo più redditizio in mezzo a una crescente domanda globale e una ridotta produzione in alcune altre aree olivicole.

La rivoluzione del settore olivicolo dell'Estremadura è guidata da Badajoz, il principale produttore spagnolo di olio d'oliva fuori dall'Andalusia. Badajoz rappresenta l'88.6 percento della produzione di olive dell'Estremadura, l'3.5 percento della produzione spagnola e l'1.7 percento della produzione mondiale.

Tra il 2006 e il 2017 la superficie dell'oliveto di Badajoz è cresciuta di quasi il 25%. Sebbene i boschetti tradizionali rappresentino ancora circa l'80% della superficie totale della regione, i boschetti irrigui intensivi stanno crescendo a un ritmo più veloce del 67.5% contro il 9% delle piantagioni tradizionali.

Badajoz e Cáceres sono le principali province produttrici di olio d'oliva in Extremadura, che nella campagna 2017/18 hanno raccolto un totale di 73,000 tonnellate di olive, una cifra che dovrebbe raggiungere presto 100,000. Questo aumento ha avuto un impatto sui frantoi, che stanno adattando le loro strutture per gestire una produzione più ampia con maggiore qualità e scommettere anche sul turismo olivicolo. Anche i marchi di olio d'oliva a marchio privato sono cresciuti in modo significativo nella regione.

Extremadura ha diversi autorizzati varietà di olive per olio d'oliva e olive da tavola tra cui Manzanilla de Sevilla, Cornicabra, Picual, Morisca, Cornezuelo e Verdial de Badajoz.

Manzanilla Cacereña è la stella verde oliva della regione ed è stata responsabile per la promozione dei marchi estremadurani a livello internazionale. Alcuni progetti stanno rivitalizzando varietà rare come Azulejo o Pico Limón, coltivate su alberi centenari.

Gata-Hurdes e Aceite Monterrubio sono i due DOP per l'olio d'oliva della comunità e sono promossi da Alimentos de Extremadura, l'organismo promozionale della comunità per i suoi denominazioni geografiche. Entrambi producono oli eccezionali con aromi fruttati.

Gata-Hurdes protegge EVOO ottenuto esclusivamente da olive della varietà Manzanilla Cacereña raccolte a mano.

Gli uliveti di Monterrubio sono più giovani ma producono un olio d'oliva di altissima qualità dalle varietà Cornezuelo, Picual o Jabata. Solo gli EVOO con un'acidità inferiore all'1 percento sono certificati.

Il miglioramento della qualità degli oli d'oliva è stato un complemento chiave ai metodi di coltivazione intensiva nella trasformazione del settore dell'olio d'oliva dell'Estremadura. Una delle principali differenze è stata che le olive vengono ora raccolte prima con l'obiettivo di ottenere oli più fruttati e aromatici con una durata di conservazione più lunga, anche se ciò potrebbe ridurre significativamente le rese.

Questa qualità è stata riconosciuta a livello locale, dove più oli sono qualificati come extra vergini e a livello internazionale in concorsi tra cui il NYIOOC World Olive Oil Competition. Alcune aziende stanno già esportando oli verso mercati internazionali come l'Italia o gli Stati Uniti.

L'innovazione è anche in prima linea nel settore. Un esempio è Ecolibor, un'azienda di Cáceres che ha prodotto un olio d'oliva con livelli fenolici insolitamente alti, attribuito principalmente al terroir dell'Estremadura.

Si prevede che nei prossimi anni verranno piantati circa nuovi ettari di oliveti 20,000 e sembra che le piantagioni intensive e super intensive guideranno il futuro percorso del settore dell'olio di oliva in Estremadura, offrendo opzioni di prezzo competitive per colture più professionali, pur rappresentando un'altra sfida agli oliveti tradizionali con costi di produzione più elevati.



Related News

Feedback / suggerimenti