`La macinazione di Riogordo premia l'olio d'oliva verdial - Olive Oil Times

L'olio di oliva verde di Riogordo's Milling Honors

Aprile 12, 2012
Pandora Penamil Penafiel

Notizie recenti

L'associazione Olearum Culture and Oil Heritage ha organizzato di recente la prima edizione di "The Milling of Riogordo ”che ha ricreato la tradizionale produzione di olio d'oliva nel Museo Etnografico di Riogordo (Málaga) nel XVII secolo.

Questo evento è stato co-presentato dal Museo Etnografico e la Città di Riogordo ha contribuito a presentare le antiche usanze e i modi per rendere famoso "Verdial Liquid Gold ”della regione di Axarquía, dove l'olio d'oliva vegetale è uno dei prodotti per cui Malaga è rinomata.

Il programma prevedeva ampie attività e conferenze per coloro che erano interessati alle usanze tradizionali e popolari.

Riogordo è un bellissimo villaggio immerso nella regione dell'Axarquia, i cui abitanti da tempi immemorabili si sono dedicati alla cultura dell'olio d'oliva, e dove il Verdial of Velez la varietà, originaria della regione, è unica al mondo.

L'attività è iniziata negli stabilimenti dell'Agro-Olivarera Riogordo SCA, cooperativa costituita dall'unione nel 2004 di due cooperative olivicole fondate all'inizio degli anni '60 con l'obiettivo di unificare i suoi oltre 1,300 soci. I partecipanti hanno potuto visitare le sue moderne strutture e vedere l'attuale processo di elaborazione dell'olio d'oliva di Axarquia.

pubblicità

Hanno anche avuto l'opportunità di gustare una colazione tradizionale del mugnaio a base di succo d'arancia naturale, pane e olio extravergine di oliva prodotti in questa cooperativa. Dopo essersi divertiti, la tappa successiva della giornata è stata la visita al Museo Etnografico di Riogordo.

La storia di questo museo è iniziata nel luglio 1998 quando Enrique Godinez Luque e sua moglie, Josefa Sanchez Bermudez, hanno acquistato una casa a Riogordo che aveva al suo interno un mulino completamente in rovina. I voussoir sono stati fatti a pezzi, la colonna della stampa è stata rotta.

In queste circostanze, sarebbe stato più facile ed economico convertire in cenere questo mulino del XVII secolo e costruirne uno nuovo, un processo che si ripete continuamente in tutta la campagna spagnola. Ma Enrique e Josefa si sono innamorati di questo mulino. Questo è il motivo principale per cui la sua ricostruzione in un museo è stata descritta all'epoca come "un museo che nasce dalla grazia della tenacia, della perseveranza e della follia di una coppia innamorata ".

Ma a volte progetti romantici e stravaganti convincono persone e istituzioni, che in questo caso hanno fornito un importante supporto: il Consiglio comunale di Riogordo, l'Università di Malaga, la Royal Academy of Fine Arts di San Telmo e Ceder Axarquia hanno finanziato parte della riabilitazione dell'edificio.

Incoraggiato dall'aiuto morale e dall'assistenza economica, Enrique intraprese un'impresa ardua che richiedeva molti sacrifici, fino a quando il museo non aprì le sue porte in agosto, 2001.

Il progetto museale è stato concepito come una mostra permanente in cui l'edificio stesso era degno di contemplazione, ma anche dinamico ed esperienziale, con attività come la molitura artigianale e la spremitura di uva e olive.

In questo viaggio il Museo Etnografico è diventato nel fine settimana un via vai di forti emozioni. Lungo la strada hanno allestito diversi stand dove è possibile degustare e acquistare cibi tipici della regione dell'Axarquía come olio extravergine di oliva, agnello da latte, salsicce, formaggio di capra, pane e dolci.

La giornata di molitura è iniziata con il primo compito, la molitura delle olive verdi fornita gentilmente da Agro-Olivarera. Per fare questo, il vecchio mulino di sangue era "acceso "grazie al fedele supporto di "Verdial Mule ”, che ha saputo realizzare il primo compito della giornata; la macinatura delle olive per trasformarle in una massa compatta. I profumi delle olive dopo la molitura hanno emozionato amici e sconosciuti che non erano abituati a tali emozioni.

Il compito è stato completato durante il giorno con l'aiuto degli stessi partecipanti, inclusi i partner Olearum che hanno partecipato all'evento da diversi punti della Spagna. L'antica pressa a leva a quattro colonne (XIX secolo) iniziò a esercitare la coppia necessaria per separare le due fasi (liquido e solido). La magia ebbe luogo in quel momento e l'oro liquido verde iniziò a fluire in questo naturale insediamento.

La sessione mattutina è stata seguita da eccellenti presentazioni. Il primo è stato condotto da Francisco Lorenzo Tapia, presidente di Olearum, che ha parlato dei progetti dell'associazione e delle sue numerose attività legate alla cultura dell'olivo, e all'ora di pranzo i visitatori hanno potuto gustare la cucina locale.

Le attività del fine settimana si sono concluse con l'esposizione di due magnifici esemplari di cultura spagnola legati al mondo dell'olio d'oliva: l'arte pubblicitaria del XIX secolo dedicata all'olio d'oliva spagnolo e la proiezione cinematografica di "Oro liquido di Malaga. "



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti