` La raccolta delle olive in Spagna segnata da rese inferiori, troppi lavoratori - Olive Oil Times

La raccolta delle olive in Spagna segnata da rendimenti inferiori, troppi lavoratori

Novembre 6, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Un esercito di lavoratori - e oggigiorno pochi di loro stranieri - è pronto per iniziare la massiccia operazione che è il raccolto annuale di olio d'oliva in Spagna.

Con 282 milioni di olivi da scuotere e spennare, distribuiti su 2.4 milioni di ettari di piantagioni, crea l'equivalente di 17 milioni di giorni di lavoro, afferma il Programma europeo per la promozione dell'olio d'oliva.

Il lato positivo è il fatto che molti produttori spagnoli di olio d'oliva hanno "ha organizzato una rivoluzione nella modernizzazione negli ultimi anni. ”Secondo il programma, ciò ha comportato il passaggio a mezzi meccanici di raccolta in vari gradi, tagliando i costi e riducendo la durata della raccolta, migliorando così la qualità dell'olio.

"Il frutto viene raccolto nel momento ideale e portato prontamente in un mulino per l'elaborazione, garantendo il risultato ottimale ", ha dichiarato il programma in un comunicato stampa.

E i mulini - quasi tutti 1,746 di essi - si sono anche modernizzati, la maggior parte ora utilizzando il sistema di estrazione a due fasi, "che utilizza solo mezzi meccanici (e non chimici) per estrarre l'olio, ed è anche uno dei più efficienti per ridurre il consumo di energia e acqua ".

pubblicità

Ma sul lato oscuro c'è un avvertimento questa settimana da parte di ASAJA, un'associazione agraria per giovani agricoltori, che alcuni produttori starebbero meglio lasciando che le loro olive marcissero.

Avendo preso in considerazione la Spagna crisi dei prezzi dell'olio d'oliva e costi come per la raccolta e il trasporto (€ 0.03 - 0.05 / kg di olio d'oliva) e la molitura e la cancellazione per ammortamento (€ 0.27 / kg di olio d'oliva), La filiale Jaén di ASAJA afferma che, a meno che la resa netta media in un'azienda agricola non sia superiore al 18% al momento del raccolto, "sarebbe più economico lasciare cadere il frutto a terra piuttosto che portarlo al mulino ”.

Anche se la pioggia è arrivata la scorsa settimana, a lungo tratto di cieli secchi e il calore sopra la media aveva già influenzato il contenuto di olio di olive nelle regioni alimentate dalla pioggia, ha affermato il ramo andaluso dell'organizzazione agraria COAG. "Normalmente un chilo di olive ha un contenuto di olio del 23 percento, ma ora sarà circa il 17-18 percento. "

Il portavoce dell'ASAJA Luis Carlos Valero ha invitato i coltivatori a valutare attentamente la resa dei loro alberi prima di iniziare a raccogliere, "al fine di evitare una brutta sorpresa. ”La ricerca ha suggerito che molte aziende olivicole non sarebbero in pareggio, e questo senza nemmeno tener conto di altre spese, come per la coltivazione, il controllo dei parassiti, l'irrigazione e la potatura, ha detto.

Rischiando anche una brutta sorpresa sono le orde di persone che si dirigono a sud in Spagna, nella speranza di lavorare sul raccolto. Secondo il giornale locale Diario Jaén , le autorità avvertono chiunque non abbia un contratto di lavoro di stare alla larga da Jaén, uno addirittura dice che la regione, che ha un tasso di disoccupazione del 31 percento, "non c'era davvero bisogno di alcun lavoratore che non fosse già lì. ”Ma già ci sono notizie di dozzine di immigrati che dormono nelle strade.

Indietro in 2008, quando la cifra senza lavoro era 11 percento, La rivista Time ha riferito su una "emergenza sociale "dichiarata a Jaén a causa di circa 9,000 immigrati circa - in cerca di lavoro stagionale una volta abbondante lì - invece "scoprire che i posti di lavoro sono andati ai locali appena disoccupati, che sono troppo felici di raccogliere $ 72 per il lavoro di recupero della raccolta delle olive ”. Si teme che quest'anno la situazione peggiorerà molto.

Related News

Feedback / suggerimenti