` L'unione dei coltivatori raggiunge gli olivicoltori non assicurati

Produzione

L'unione dei coltivatori raggiunge gli olivicoltori non assicurati

Ottobre 28, 2010
Di Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Collaboratore | Segnalazione da Barcellona

La campagna di Jaén, in Spagna, è la più grande regione olivicola del mondo e attualmente sono in fase di maturazione circa 2 milioni di tonnellate di olive. La maggior parte di queste olive, che sono fondamentali sia per l'economia locale che per quella nazionale, non sono assicurate, lasciando vulnerabile l'olivicoltore in caso di smarrimento a causa del maltempo.

Come per tutti i raccolti, Madre Natura può essere generosa durante un anno e crudele nel prossimo. Un buon esempio di questa imprevedibilità può essere visto nelle gelate che hanno gravemente colpito le piantagioni di olive spagnole durante gennaio e febbraio del
2005. Durante questi mesi, circa 18,700 ettari di ulivi a Jaén furono distrutti. [1] L'incantesimo freddo ha devastato gli ulivi nella regione distruggendo più della metà del raccolto previsto per l'anno successivo. All'epoca, il governo centrale spagnolo e il governo regionale andaluso furono costretti a erogare prestiti agli agricoltori colpiti per un totale di circa 25 milioni di euro.

Allo stesso modo, nel 2007, il freddo a San Juan, in Argentina, ha distrutto decine di uliveti, per un totale di quasi il 70% del prodotto totale della provincia. All'inizio di quest'anno, il freddo ha nuovamente fatto una discesa sulla campagna argentina e le previsioni per la campagna risultante erano ugualmente pessimistiche. [2]

Queste recenti condizioni meteorologiche imprevedibili hanno motivato il
segretaria dell'Unione dei piccoli agricoltori (UPA), Ana Dolores Rubia per aiutare a sensibilizzare i proprietari di piantagioni sull'importanza di assicurare l'assicurazione per il loro raccolto. Molti agricoltori ignorano il processo stesso e questa campagna cerca di aumentare ulteriormente la consapevolezza. Si prevede che molti più agricoltori opteranno per i piani assicurativi se fossero a conoscenza delle condizioni della polizza, in quanto il governo centrale spagnolo, attraverso il Ministero dell'Ambiente, sovvenziona quasi la metà del costo.

pubblicità

L'UPA, un sindacato di agricoltori professionisti che rappresenta gli interessi di oltre 80,000 piccoli agricoltori e allevatori di bestiame, ha scoperto che solo l'3% degli olivicoltori ha assicurato le proprie piantagioni contro un disastro. [3] L'altro 97% è rimasto senza possibilità di ricorso in caso di catastrofe imprevista.

Lorenzo Ramos, segretario generale dell'UPA (Spagna)

Se si considera questa percentuale nel contesto dei milioni di chili di olive prodotti, il numero di olive non coperte dall'assicurazione è da capogiro. Il governo centrale è pronto a impegnarsi in politiche sovvenzionate per difendere il raccolto di olive spagnolo. Questi, tuttavia, non sono più validi per il raccolto di quest'anno, poiché le politiche attuate quest'anno garantiranno solo il raccolto del prossimo anno.

Il 27 settembreth di quest'anno, il Bollettino ufficiale dello stato (BOE) ha pubblicato le varie condizioni del piano assicurativo del raccolto il cui periodo di abbonamento è compreso tra 1st di ottobre e il 15th di dicembre. [4] Attualmente, i prezzi attuali per assicurare le olive possono variare tra 21 e 66 euro per kg 100 di olive. Le piantine possono essere ulteriormente assicurate per 2 a 8 euro per unità. La raccolta delle olive è assicurata fino a quando non viene raccolta o quando il frutto ha superato la maturazione commerciale.

.

.

1 "Acta de Pleno Odinario 11 de Junio ​​2009"
2 "Los fuertes fríos dañaron plantaciones sanjuaninas de olivos "
3 "Così tre cose da vedere cienen seguro"
4 "Boletín Oficial del Estado, Lunes 27 de septiembre (PDF)"

Related News