`I produttori di Trás-os-Montes puntano sulla qualità - Olive Oil Times

I produttori di Trás-os-Montes si concentrano sulla qualità

Novembre 15, 2010
Julie Butler

Notizie recenti

In un angolo dell'angolo dell'Europa occidentale si trova una pluripremiata tasca del paese dell'olio d'oliva. Come suggerisce il nome portoghese, Trás-os-Montes e Alto Douro si trova oltre le montagne in una valle in alto sul fiume Douro, nel nord-est del Portogallo.

I Trasmontanos si dice che siano audaci e laboriosi, tratti presumibilmente frutto di secoli che lottano in mezzo terreno aspro e clima inclemente. Che si tratti di uno stereotipo accurato o meno, qualcosa continua a spingere questa regione sotto i riflettori internazionali per l'olio d'oliva premium.

La regione di Trás-os-Montes e Alto Douro copre più di 34,000 coltivatori e 80 etichette e ha fornito il 30% della produzione di olio d'oliva del Portogallo 2008-09 di 50,000 tonnellate. Negli ultimi mesi si è arricchito con successo in tre continenti.

Flos Olei, la guida di produzione italiana ai migliori EVOO, quest'anno ha posizionato la produttrice di Trasmontano Maria Andrade nella sua top 20. La guida assegna alle aziende agricole produttrici di olio d'oliva una classifica 0-100 e la più votata del Portogallo è stata anche dall'Azeite Trás-os- Montes DOP - Romeu da Sociedade Clemente Menéres, con 92 punti. Dei 17 produttori portoghesi inclusi nella guida 2010, nove provenivano da questa DOP. (DOP è equivalente alla classificazione UE DOP, o Denominazione di Origine Protetta.)

Con il suo João das Barbas EVOO, Maria Andrade ha anche conquistato il secondo posto nella categoria DOP al primo Concorso mondiale di EVOO, che si è tenuto nel padiglione italiano dell'Expo mondiale di Shanghai.

pubblicità

E negli Stati Uniti, l'olio d'oliva Porca de Murça si è distinto ancora una volta come uno dei migliori al mondo. Questo prodotto Trás-os-Montes DOP ha vinto l'argento nella categoria Medium, Lote 50 al Concorso internazionale di olio extra vergine di oliva 2010 di Los Angeles. Magna Olea, della stessa DOP, ha vinto il bronzo nella categoria Medium, Cobrançosa.

Le sfide

Bianco

Nonostante tutto questo successo, António Branco, presidente dell'Associazione degli olivicoltori di Trás-os-Montes e Alto Douro (AOTAD), afferma che la regione ha alcuni grossi problemi.

Tra questi, il Portogallo non ha un organo interprofessionale nazionale che promuova e protegga la sua industria dell'olio d'oliva. Secondo Branco, il governo è più preoccupato di ridurre la dipendenza del Portogallo dall'olio d'oliva importato per il consumo interno piuttosto che dall'aumento delle sue esportazioni di qualità. Vorrebbe che il Portogallo facesse di più per promuovere il suo petrolio oltremare e per accelerare l'attuazione di un regolamento UE che impone al paese di origine di apparire sulle bottiglie di olio d'oliva.

Un altro problema è che in Portogallo l'uso commerciale di 'azeite '(portoghese per olio d'oliva) si riferisce a una miscela di olio d'oliva raffinato ed EVOO. "Questo è fonte di confusione per i consumatori portoghesi, quindi vorrebbe AOTAD 'azeite "da usare solo per riferirsi a EVOO e VOO", ha detto Branco.

Alheira de Mirandela

I Transmontani sono famosi per i loro tavoli abbondanti, pieni di vino locale, olio d'oliva e salsicce, ed è un concetto che Branco vede il potenziale da sfruttare. La sua visione è che un marchio regionale promuova prodotti locali di qualità tra cui olio d'oliva, vino, formaggio, miele, pane e salumi e salsicce locali come i tradizionali Alheira de Mirandela.

AOTAD sta anche lavorando per l'adozione di una nuova DOP nell'area, che copra la regione del Douro, e su un possibile turismo e marketing congiunti con la vicina regione spagnola di Castilla y León. Sta inoltre investendo 1.3 milioni di euro (1.8 milioni di dollari) in una rete di social media che offre ai membri della DOP l'accesso a dati di produzione e qualità, informazioni utili come minacce agli ulivi e una piattaforma di trading online.

Con tutta questa iniziativa non sorprende che AOTAD sia stato il vincitore dell'anno scorso del Flos Olei "Premio Cristina Tiliacos, che riconosce l'eccellenza nella promozione
e diffusione della coltivazione dell'olivo.

Segmentazione

La produzione di olio d'oliva è stata importante in questa regione da almeno il 16th secolo, ma l'Azeite de Trás-os-Montes DOP non è nata fino al 1994. Ora è uno dei sei DOP in Portogallo e la seconda più grande area di produzione di olio d'oliva del paese.

La guida afferma che le principali varietà di olive dell'Azeite de Trás-os-Montes DOP - Cobrançosa (30%), Verdeal Transmontana (25%), Madural (20%), Cordovil (10%) - produrre "oli molto raffinati e complessi con un profumo di spezie, mandorle e altra frutta secca ”.

La DOP si estende su 3100 km², quasi 6000 aziende agricole DOP e 47,000 ettari di uliveti DOP. La produzione di olive e olio d'oliva stimola l'economia regionale di oltre 30 milioni di euro ($ 41 milioni) all'anno. Ma nessuno dei coltivatori si guadagna da vivere solo con le olive: coltivano anche animali e coltivano altri prodotti. Tutti vendono le proprie olive a una delle 17 cooperative della regione o ad uno dei 100 frantoi locali.

In un documento di discussione del 2004, i ricercatori dell'Università del Minho J. Cadima Ribeiro e J. Freitas Santos hanno riferito che la denominazione di origine, il marchio di un produttore e le caratteristiche dell'olio d'oliva (biologico, mescolato con aglio o erbe, ecc.) Hanno tutti un impatto positivo su prezzi per l'olio d'oliva portoghese. Hanno detto di dare di più
la visibilità della regione di origine sulle etichette e la creazione di marchi erano mosse appropriate, ma dovrebbero essere accompagnate da una certificazione di qualità da fermare "corridori liberi".

I Cooperativa agricola dei coltivatori di Murça (CAOM) è un esempio della diffusa segmentazione che è avvenuta da allora all'interno del DOP Trás-os-Montes. CAOM ha ristrutturato per diversificare la sua gamma, aggiornare la sua immagine e aderire a standard di qualità estremamente elevata. Prevede di aumentare il volume delle vendite del 20% in due anni, sulla base di investimenti in mercati esterni ad alto valore aggiunto.

Branco afferma che in tutta la DOP, le cooperative, i mulini e gli imballatori hanno aggiornato la loro tecnologia e adottato le migliori pratiche in termini di fattori come i tempi di raccolta e il controllo della temperatura. L'addestramento degli assaggiatori di olio d'oliva nella regione è stato un altro elemento chiave nel focus sull'olio premium.

Un nuovo arrivato di 81

Andrade

Il Flos Olei "Il premio "Emerging Olive Oil Mill" vinto da Maria Andrade ha lo scopo di incoraggiare "giovani "fattorie. La famiglia di Andrade coltiva da generazioni olive nella zona di Mirandela della DOP, ma è stato solo nel 2008, all'età di 80 anni, che ha iniziato a produrre il suo olio d'oliva.

Il boschetto di 29 ettari di Andrade è quasi totalmente coltivato biologicamente e raccoglie presto, "per evitare gli inverni rigidi ”. Dice che questo le costa un po 'in termini di rendimento, ma ripaga "qualità straordinaria ”. Flos Olei dice che il suo olio di João das Barbas è "eccellente ", avendo "colore giallo dorato intenso e limpido ”, profumo ampio, gusto complesso con sentori di cicoria, lattuga, menta e salvia. Una bottiglia da 250 ml viene venduta al dettaglio in Portogallo per 4-6 euro ($ 5.48- $ 8.21).

Avendo iniziato con una tale nota di successo, Maria Andrade dice che ora ha una grande responsabilità: "perché non posso lasciare che la qualità diminuisca. " La DOP non può che restare vitale, "se investiamo in qualità. " Il problema è che molti degli olivicoltori "raccogli in ritardo perché la resa e il prezzo sono migliori, ma ottieni qualità solo se raccogli prima dell'arrivo del gelo, altrimenti l'olio non ha aroma. ”Dice che le persone devono essere istruite su come sfruttare il DOP.

È un sentimento che Branco condivide e spera che presto anche il governo portoghese abbraccerà.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti