Il calore insolito della primavera porta problemi precoci per le aziende agricole greche

Un'ondata di calore durante la fase di fioritura critica è stata sufficiente a suscitare preoccupazioni tra i coltivatori per le loro rese attese.
Giu. 5, 2020
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le alte temperature che raggiungono i 40 ° C (104 ° F) in alcune zone della Grecia hanno allarmato gli olivicoltori che temono che il clima avverso possa influire sulla fioritura e ridurre la produttività dei loro alberi nella prossima stagione della raccolta.

Gli esperti hanno affermato che il fenomeno ha interessato principalmente le varietà produttrici di petrolio interrompendo l'avanzamento della loro fioritura.

"Il clima caldo senza precedenti in questo periodo dell'anno che è durato per quattro giorni nella nostra zona ha avuto un impatto sugli ulivi, con risultati che si sono manifestati dopo circa dieci giorni ", ha detto Giorgos Korinnis, un agricoltore che lavora nella regione della Laconia del Peloponneso. Olive Oil Times.

"Con tali temperature così presto nella stagione, gli ulivi subiscono uno shock termico dal quale non possono riprendersi ", ha detto Korinnis. "Tutti i succhi dell'albero rimangono nel tronco per evitare l'appassimento e i fiori non ottengono alcun nutriente e l'impollinazione è incompleta. "

"Ciò è accaduto a più della metà degli ulivi della nostra zona e principalmente alle varietà di olive utilizzate per produrre l'olio d'oliva. L'irrigazione non può invertire il danno. "

In Etolia-Acarnania della Grecia centro-occidentale, un altro territorio produttore di olio d'oliva colpito dalle alte temperature, l'agricoltore Alexandros Samaras ha descritto ramificazioni simili dell'ondata di caldo.

"Il clima insolitamente caldo ha colpito quasi il 40 per cento degli ulivi intorno al lago Trichonida, e in particolare quelli non irrigati ", ci ha detto Samaras." Il danno è più profondo sulle varietà produttrici di petrolio, influenzando il loro processo di fioritura e impollinazione ", egli disse.

"Finora la stagione sembrava buona, ma quegli ulivi danneggiati dal caldo non possono tornare alle condizioni precedenti. Le olive commestibili, d'altra parte, non sono state danneggiate in modo significativo e qualsiasi possibile perdita nelle drupe di oliva a causa dell'impollinazione limitata sarà compensata da dimensioni maggiori delle drupe rimanenti ".

Oltre alle tasche nella Grecia continentale occidentale e meridionale, il problema si è verificato sporadicamente anche nei territori di produzione di olio d'oliva vicino a Heraklion e Sitia a Creta.

Spronati dall'ondata di caldo primaverile, i disordini sono tornati nel settore con gli agricoltori messicani che scendono in strada chiedendo risarcimenti e protestando per i persistenti bassi prezzi alla produzione dell'olio d'oliva e per i problemi di aggravamento con altri prodotti agricoli.

"Gli agricoltori non hanno ricevuto aiuti di Stato durante il periodo di quarantena ", ha affermato il coltivatore Spyros Nikolopoulos.

"Importiamo patate e scartiamo la produzione interna. I produttori di olio d'oliva, d'altra parte, affrontano seri problemi finanziari con i prezzi attuali dell'olio d'oliva e ELGA [l'organizzazione greca delle assicurazioni agricole] non fornisce alcun risarcimento per il danno dopo il caldo. Richiediamo che questo regolamento anacronistico sia cambiato. "



Related News

Feedback / suggerimenti