Resa incerta, la qualità sembra buona in Spagna

I livelli di produzione della Spagna sembravano promettenti finché la natura non ha lanciato alcune palle curve.

Hannah Howard per Olive Oil Times
Dicembre 18, 2018
Di Alexis Kerner
Hannah Howard per Olive Oil Times

Notizie recenti

Quest'anno i livelli di produzione della Spagna sono sembrati molto promettenti e anche se l'Associazione dei Giovani Agricoltori di Jaén (ASAJA-Jaén) ha stabilito le proprie stime di produzione come uno dei migliori mesi di primo raccolto in sei anni, la natura ha lanciato alcune palle curve. 

Molti produttori spagnoli hanno dovuto affrontare sia un raccolto ritardato, forse a causa dei cambiamenti climatici, sia piogge di lunga durata che hanno ostacolato la raccolta. 

Lola Sagra, di Nobleza del Sur, ha riferito di non essere disposta a correre il rischio di ridurre la sua qualità a causa della pioggia. Questo NYIOOC Il produttore pluripremiato ha scelto di assumere più dei suoi soliti lavoratori per venire a raccogliere rapidamente tra nuvole di pioggia. Ciò ha aumentato i suoi costi di produzione, ma è felicissima del suo risultato. 

I produttori andalusi sembrano concordare sul fatto che c'è stata una resa complessiva di olio inferiore da tutte le varietà di olive e la pioggia ha reso difficile la raccolta e la produzione. 

Un numero minore di agricoltori ha avuto alcune battute d'arresto minori con tempeste di grandine isolate e la mosca dell'olivo. Tuttavia, a questo punto, si sente soprattutto orgoglio per la qualità che i mugnai sono riusciti a raggiungere. 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Senza dubbio i produttori spagnoli riusciranno e offriranno un altro buon anno di produzione, anche se le stime sono ancora difficili da determinare anche a questo punto della stagione del raccolto a causa dell'inizio tardivo. 

Nel loro rapporto di settembre, il Ministero dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione (MAPA) della Spagna ha stimato la produzione di tonnellate 1,598,951, in aumento rispetto alla produzione dell'anno scorso dello 30.7% percento.

Secondo il consigliere del MAPA, si prevede che l'Andalusia produrrà tonnellate di olio d'oliva 1,339,712, da tonnellate 6,443,315 di olive. Si tratta di un aumento del 39.9% rispetto al raccolto dell'anno scorso.

Jaén, la centrale elettrica andalusa, ha una previsione di petrolio di 685,000 tonnellate, con un aumento del 74.9%. 

Córdoba, Siviglia e Granada sono anche i principali attori che producono rispettivamente 280,000, 114,198 e 142,712 tonnellate di olio d'oliva. 

L'aumento complessivo previsto dell'olio d'oliva è dovuto alle condizioni favorevoli prima del tempo di raccolta e della piantagione di nuovi ulivi. Quest'anno la Spagna ha avuto un'estate molto mite, consentendo a molti ulivi di riprendersi dagli anni precedenti di forte caldo.

Sebbene la maggior parte delle province riferisca un aumento previsto, alcune regioni potrebbero registrare una diminuzione della produzione, specialmente nelle aree di Castilla y León (-46.4%) e Valencia (-39.3%).





Related News

Feedback / suggerimenti