Il dare e avere dei cultivar francesi

Le varietà di olive locali in Francia sono note per le loro qualità sensoriali, se non per le loro rese.

Laurent Bélorgey
Settembre 10, 2019
Di Pablo Esparza
Laurent Bélorgey

Notizie recenti

"La Francia non è necessariamente conosciuta come un paese produttore di olio d'oliva, quindi abbiamo un grande lavoro davanti e questo è il lavoro che facciamo Francia Olive. Parliamo di questa diversità di sapori e particolarità della produzione francese ", ha dichiarato Laurent Bélorgey, presidente di France Olive, l'associazione interprofessionale del settore olivicolo in Francia.

È davvero ancora un albero misterioso. Questo gli conferisce il suo fascino e talvolta lo rende irritante.- Laurent Bélorgey

Precedentemente noto come Afidol, l'organizzazione recentemente ha cambiato nome per segnare il suo 20th anniversario e anche come un modo per "dargli un nome più chiaro per affrontare le sfide future ".

Olive Oil Times incontrato Bélorgey nella sua tenuta, La Luogotenente, alla Vallée des Baux de Provence, nel sud della Francia.

"La situazione della produzione di olio d'oliva in Francia è piuttosto buona ora. Ma dobbiamo sapere che abbiamo fatto molta strada per questo. Abbiamo avuto dei raccolti pessimi che hanno messo a rischio la produzione. Ma negli ultimi due anni abbiamo avuto raccolti abbastanza buoni e ora abbiamo un livello di produzione soddisfacente ", ha spiegato.






"Abbiamo avuto una produzione di circa 6,000 tonnellate lo scorso anno e quest'anno abbiamo raggiunto il livello di 5,500 tonnellate ”, ha aggiunto.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Francia
La Francia è il sesto produttore di olio d'oliva in Europa, dopo Spagna, Italia, Grecia, Portogallo e Cipro, secondo i dati forniti dal Consiglio oleicolo internazionale.

Seguendo l'esempio del settore vitivinicolo, produzione di olio d'oliva in Francia ha adottato il sistema di denominazioni di origine protette - o Denominazione d'Origine Protegée (AOP), a metà degli 90.

Da allora sono state create otto denominazioni di origine, che coprono quasi tutte le regioni lungo la costa del Mediterraneo francese.

La dimensione di queste aree protette varia dai villaggi 16 inclusi nei limiti della Vallée des Baux - una delle aree protette più piccole - fino allo 434 appartenente al COA della Provenza.

"Diciamo spesso che ci sono circa 20,000 produttori di olive in Francia. Tuttavia, quel dato spazia dal piccolo produttore che ha pochi ulivi nel suo orto e che porta le sue olive alla cooperativa locale, al professionista che coltiva 20 o 30 ettari. Tuttavia, la maggior parte dei produttori possiede piccole proprietà. Ci sono pochi produttori con più di 50 ettari. La maggioranza ne ha una media di 10 ”, ci ha detto Bélorgey.

Ulivi a La Lieutenante (Pablo Esparza per Olive Oil Times)

L'offerta della Francia per i suoi AOP si è rivelata una delle risorse principali del suo olio d'oliva, poiché ha aiutato il paese a preservare le particolarità delle sue cultivar.

Tuttavia, questo sistema ha comportato anche alcune delle principali sfide del settore.

"Ci sono oltre 20 varietà locali protette in Francia. Ma quelle cultivar non sono necessariamente le più produttive ", ha spiegato Bélorgey.

"La sfida principale per un produttore di olio d'oliva in Francia è rendere quelle varietà locali sufficientemente produttive. Dobbiamo ottenere il massimo da loro in modo che i produttori possano guadagnarsi da vivere con la loro produzione ".

Bélorgey ritiene che in Francia sia possibile raddoppiare l'attuale produzione media di 250 litri di olio per ettaro.

"Non si tratta di raggiungere livelli di produzione industriale. Si tratta solo di accompagnare meglio i produttori in termini di formazione sulla potatura, sull'irrigazione, sulla fertilizzazione e anche sul finanziamento della ricerca ", ha affermato.

La produzione di olio d'oliva della Francia ha subito una grave battuta d'arresto nel 1956, quando un enorme gelo ha ucciso la maggior parte degli ulivi del paese.

Oltre a spiegare perché è difficile trovare ulivi secolari nella maggior parte del paese, il grande gelo ha costretto la Francia, come diceva Bélorgey, a "ricominciare da zero. "

Laurent Bélorgey

Dopo un lungo periodo, il governo ha attuato un piano di rilancio nel 'Anni '90 finalizzati al recupero della produzione olearia. In quegli anni furono piantati circa 10,000 ettari, consentendo al settore di guardare a un futuro migliore.

pubblicità

"Oggi, tutti quegli alberi che sono stati piantati nell'ambito del piano di rilancio dovrebbero essere completamente coltivati ​​e aumentare la produzione ", ha detto Bélorgey.

Alla domanda sulla sua esperienza personale come produttore di olio d'oliva, Bélorgey ha fatto una chiara distinzione tra il suo ruolo di presidente di France Olive e il suo ruolo di proprietario e gestore di La Lieutenante.

La sua tenuta di 48 ettari di ulivi si trova nelle pianure, a sud del parco naturale di Les Alpilles, nella Vallée des Baux, nel cuore della Provenza.

I suoi ulivi 13,000 producono olio che ha vinto a Premio d'oro al NYIOOC World Olive Oil Competition in 2019 e 2017.

"La mia tenuta è piuttosto nella media nella produzione francese. Abbiamo un grande varietà di cultivar e ciò ci consente di fondere tutte quelle cultivar e ottenere il sapore che amiamo ", ha detto.

Bélorgey tornò in Provenza - e alla produzione di olio d'oliva - dopo che suo padre morì a 2001.

"Prima lavoravo nel settore finanziario presso una banca in Lussemburgo. Poi, ho deciso di prendere in carico la tenuta di famiglia ", ha detto.

"La cosa davvero fantastica dell'olivo è che in realtà non lo sappiamo. Quindi ogni anno è una sorpresa perché non sappiamo che tipo di raccolto avremo. È davvero ancora un albero misterioso. Questo gli conferisce il suo fascino e talvolta lo rende irritante. "


Related News

Feedback / suggerimenti