Sono stati annunciati i vincitori del terzo premio letterario internazionale Ranieri Filo della Torre.

A Palazzo della Valle, a Roma, sede della confederazione generale dell'agricoltura italiana, Confagricoltura, si trovano, i premi 11 sono stati consegnati per scritti scientifici, saggi storici, poesie e fiction.

L'apertura internazionale del premio ... ci ha permesso di raggiungere l'obiettivo della nostra associazione, che è di portare quante più persone possibile (insieme), senza confini, più vicino al meraviglioso mondo di extra virgin olio d'oliva.- Loriana Abbruzzetti, presidente di Pandolea

La competizione annuale, che è organizzata da Pandolea, cerca di riconoscere e promuovere extra virgin olive oil culture in letteratura. Le voci sono già aperte per la competizione del prossimo anno.

"Questa è stata un'edizione speciale e molto apprezzata, caratterizzata da un crescente interesse tra partecipanti, pubblico ed esperti", ha detto Loriana Abbruzzetti, presidente di Pandolea. "L'apertura internazionale del premio, con la presentazione della Rete delle donne dell'Olio di Oliva Mediterraneo, ha attirato l'interesse di un pubblico più ampio e ci ha permesso di raggiungere l'obiettivo della nostra associazione, che è di portare quante più persone possibile [insieme] , senza confini, più vicino al meraviglioso mondo di extra virgin olio d'oliva."

Guarda anche: Fairs and Competitions

Nella categoria della scienza, Alessio Scalisi, dall'Università di Palermo, è stato uno dei vincitori della sua tesi di dottorato sul rilevamento di frutta e foglie per il monitoraggio continuo dello stato delle acque degli alberi nei sistemi di frutteti ad alta densità.

Ana Srbinovska, dell'Università di Udine, ha anche vinto un premio per la sua tesi di Master sulla determinazione degli n-alcani negli oli vegetali.

Valentina Bertoz, anch'essa dell'Università di Udine, ha ritirato il terzo premio per la tesi di laurea triennale sulla valutazione del contenuto di antiossidanti degli oli vegetali in funzione della raffinatezza.

Nella categoria storia, Elisa Maria Fiocca e Maria Grazie Caffè hanno vinto premi per i loro saggi: Amori, Ulivi e 'Kanun' (Loves, Olive Trees e 'Kanun') e Mottola 'La spia dello Ionio' ​​(Mottola 'the Ionian's spia '), rispettivamente.

Nella sezione poetica Dominga Carruba, Franca Chiappetta e Milena de Magistris von Rex hanno vinto le loro poesie: Del Canto (On ​​Singing); L'ulivo (L'ulivo) e La terra l'uomo e quel frutto ... (La terra, l'umano e quel frutto ...), rispettivamente.

Per la sezione di fiction, Amina Valentini ha vinto per Una madre e una sinolea (A Mother and a Sinolea); Antonietta Tiberia ha vinto per Il baratto (The Bartering); e Beniamino Cardines vinse per Il patto dell'olio (Il patto dell'olio).

Ranieri Filo della Torre era il direttore generale di Unaprol e ha dato un contributo significativo allo sviluppo del settore olivicolo italiano. Tre anni fa, Pandolea inventò un contest letterario a tema olio d'oliva dedicato alla sua memoria, che da allora ha permesso alle persone di tutto il mondo di contribuire.

L'evento è stato anche un momento per celebrare il lancio della nuova rete di donne olivicole del Mediterraneo.

"[Il lavoro di questa associazione] è unico nel suo genere, poiché miriamo a promuovere l'olio d'oliva attraverso la nostra femminilità", ha affermato Abbruzzetti. "Questo significa accettazione, apertura, abbraccio e cura per il futuro dei nostri bambini".

Jordan è uno dei tanti paesi in cui il lavoro delle donne sta portando avanti il ​​settore. Nehayah Almuhaisen, direttore della divisione olio d'oliva del Ministero dell'Agricoltura giordano, si è unito ad Abbruzzetti per parlare dello stato del settore dell'olio d'oliva nel suo paese e del ruolo delle donne nella promozione della cultura olearia del paese.

"In Giordania, gli ulivi coprono il 77 per cento della superficie coltivata ad alberi del paese, mentre la maggior parte dei suoi agricoltori sono olivicoltori", ha detto. "Molti piatti tipici giordani sono a base di olio d'oliva, tuttavia abbiamo bisogno di raccogliere sempre più conoscenze su questo grande prodotto tra i consumatori, dal momento che prezzi elevati possono essere motivo di diminuzione dei consumi".

Almuhaisen ha sottolineato la necessità per i produttori di connettersi con i consumatori e ha affermato che eventi come Pandolea sono state grandi opportunità per questo tipo di interazioni.

"Alla luce delle potenzialità del settore, stiamo lavorando per aumentare la consapevolezza dei consumatori e dei produttori sull'importanza dell'alta qualità extra virgin olio d'oliva ", ha aggiunto Almuhaisen. "Rendere consapevoli le nuove generazioni delle sane abitudini alimentari e di utilizzare bene la valutazione sensoriale dell'olio d'oliva è un obiettivo condiviso con Pandolea".

"Questo invito a far parte di una rete internazionale che mira a promuovere extra virgin l'olio d'oliva incoraggia me e la mia squadra a continuare il nostro lavoro ", ha aggiunto. "Attendiamo con ansia i prossimi eventi con i paesi che si uniranno a noi".

Abbruzzetti ha detto che spera che eventi come questo aiuteranno i produttori di olio d'oliva, in particolare le donne, da tutto il mondo a connettersi e condividere le loro idee.

"Il lavoro con il team di Jordan ha offerto una grande opportunità per uno scambio di opinioni e per la crescita", ha affermato. "Per questo motivo, coinvolgendo professionisti delle donne provenienti da altri paesi, puntiamo a creare un dibattito costruttivo su extra virgin olio d'oliva a livello globale, con l'obiettivo di rilanciare l'intero settore ".

Greece sarà il prossimo paese ad aderire alla rete femminile di olio d'oliva, mentre i contatti sono stati fatti Argentina per discutere anche la possibilità.

"L'abbiamo chiamato 'Mediterraneo' perché siamo partiti qui, ma la chiamata è aperta alle donne professioniste nel settore dell'olio d'oliva in tutto il mondo", ha detto Abbruzzetti.




Altri articoli su: , , ,