`Festa dell'extravergine laziale - Olive Oil Times

Celebrazione dell'Extra Vergine Lazio

Può. 24, 2012
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Gli esperti assaggiatori possono giudicare la qualità di un olio d'oliva semplicemente annusandolo e non hanno paura di berlo dal piccolo bicchiere blu ufficiale. Ma quando si tratta di "gente normale ”non c'è modo migliore per gustare un buon olio extravergine di oliva che utilizzarlo in una ricetta gustosa.

Ecco perché Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l'Innovazione in Agricoltura del Lazio) e Uliveti del Lazio (L'associazione dei produttori di olio d'oliva del Lazio) ha chiesto a un gruppo di chef giovani e intelligenti di fornire la propria interpretazione di alcuni dei migliori oli extra vergini di oliva della regione. Il Lazio ha una grande varietà di cultivar e molti prodotti eccellenti, e la regione ospita 5 delle 42 DOP italiane di olio d'oliva.

"Il progetto Cene Extra Vergine progetto ", afferma la presidente di Uliveti del Lazio Loriana Abbruzzetti, "mira a migliorare l'attività gastronomica e di ristorazione regionale. Consentirà di rafforzare il legame tra le tradizioni culinarie regionali ei sapori dei piatti locali; è qui che l'olio extravergine di oliva gioca un ruolo importante ". Massimo Gargano, Unaprol Presidente, lo sottolinea anche "è il forte legame con la nostra terra che crea il carattere unico e distintivo dei nostri prodotti. ”Aggiunge che chef e ristoratori sono molto importanti nella promozione delle risorse enogastronomiche regionali.

Il primo chef che è stato invitato a portare la sua cucina al Enoteca Regionale Palatium (lo showroom di prodotti regionali situato nel centro di Roma), era Dario Tornatore. Ventisei anni, è nato a Napoli ma si è stabilito a Roma qualche anno fa dopo aver lavorato con grandi chef europei come Gordon Ramsay. Il menu che ha creato per l'occasione ha risposto perfettamente al brief: valorizzare i prodotti e gli ingredienti regionali utilizzando il giusto extravergine - che ha ottenuto mescolando il suo background napoletano e la tradizione romana con un tocco moderno.

Il primo piatto era un carpaccio di carciofi alla romana servito con un'interessante variazione su una classica ricetta napoletana, il "mozzarella in carrozza ”(sandwich di mozzarella fritta in crosta dorata). Dario Tornatore ha sostituito la mozzarella con Caciofiore di Columella, un gustoso formaggio di pecora le cui origini risalgono all'epoca romana. Lo ha abbinato al gusto di carciofo Bon Riposo extra vergine, un monocultivar Itrana della fattoria dell'Isoletta della provincia di Latina.

Segue un piatto di spaghetti conditi con un cremoso baccalà secco e broccolo romanesco (la bella e gustosa varietà di cavolfiore a forma di frattale) con il tocco finale dato dal delicato blend Fons Olei di Fattoria di San Clemente da Tivoli, non lontano da Roma.

Un altro posto a scelta è stato l'uso del delicato Olio del Podere dell'azienda agricola Chiusa della Vasca a Castelnuovo di Farfa (nella regione di Rieti) per preparare la maionese appena fatta. Questo veniva servito con lo sgombro confit (un pesce molto comune catturato lungo le coste laziali) e il zucchine escabeche.

Avremmo gradito anche un pizzico di olio d'oliva nella crema al cioccolato del dessert, una versione dolce del tramezzino panino (un vecchio cibo di strada romano preferito) farcito con una crema ghiacciata con il famoso cioccolato fatto in un monastero trappista non lontano da Roma.

Prossimo "Extra Virgin Dinner ”vedrà protagonista Heros De Agostinis, che ha lavorato anche con Heinz Beck al ristorante di lusso La Pergola a Roma.



Related News

Feedback / suggerimenti