13 nuove varietà di olive scoperte in Catalogna

I ricercatori stanno attualmente studiando i tratti genetici delle varietà autoctone appena scoperte per vedere come affrontano il clima estremo della zona.
Foto: Irta
Giu. 21, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

I ricercatori dell'Istituto catalano di ricerca e tecnologia agroalimentare (IRTA) hanno identificato 13 nuovi locali varietà di olive nella comunità autonoma, che l'organizzazione aggiungerà alla sua banca di germoplasma olivicolo.

Lo studio, condotto dall'IRTA in collaborazione con altre agenzie della regione, mira a valorizzare e promuovere olivicoltura tradizionale e la produzione di olio a Pallars Jussà, la contea dove sono state scoperte le varietà di olive.

(Queste varietà di olive hanno) un'altissima percentuale di acido oleico e un gran numero di polifenoli, che conferiscono loro un sapore amaro e una piccantezza prominente, equilibrata e ricca di aromi.- Antonia Ninot, ricercatrice, IRTA

Con l'aggiunta dei 15 nuovi esemplari, la banca del germoplasma dell'organizzazione ora contiene materiale genetico di 65 diverse varietà autoctone di olive catanesi.

"Lo studio delle varietà autoctone può essere di grande interesse in situazioni di cambiamento climatico, sia per identificare i geni per la resistenza all'emersione parassiti, per identificare i geni per l'adattamento a condizioni di siccità o altre variazioni climatiche, o per identificare composti funzionali di interesse", ha affermato l'IRTA in una dichiarazione sul suo sito web.

Vedi anche: I ricercatori indagano sulle origini dell'oliva tripolitaine bianca in Libia

I tratti genetici di queste varietà di olive sono particolarmente interessanti per i ricercatori perché le olive crescono e producono olio con successo in uno dei climi più estremi della Spagna.

Pallars Jussà si trova ai piedi dei Pirenei, nel nord-est della Catalogna. La contea sperimenta un clima eccezionalmente freddo che va da novembre ad aprile, specialmente ad altitudini più elevate, estati calde e periodi di precipitazioni non uniformi.

I ricercatori coinvolti nello studio hanno accuratamente catalogato le diverse proprietà fisiche e chimiche di ciascuno degli alberi e delle loro olive, inclusa la descrizione della forma degli alberi, dei loro frutti, delle foglie e dei noccioli.

I ricercatori hanno anche studiato la composizione molecolare delle varietà di olive e le tracce chimiche e sensoriali dell'olio.

Secondo Antonia Ninot, ricercatrice del programma di frutticoltura dell'IRTA, le nuove varietà "hanno, in generale, una proporzione molto elevata di acido oleico e un gran numero di polifenoli, che conferiscono loro un sapore amaro e una piccantezza prominente, equilibrata e ricca di aromi.”

"Queste qualità li rendono molto interessanti dal punto di vista organolettico e salutistico», ha aggiunto.

L'olivicoltura a Pallarès Jussà ha una lunga tradizione, con varietà sia autoctone che non autoctone ampiamente coltivate. Nel complesso, la contea ospita 733 ettari di uliveti che producono circa 650 tonnellate di olive all'anno.

"È un settore relativamente piccolo in cui la maggior parte dei produttori sono agricoltori con produzione artigianale e vendita diretta, e l'attività non è quella principale", hanno scritto i ricercatori.

Attualmente, il settore olivicolo catalano è dominato dalla coltivazione di quattro varietà principali - Arbequina, Morruda, Empeltre e Sevillenca - con Arbequina che costituisce circa la metà di tutte le olive coltivate nella comunità autonoma. Tutte e quattro le varietà rappresentano circa l'85 percento della coltivazione totale dell'olivo nella regione.

I ricercatori sperano di comprendere meglio i tratti di queste varietà appena scoperte per supportare la tradizione produzione di olio d'oliva e diversità Il settore dell'olio d'oliva in Catalogna.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti