Varietà di olive

Dove vivono le olive del mondo fianco a fianco

Da lontano, questo uliveto alla periferia di Cordova sembra proprio come qualsiasi altro campo. Ma ospita oltre 1,000 cultivar di olive provenienti da 29 paesi, dall'Iran alle Americhe, che attraversano tutto il bacino del Mediterraneo.

IFAPA
Gennaio 15, 2020
Di Pablo Esparza
IFAPA

Notizie recenti

Passeggiare tra i filari di ulivi della World Germplasm Bank è un'affascinante introduzione alla grande e spesso non riconosciuta varietà di olive.

Da lontano, questo uliveto ad Alameda del Obispo, una struttura dell'Istituto andaluso di ricerca e formazione agricola e della pesca (IFAPA) alla periferia di Córdoba, assomiglia a qualsiasi altro campo.

Nonostante sia una coltura importante e la maggior parte degli ulivi commerciali proviene da una manciata di cultivar, questa specie è riuscita a preservare una notevole diversità genetica.- Angelina Belaj, direttrice dell'IFAPA Germplasm Bank

Ma uno sguardo più attento rivela una gamma sorprendente di forme e colori: dalla piccola Arbequina verde alla Belica bianca e alle olive grandi e rotonde di Gordal.

Questo boschetto ospita oltre 1,000 persone cultivar di olive da 29 paesi, dall'Iran alle Americhe, passando per tutto il bacino del Mediterraneo.

Qui vivono ulivi provenienti da Siria, Turchia, Egitto, Albania, Croazia, Grecia, Italia, Marocco, Argentina, Stati Uniti e Spagna.

pubblicità

"Fondata nel 1972 dal governo spagnolo con la collaborazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e il Consiglio oleicolo internazionale, questa è la più antica e più grande collezione internazionale di cultivar di ulivi nel mondo ", Angelina Belaj, regista della Banca del Germoplasma, racconta Olive Oil Times.

L'obiettivo principale di questa collezione, spiega Belaj, è quello di raccogliere e preservare la più grande parte possibile della diversità genetica degli ulivi.

La banca del germoplasma coltiva due o tre esemplari di ciascuna cultivar a Cordova e, nel caso in cui qualcosa andasse storto con questo uliveto, ne conservano anche un backup - un duplicato - in un'altra tenuta che l'IFAPA gestisce nella provincia di Jaén.

"Nonostante sia una coltura importante e la maggior parte degli ulivi commerciali proviene da una manciata di cultivar, questa specie è riuscita a preservare una notevole diversità genetica. Crediamo che ci siano circa 2,000 varietà in tutto il mondo ", afferma Belaj.

Alcuni varietà di olive possono avere nomi diversi in diversi paesi, regioni o persino villaggi, quindi il primo lavoro dello scienziato che lavora qui è determinare se dal punto di vista genetico quei nomi e origini nascondono cultivar conosciute.

È una sorta di lavoro investigativo che spesso porta gli scienziati a rintracciare l'origine delle cultivar la cui espansione è stata talvolta intimamente legata agli eventi storici e ai movimenti delle popolazioni attraverso il Mediterraneo nel corso dei secoli.

"È importante conoscere la parte genetica, ma anche la parte agronomica e morfologica. È utile anche conoscere le lingue e la storia dei territori in cui vengono coltivate le olive ”, sottolinea Belaj.

"Ad esempio, in Marocco, hanno un'importante cultivar chiamata Picholine Marrocaine, che da un punto di vista genetico è esattamente la stessa di quella che chiamiamo Cañivano Blanco in Andalusia. Ed è anche identico a una varietà algerina chiamata Siwash. ”

Angelina Belaj

"Ci sono sempre state migrazioni umane lungo la storia e l'agricoltura non ha mai saputo dei confini. I confini sono molto artificiali e c'è sempre stato uno scambio di conoscenze e materiali tra i paesi ”, aggiunge Belaj.

Una volta che le cultivar sono state identificate e descritte geneticamente da un punto di vista agronomico, la domanda successiva è: a cosa possono essere utili?

A tale proposito, la Banca mondiale del germoplasma è diventata una fonte chiave di conoscenza e materiali per gli scienziati che lavorano al programma per il miglioramento genetico degli ulivi - uno dei principali progetti relativi all'olio d'oliva all'IFAPA.

"L'obiettivo principale del nostro programma di miglioramento è quello di ottenere nuove cultivar che abbiano un'elevata produttività e un'alta resa di petrolio ", afferma Lorenzo León, ricercatore e coordinatore del programma insieme a Raúl de la Rosa Olive Oil Times.

pubblicità

L'obiettivo di Leon è quello di creare nuove varietà in grado di produrre olio d'oliva di alta qualità pur potendo adattarsi ai diversi sistemi agricoli.

Lui e i suoi colleghi mescolano le varietà esistenti per ottenerne di nuove con i tratti che perseguono.

Un esempio di quelle nuove razze è il creato di recente "Chiquitita ”(e le sue sorelle "Chiquitita 2 ”e "Chiquitita 3 ”), che combina le buone qualità di Picual in termini di qualità e produttività dell'olio e le buone caratteristiche di Arbequina quando si tratta di adattabilità alle piantagioni di siepi.

"Negli ultimi anni, c'è stato un numero crescente di piantagioni di siepi ad alta densità. Tuttavia, ci sono solo alcune varietà disponibili che possono adattarsi a quel sistema. Quindi, uno dei nostri obiettivi è quello di ottenere nuove cultivar che possano adattarsi perfettamente a quel sistema di piantagioni di siepi ad alta densità ", spiega León.

Un altro campo di ricerca per León e il suo team all'IFAPA consiste nell'ottenere cultivar resistenti alle malattie che colpiscono gli ulivi.

"Abbiamo inviato materiale in Italia e nelle Isole Baleari per valutare la resistenza al Xylella [fastidiosa] ", afferma Belaj. "Stiamo anche lavorando su linee di miglioramento come la resistenza all'erosione del Verticillium. ”

Causato da un fungo, Verticillium appassito è una delle malattie dell'olivo più diffuse. Si interrompe e riduce il movimento dell'acqua dalle radici alle foglie e può causare cadute di foglie e frutti.

"Il problema è che la maggior parte delle cultivar coltivate al giorno d'oggi sono molto vulnerabili a questa malattia. E quelli che sono un po 'più resistenti non sono interessanti dal punto di vista agronomico. Con il programma di miglioramento vogliamo unire queste due qualità in nuove cultivar ", afferma Alicia Serrano, ricercatrice dell'IFAPA.

Estrarre i risultati del loro lavoro dal mondo della ricerca e renderli comprensibili e attraenti per gli agricoltori - che sono spesso molto attaccati alle loro cultivar tradizionali e alle tecniche di coltivazione - è una delle principali sfide per gli scienziati che sviluppano nuove cultivar di olive.

León ammette che il passo potrebbe richiedere del tempo, ma è ottimista.

"Penso che il miglioramento genetico non riguardi la lotta all'agricoltura tradizionale, ma l'offerta di nuove alternative ", afferma.

"È ovvio che attraverso queste opere di miglioramento genetico stiamo ottenendo nuovi materiali che possono offrire buone alternative per il futuro dell'agricoltura ”, conclude.


Articoli Correlati