`Il Consiglio oleicolo tiene una riunione sulle indicazioni geografiche - Olive Oil Times

Il Consiglio oleicolo tiene una riunione sulle indicazioni geografiche

Novembre 10, 2010
Lucy Vivante

Notizie recenti

Il Consiglio oleicolo internazionale ha tenuto una riunione a Reggio Calabria il 21 ottobre 2010 per discutere le indicazioni geografiche (IG) per l'olio d'oliva e le olive da tavola. I documenti e le presentazioni della riunione sono stati pubblicati il ​​4 novembre. Mohammed Ouhmad Sbitri, direttore esecutivo del CIO, nelle osservazioni introduttive ha dichiarato: "Questi due prodotti dell'olivo sono elementi chiave della dieta mediterranea e sono ampiamente commercializzati sul mercato internazionale. Ciò rende essenziale proteggere e mostrare i loro attributi, e le indicazioni geografiche sono precisamente gli strumenti che vengono sempre più utilizzati per farlo. ”Dare indicazioni geografiche non è tuttavia facile. I problemi risiedono in quali sono i criteri
dovrebbe essere; chi conferisce la designazione speciale; e una volta che un olio d'oliva o un'oliva da tavola ha la designazione, che la protegge e la sorveglia.

Per ricevere una designazione speciale, i coltivatori devono descrivere in che modo il loro prodotto è diverso e superiore. Il gusto distinto è al primo posto. Il concetto di terroir è un aspetto importante. Le regioni con una lunga storia di olivicoltura possono indicare documenti storici che fanno riferimento ai loro prodotti olivicoli tradizionali. Possono affermare che le loro olive sono uniche nella loro zona, e forse anche autoctone. Possono delineare i metodi tradizionali di come vengono prodotti i loro oli. I lettori hanno familiarità con le designazioni AOC (Appellation d'Origine Contrôlée) e DOP (Denominazione di Origine Protetta). La Francia è il leader mondiale nei cibi e bevande designati dall'AOC, con i prodotti 508. Per gli oli extra vergine di oliva, l'Italia è leader nelle regioni 40 GI. L'intera UE ha alcune IG di olio d'oliva 101.

I coltivatori con mercati meno sviluppati e gli olivicoltori più recenti possono sentirsi svantaggiati rispetto ai produttori più affermati. Parte dello scopo dell'incontro è stato quello di proporre aree che hanno il potenziale per essere protette, e la maggior parte di queste proviene da fuori della Comunità Europea. Il CIO, con l'aiuto di Insight Consulting, ha messo insieme un elenco di oltre 100 regioni che potrebbero essere aree IG sia per l'olio che per le olive da tavola. Tra i paesi del CIO, la Tunisia era in testa alla lista con 21 candidati al petrolio, il Marocco seguiva con 11, la Spagna 9 e la Croazia ne aveva 8. Nei paesi non CIO, la Palestina ne aveva 6/7; mentre Perù, Cile e Stati Uniti avevano 4 candidati ciascuno.

I partecipanti alla conferenza hanno ascoltato esperti dell'Organizzazione mondiale del commercio e dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale. Gli organismi internazionali hanno affrontato il falso marchio fraudolento fin dal 19th secolo. La Convenzione di Parigi del 1883 ha cercato di affrontare il "falsa indicazione dell'origine della merce. " L'accordo di Lisbona del 1958 ha consentito alle regioni di ricevere lo status di denominazioni di origine e ha creato un sistema di registrazione. Ci sono strati di legislazione e trattati. Gli Stati Uniti sono stati per lo più contrari all'indicazione geografica e, dato che gli Stati Uniti sono un grande consumatore di beni importati, questo crea tensioni. L'inclusione di 4 potenziali aree degli Stati Uniti sembra un tentativo di incoraggiare gli Stati Uniti a partecipare al programma. Tuttavia, l'organizzazione membro negli Stati Uniti, la North American Olive Oil Association, è composta da importatori all'ingrosso che servono il mercato di massa, con presumibilmente poco interesse per le origini fantasiose.

Maria Testu, una relatrice dalla Francia, ha citato informazioni interessanti sull'attrattiva dell'origine / provenienza per i consumatori. Le informazioni erano state raccolte da una ricerca di mercato del 2005 condotta da GfK, una delle più grandi società di ricerche di mercato. In esso, i consumatori affermavano che il gusto era il fattore più importante nella loro selezione di olio, con l'origine / provenienza che cadeva al centro. I nove fattori presentati ai consumatori, e la loro rilevanza in percentuale, seguono: Gusto (85%), Extra Vergine (70%), Estrazione a freddo (60%), Prezzo (52%), Origine / Provenienza (48%), Trasparente Bottiglia per vedere meglio il colore dell'olio (45%), giallo / verde (43%), marca nota (30%), bottiglia visivamente piacevole (15%).

Le indicazioni geografiche hanno un valore di marketing definito, ma forse non eccezionale come si potrebbe pensare. Gabriela Catalani del Ministero dell'Agricoltura argentino, ha sollevato dubbi sugli alti costi per produttori e governi, e quello "Suscita false speranze nei piccoli produttori ". Per i coltivatori in regioni eccezionalmente conosciute, come la Toscana, IG offre un sicuro vantaggio. Secondo Pavlos Dimitriou della Commissione europea, che ha citato i dati di un'azienda toscana, una bottiglia IG ha un premio del 30% rispetto all'olio extravergine di oliva convenzionale della stessa azienda. Convincere le catene di supermercati a rifornirsi di oli IG, con i loro prezzi premium, è un altro ostacolo.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti