Scienziati in Spagna identificano i geni dell'olivo resistenti al patogeno comune

I ricercatori dell'IFAPA hanno identificato diversi geni che forniscono resistenza ai funghi che causano l'appassimento del Verticillium.
Howard F. Schwartz, Colorado State University, Bugwood.org
Dicembre 15, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un team di scienziati spagnoli ha identificato variazioni genetiche che consentono ad alcune varietà di olivo di resistere Verticillosi, una malattia per la quale non esiste una cura.

Le loro scoperte potrebbero aprire la strada all'introduzione di nuovi cultivar di olive che sono in grado di resistere al fungo che causa la malattia preservandone la capacità produttiva.

L'elevata persistenza di questo fungo nel terreno e il ridotto numero di varietà resistenti (olivo) rendono necessario lo sviluppo di nuove varietà che rispondano alle caratteristiche di risposta e produttività auspicabili per la sostenibilità della coltura.- Alicia Serrano Gómez, ricercatrice, IFAPA

Frantoio, Changlot Real ed Empeltre sono tra le varietà che mostrano resistenza alla malattia.

L'appassimento del Verticillium provoca il deterioramento del sistema vascolare di un albero, con gravi conseguenze come la caduta di frutta e foglie. Nel tempo, molti degli alberi colpiti muoiono a causa dell'infezione.

I ricercatori dell'Istituto andaluso per la ricerca agricola e la pesca (IFAPA) hanno trovato una serie di geni che sembrano agire insieme come risposta al patogeno.

Nel loro studio, pubblicato in Scientia Horticolturae, i ricercatori hanno analizzato 77 diversi genotipi di sottospecie coltivate e selvatiche dell'olivo, tra cui Olea europaea, guanchica e cerasiforis.

Hanno scoperto che geni come TLP1 e PFN2 hanno mostrato variazioni genetiche che potrebbero essere vitali per sviluppare future cultivar in grado di resistere al patogeno.

Come affermato nel documento di ricerca, sono considerati i primi marcatori "associato ai geni di resistenza all'appassimento del Verticillium nelle olive e può contribuire a stabilire una serie di marcatori preziosi per la gestione delle raccolte di germoplasma e del processo di selezione nei programmi di allevamento ".

Vedi anche: I ricercatori testano nuove varietà di olive per migliorare la sostenibilità

Alicia Serrano Gómez, uno degli autori dello studio e ricercatore dell'IFAPA, ha detto alla Fondazione andalusa Desqbre che i risultati suggeriscono "alla necessità di far nascere un'ampia raccolta di genotipi, da molteplici fonti e con ben evidenziate reazioni all'appassimento del Verticillium, con cui confermare l'utilità delle variazioni genetiche [osservate]. "

Tali risposte potrebbero includere barriere fisiche come la lignina, che impedisce al fungo di invadere le cellule della pianta, o composti bioattivi come i fenoli che inibiscono la crescita del patogeno.

"Il problema è che la maggior parte delle cultivar coltivate oggigiorno sono molto vulnerabili a questa malattia ", ha detto Serrano Olive Oil Times in una Intervista di gennaio 2020. "E quelli un po 'più resistenti non sono interessanti dal punto di vista agronomico ”.

Attualmente non sono disponibili cure per evitare che i funghi responsabili della malattia attacchino le radici ed i tessuti, responsabili del trasporto dei nutrienti attraverso l'olivo.

I funghi sono facilmente rintracciabili sui terreni coltivati ​​e si diffondono facilmente ulteriormente mediante irrigazione o residui colturali. Questo è il motivo per cui gli scienziati ritengono che gli agricoltori dovranno adattarsi alle nuove pratiche che vengono studiate dai ricercatori.

"L'elevata persistenza di questo fungo nel terreno e il numero ridotto di varietà resistenti [di olivo] rendono necessario lo sviluppo di nuove varietà che soddisfino le caratteristiche di replicazione e produttività desiderabili per la sostenibilità del raccolto ", ha affermato Serrano.





Related News

Feedback / suggerimenti