150-Year-Old Sailboat porta l'olio d'oliva dal Portogallo alla Gran Bretagna

Quasi il 90 percento delle spedizioni cargo mondiali da parte delle navi che contribuiscono al 4 percento delle emissioni globali di CO2. Non questo.

Foto: Sérgio Ferreira
Novembre 28, 2017
Di Daniel Dawson
Foto: Sérgio Ferreira

Notizie recenti

Si poteva vedere una barca a vela del diciannovesimo secolo arrivare nel porto turistico di Newhaven. Completo di due alberi di legno e vele triangolari color cremisi, il Nordlys sembrava essere arrivato da un secolo precedente.

Dobbiamo fare un ulteriore passo avanti nel movimento del biologico e del commercio equo e solidale, ripulendo tutti gli aspetti della coltivazione, produzione e trasporto.- Alex Geldenhuys

La nave aveva percorso una storica rotta commerciale, che veniva utilizzata per trasportare il porto dal Portogallo all'Inghilterra. Tuttavia, invece di importare vino, l'equipaggio della Nordlys ha scaricato mille litri di olio extra vergine di oliva.

L'olio d'oliva veniva confezionato in bottiglie da cinque litri, vendute a £ 50 ($ 66.51) ciascuna. Crispin Field, all'estremità ricevente del Sailboat Project, non aveva nemmeno battuto ciglio a questo prezzo apparentemente costoso.

L'olio extra vergine di oliva vende da £ 4 a £ 5 al litro nelle più grandi catene di supermercati britanniche, ma Field ha affermato che la qualità dell'olio rispetto al prezzo ha reso facile la vendita. Field e i suoi colleghi acquistarono i 1,000 litri e schierarono gli acquirenti prima ancora che il petrolio avesse lasciato il Portogallo.

L'idea di importare olio d'oliva in Gran Bretagna tramite l'energia eolica è stata un'idea di Alex Geldenhuys, coordinatore delle spedizioni e co-fondatore di New Dawn Traders. In precedenza aveva incontrato i membri del Sailboat Project in una riunione annuale della Sail Cargo Alliance, che organizza.

Geldenhuys aveva già spedito rum e cioccolato in Gran Bretagna via barca a vela per cinque anni e pensava che lo stesso concetto avrebbe funzionato bene anche con l'olio d'oliva. Ha iniziato a cercare partner che condividessero la sua visione rispettosa dell'ambiente e trovasse Marije van den Boogaard tramite Facebook.

A Boogaard, un coltivatore di olive e sommelier di olio d'oliva, l'idea piacque e accettò di procurarsi e trasportare l'olio d'oliva in Portogallo da Geldenhuys all'Inghilterra, dove i membri del progetto della barca a vela lo avrebbero distribuito.

Foto: Sérgio Ferreira

Con questo compito in mente, Boogaard ha incontrato Emilia Reigado a una fiera in Portogallo. I due hanno chiacchierato un po 'e Boogaard ha appreso della fattoria sostenibile di Reigado nel nord-ovest del paese. Boogaard ha provato l'olio d'oliva di Reigado e l'ha adorato.

Dopo aver discusso del piano di trasporto dell'olio d'oliva in Gran Bretagna usando solo energia eolica, Reigado ha accettato di vendere i suoi ultimi 1,000 litri sul posto.

Reigado coltiva un'antica varietà di olive e le spreme per produrre olio d'oliva in una piccola fattoria a conduzione familiare a Figueira de Castelo Rodrigo, una regione del Portogallo nord-occidentale composta da montagne e valli. A causa del suo clima unico, le olive e il conseguente olio d'oliva prodotti nella regione hanno un sapore distinto.

Reigado e la sua famiglia coltivano olive organicamente da oltre 20 anni a Figueira de Castelo Rodrigo.

Quando Reigado venne a sapere dell'opportunità di estendere il suo modo sostenibile di fare le cose alla catena di approvvigionamento, non riuscì a dire di no.

"Mi è piaciuta l'idea di trasportare l'olio in barca a vela perché è un tipo di trasporto diverso ed ecologico ", ha detto Reigado. "Il nostro sforzo è stato convalidato continuando il processo tutto naturale di trasportare le olive solo usando l'energia eolica. "

Foto: Sérgio Ferreira

L'olio d'oliva veniva confezionato negli stessi contenitori da cinque litri in cui venivano venduti e trasportati sulla costa dove si incontravano con i Nordlys, che erano stati noleggiati da Geldenhuys.

Questo viaggio faceva parte di quello che lei ha descritto come la rinascita delle navi a vela. Geldenhuys mira a rivoluzionare il trasporto marittimo patrocinando piccole aziende agricole a conduzione familiare e riducendo al minimo l'impronta di carbonio del trasporto dell'olio dalla fattoria alla tavola.

Quasi il 90 percento del carico mondiale viaggia in nave, il che contribuisce al quattro percento delle emissioni globali di CO2. Se l'intera industria marittima fosse un paese, sarebbe il sesto più grande emettitore del pianeta.

"Dobbiamo fare un ulteriore passo avanti nel movimento del biologico e del commercio equo e solidale, ripulendo tutti gli aspetti della coltivazione, produzione e trasporto ", ha detto Geldenhuys. "Con le nostre piccole navi in ​​legno non saremo in alcun modo in concorrenza con i giganti dell'industria marittima esistente, ma a misura d'uomo possiamo ispirare una maggiore consapevolezza e una motivazione al cambiamento attraverso piccole azioni pratiche ".





Related News

Feedback / suggerimenti