Una tradizione di Aleppo è rianimata a Parigi come il duo francese dei produttori di saponi

Quando la guerra in corso pose fine al piano di Samir Constantini di aprire la sua fabbrica ad Aleppo, iniziò a fare sapone nella tradizione siriana alla periferia di Parigi. È ancora siriano? La Francia ha le sue polemiche gorgoglianti.

Gennaio 4, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Il produttore di sapone siriano Hassan Harastani è stato costretto a lasciare Aleppo da anni di brutale guerra durante la quale il famoso sapone di Aleppo della città divenne una delle vittime.

Il labirinto di vicoli che un tempo costituiva l'antica città di Aleppo ospitava circa 60 fabbriche di sapone prima che fosse ridotto in macerie. La fragranza distintiva di olive e alloro che un tempo si diffondeva dalle fabbriche di sapone 'L'oro verde di Aleppo "è stato a lungo sopraffatto dalla puzza di fumo e dalla spazzatura in decomposizione.

Lo facciamo qui allo stesso modo in cui lo facciamo a casa: c'è olio d'oliva, foglie di alloro, ingredienti naturali solo acqua.- Hassan Harastani

Samir Constantini, medico e uomo d'affari franco-siriano, ha iniziato a importare sapone di Aleppo in Francia nel 2004. Il suo piano era quello di aprire una fabbrica di sapone alla periferia di Aleppo con Harastani. Quando la guerra in corso lo impedì, Constantini fece ricorso all'apertura di una fabbrica a Santeny, a 30 km da Parigi. I produttori di sapone siriani vendono il loro Aleppo Green Gold con il marchio Alepia online e da un negozio ad Angers.

Constantini è fermamente convinto che il sapone di Aleppo prodotto in Francia sia ancora siriano. "Se un grande chef francese apre un ristorante francese a New York, rimane cucina francese, non cucina newyorkese. È lo stesso per il sapone. È prodotto dal maestro saponario Harastani ed è quindi un vero sapone di Aleppo ”, ha insistito.

Harastani concordò: "Produciamo sapone Aleppo da 3,500 anni - ben prima di Gesù Cristo. Lo facciamo qui allo stesso modo in cui lo facciamo a casa: c'è olio d'oliva, foglie di alloro, ingredienti naturali solo acqua. ”

"Non potevamo più andare in fabbrica a causa dei bombardamenti e dei rapimenti ", ha affermato Harastani, che è determinato a mantenere viva la tradizione del sapone di Aleppo. Harastani ora versa il sapone tradizionale facendo segreti tramandati da suo padre, in calderoni gorgoglianti di olio d'oliva e olio di alloro che si trasformano in sapone di Aleppo sul suolo francese.

Samir Constantini e Hassan Harastani

L'industria del sapone siriana era già minacciata prima che le fabbriche di sapone di Aleppo venissero distrutte dai bombardamenti. Secondo l'uomo d'affari siriano Safouh-al Deiri che ha esportato il sapone di Aleppo in Francia dagli 1980, le imitazioni a buon mercato venivano tramandate come sapone di Aleppo genuino già da 2010.

Il sapone iconico per l'olio d'oliva della Francia, Savon de Marseille, è attualmente coinvolto nella sua stessa aspra battaglia. Due gruppi rivali di saponieri di Marsiglia sono in una lotta legale su ciò che costituisce il vero sapone di Marsiglia. Le relazioni tra i produttori di sapone in guerra si sono disintegrate al punto che i rivali comunicheranno solo attraverso una terza parte.

L'Associazione dei produttori di Savon de Marseille (AFSM) guidata dall'azienda di cosmetici di lusso L'Occitane chiede il diritto di aggiungere profumi al sapone e insiste che al sapone sia data un'indicazione geografica (IG), come è concesso a vini e formaggi a distinguerli dalle importazioni a basso costo.

I tradizionalisti hanno costituito la propria associazione, l'Unione dei professionisti di Savon de Marseille (UPSM). Il loro obiettivo è quello di proteggere la ricetta originale e insistono sul fatto che il vero Savon de Marseille può essere prodotto solo da produttori di saponi artigianali della regione francese delle Bocche del Rodano.

Savon de Marseille

In verità 'In stile soap opera, il destino di Savon de Marseille sarà deciso dal governo francese. Se concesso un IG, Savon de Marseille diventerà il primo manufatto ad ottenere il timbro attualmente esclusivo per cibo e bevande.

Una società di cosmetici francese che non si è lasciata prendere dalla polemica è La Maison de Savon de Marseilles. La gamma dell'azienda comprende il tradizionale sapone di Marsiglia, saponi profumati e sapone di Aleppo. Credono che il sapone di Aleppo sia il predecessore di Savon de Marseille, affermando sul loro sito web 'In origine il sapone di Marsiglia è stato ispirato da un sapone che esisteva in Siria da migliaia di anni, il sapone di Aleppo, che è un mix di olio d'oliva e alloro.

Il sapone di Aleppo, che si ritiene sia il sapone più antico del mondo, viene attribuito mantenendo la pelle pulita e setosa di Cleopatra. L'Europa fu introdotta nel sapone di Aleppo nell'11th secolo di The Crusaders.



pubblicità

Related News