Quasi 1 miliardo di tonnellate di cibo viene sprecato ogni anno, secondo il rapporto delle Nazioni Unite

Le Nazioni Unite hanno scoperto che nel 900 sono stati sprecati più di 2019 milioni di tonnellate di cibo. Il problema è pervasivo, con lo spreco alimentare che si verifica in ogni fase della catena alimentare in tutto il mondo.
Marzo 17, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

A rapporto pubblicato dalle Nazioni Unite stima che il 17 per cento del cibo prodotto a livello globale - circa 930 milioni di tonnellate - viene buttato via ogni anno.

La quantità di cibo sprecata è sufficiente per caricare 23 milioni di camion da 40 tonnellate, pari a sette volte il perimetro terrestre quando allineati.

Se vogliamo fare sul serio nell'affrontare il cambiamento climatico ... le imprese, i governi ei cittadini di tutto il mondo devono fare la loro parte per ridurre lo spreco alimentare.- Inger Andersen, direttore esecutivo, Programma ambientale delle Nazioni Unite

La ricerca ha riguardato 54 paesi in tutto il mondo nel 2019. Le famiglie sono state ritenute responsabili della maggior parte dei rifiuti, rappresentando il 61% del cibo scaricato. In confronto, i settori della ristorazione e del commercio al dettaglio rappresentavano rispettivamente il 26% e il 13%.

Il cibo si perde anche nelle fattorie e nelle catene di approvvigionamento, afferma il rapporto. Nel complesso, circa un terzo del cibo prodotto a livello globale non viene mai consumato.

Vedi anche: Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite vince il premio Nobel per la pace 2020

Tuttavia, lo spreco alimentare globale è difficile da misurare poiché la maggior parte dei paesi non dispone di dati sostanziali per individuare il problema.

"Molti paesi non hanno ancora quantificato i loro sprechi alimentari, quindi non comprendono l'entità del problema ", ha affermato Clementine O'Connor del Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) e coautrice del rapporto.

Nel 2019, circa 690 milioni di persone in tutto il mondo sono state colpite dalla fame, hanno detto le Nazioni Unite, e il Pandemia di COVID-19 dovrebbe peggiorare le cose.

In anticipo, lo spreco di cibo richiede a pesante pedaggio sull'ambiente. Quasi il 10% delle emissioni globali di carbonio è associato al cibo scaricato o perso nella catena di approvvigionamento alimentare, una quantità equivalente alle emissioni dei trasporti stradali.

"Se vogliamo fare sul serio il contrasto cambiamento climatico, la perdita di natura e biodiversità, l'inquinamento e i rifiuti, le imprese, i governi ei cittadini di tutto il mondo devono fare la loro parte per ridurre lo spreco alimentare ", ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo dell'UNEP.

Un altro risultato allarmante della ricerca è stato che lo spreco alimentare non si verifica solo nei paesi sviluppati, ma anche nei paesi meno sviluppati e in quelli in via di sviluppo.

"Per molto tempo si è pensato che lo spreco di cibo in casa fosse un problema significativo solo nei paesi sviluppati ", ha affermato Marcus Gover, CEO di WRAP, un ente di beneficenza dell'economia circolare che ha collaborato con le Nazioni Unite per produrre il rapporto. "Con la pubblicazione del rapporto sull'Indice dello spreco alimentare, vediamo che le cose non sono così nette ".

Attraverso il loro lavoro, i ricercatori stanno sollecitando le nazioni a ridurre la perdita di cibo nelle case.

"A soli nove anni dalla fine, non raggiungeremo l'obiettivo 12 dell'OSS 3 [ridurre lo spreco di cibo del 50% a livello dei consumatori entro il 2030] se non aumenteremo in modo significativo gli investimenti per contrastare lo spreco alimentare domestico a livello globale ", ha affermato Gover .

"Questa deve essere una priorità per governi, organizzazioni internazionali, imprese e fondazioni filantropiche ”, ha concluso.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti