`Ministro andaluso sotto il fuoco per incolpare la conservazione dell'olio d'oliva, non la frode - Olive Oil Times

Ministro andaluso sotto il fuoco per incolpare la conservazione dell'olio d'oliva, non frodare

Agosto 14, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Il governo andaluso è oggetto di aspre critiche da parte di consumatori, produttori e giornalisti spagnoli per non aver concluso un'indagine sulla frode dell'olio d'oliva ormai vecchia di nove mesi.

L'indagine formale da parte del dipartimento regionale della salute è iniziata lo scorso novembre dopo che le analisi di 24 lotti di olio d'oliva in vendita a Jaén e Córdoba hanno indicato che, in 15, il contenuto era inferiore a quanto indicato sull'etichetta. Nella maggior parte dei casi si trattava di un olio di qualità inferiore venduto come olio extravergine di oliva o olio di oliva vergine.

La scorsa settimana il ministro della Salute e dei consumatori María Jesús Montero ha annunciato che, mentre l'inchiesta era ancora in corso, gli investigatori avevano scoperto che nella maggior parte dei casi il problema non era una frode ma una cattiva conservazione.

"La maggior parte delle aziende è stata in grado di dimostrare che al momento dell'imbottigliamento i prodotti erano nelle condizioni indicate nell'etichettatura ", ha affermato Montero. Secondo il giornale spagnolo Il Paese, il ministro ha continuato spiegando che, come il vino, l'olio d'oliva perdeva qualità organolettiche se non veniva trasportato e conservato in condizioni adeguate, comprese le temperature stabili. Ha detto che le anomalie rilevate suggeriscono che il difetto risieda nella catena di distribuzione e vendita.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

"Stiamo pensando a una campagna per consigliare i consumatori su come controllare che la bottiglia che hanno selezionato per l'acquisto sia stata correttamente conservata ", ha detto. Montero ha rifiutato di nominare i marchi indagati fino alla fine dell'inchiesta.

I gruppi industriali hanno reagito con rabbia, dicendo che i commenti del ministro, lungi dal fornire chiarezza, avevano creato confusione e mostrato l'incapacità di prendere sul serio la possibilità di frode.

Rubén Sánchez, portavoce del gruppo di consumatori Facua, detto Europa Press che non riusciva a capire perché l'inchiesta impiegasse mesi quando i test potevano essere eseguiti in poche ore. Ha detto che i consumatori meritavano dettagli rapidi e chiari dei risultati dei test.

Il segretario generale dell'Unione agricola COAG-Jaén, Rafael Civantos, ha dichiarato di essere stupito non solo per aver impiegato nove mesi per ottenere alcune informazioni - dopo ripetute richieste da parte della COAG - ma che il messaggio era che non si trattava di una frode, solo una conservazione errata. "Il governo deve prendere sul serio questa questione, che colpisce allo stesso modo agricoltori e consumatori. Inoltre, deve spiegare in dettaglio i risultati dei suoi test. " Civantos ha anche chiesto che i nomi dei marchi indagati siano resi pubblici.

Il giornalista Ginés Donaire, il cui ritmo con El País include il settore dell'olio d'oliva, twittato su 7 di luglio, "Sono passati sette mesi e il governo regionale deve ancora rendere pubblici i nomi delle società coinvolte nella frode dell'olio d'oliva. Chi sta proteggendo? "

La scorsa settimana, dopo l'annuncio di Montero, ha twittato: "Se non ci sono frodi petrolifere, chi pagherà per il suo deterioramento sugli scaffali. Sono stati necessari nove mesi di indagini per questo? "

Related News

Feedback / suggerimenti