`Ti consideri un consumatore ecologico? - Olive Oil Times

Ti consideri un consumatore ecologico?

Aprile 1, 2012
Olivarama

Notizie recenti

ECOLÓGICO / BIOLOGICO

Gli alimenti biologici hanno già preso residenza in un quarto delle famiglie spagnole. Questo perché c'è un gruppo di persone che conosce perfettamente questo tipo di prodotto, che lo concepisce "più naturali ”e che li acquistano, principalmente, negli ipermercati. O almeno questi sono i risultati di uno studio in cui il governo spagnolo individua il profilo e le abitudini dei consumatori biologici nel nostro Paese.

Olivia, 40 anni, madrilena, sposata e con due figli sotto i 12 anni. Ha una formazione universitaria e ammette una certa sensibilità per l'ambiente e la sostenibilità. Da 5 anni consuma prodotti biologici, la maggior parte dei quali acquista negli ipermercati perché crede che aiutino la sua salute e quella della sua famiglia.

Questa breve descrizione delinea il "identikit ”di un consumatore spagnolo di prodotti ecologici. Coincide anche con il profilo stilato dall'attuale ministero dell'Agricoltura, Alimentazione e Ambiente, sulla base delle conclusioni di uno studio secondo cui il cibo biologico è già presente in un quarto delle case spagnole. Arrivano addirittura a rappresentare il 24% del carrello della spesa e, data la loro versatilità, gli abitanti li abbinano ad un'infinità di prelibatezze.

O almeno questa è l'interpretazione dopo aver letto Caratterizzazione della tipologia dei consumatori di alimenti biologici e del loro profilo socio-demografico in Spagna, che aveva l'obiettivo di caratterizzare la tipologia attuale, il profilo socio-demografico e l'ubicazione geografica dei consumatori nel territorio nazionale territorio, determinando anche nuove tipologie di consumatori e conoscendo le ragioni attuali per l'acquisto.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Questo progetto fa parte delle attività finanziate dal governo nell'ambito dell'accordo di collaborazione con la federazione spagnola dei prodotti biologici, Federación Española de Empresas con Productos Ecológicos (Fepeco).

Sanno cosa stanno comprando

Dopo aver estrapolato i dati raccolti da 450 interviste, l'analisi conclude che il 26% degli spagnoli riconosce le etichette di identificazione, sa esattamente cos'è un prodotto biologico e lo consuma, almeno una volta al mese.
Al contrario, solo un terzo della società distingue la caratteristica etichettatura e, stranamente, pochissimi spagnoli identificano il nuovo logo europeo, in vigore da luglio 2010.

Tra le categorie di prodotti più richieste ci sono frutta e verdura fresca, che sono precisamente il porto di accesso a questo tipo di mercato. Poi arrivano pollo e carne. E tra i meno richiesti, è il cibo per bambini.

Sfortunatamente, c'è poco da aggiungere sull'olio extra vergine di oliva, poiché lo studio non lo ha analizzato come prodotto indipendente. È probabilmente incluso in una delle categorie di prodotti analizzate, come ad esempio "Altri tipi di alimenti confezionati ", "altri "o, anche sotto il titolo di "Snack, dolci, marmellate, miele… ”. Una carenza abbastanza grave visto che è l'icona del nostro modello alimentare e costituisce uno degli alimenti più esperti quando si parla di produzione ecologica.

In ogni caso, lo studio dimostra che il tipo di stabilimento preferito per gli acquisti è l'ipermercato, oltre ai negozi specializzati.

Più donne che uomini

Il "eco-consumatori ”sono persone impegnate per la sostenibilità e l'ambiente, la maggior parte sono professionalmente attive e donne. La loro età media è di 40 anni, hanno figli di età inferiore ai 12 anni, buoni livelli di istruzione accademica e alto potere d'acquisto.

Nonostante viva in case in tutto il territorio spagnolo, la maggioranza è concentrata nel nord-est e nel centro della penisola, soprattutto in case con quattro membri situate nelle grandi città.

In base al loro atteggiamento nei confronti degli aspetti ambientali, ecologici e sanitari, sono stati identificati quattro gruppi concettuali:

• Convinto: questo è il gruppo più importante in quanto rappresenta il 32% del totale. I suoi membri sono favorevoli al consumo biologico e sostenibile, che praticano da oltre 7 anni. Chiedono uno stile di vita più naturale e rispettoso dell'ambiente.

• Non coinvolto: questo gruppo comprende il 26% dei consumatori biologici. È composto da persone che acquisiscono questo tipo di prodotto seguendo le tendenze del momento. È meno probabile che aumentino il consumo di questi alimenti.

• Ecologisti: abitanti che hanno un'enorme sensibilità nei confronti dell'ambiente e sono disposti a provare nuovi prodotti. Costituiscono il 21%.

• Preoccupato per la salute: la maggioranza sono donne che cercano cure personali basate su abitudini alimentari ecologiche e esercizio fisico. Per questo gruppo, che rappresenta il 21% del totale, il fattore prezzo impedisce loro di acquistare più prodotti biologici.

Tendenza positiva

Le conclusioni di questa indagine mostrano un notevole potenziale di crescita per i prodotti ecologici. In effetti, gli intervistati riflettono una maggiore conoscenza del consumo sostenibile e sono disposti ad aumentare i loro acquisti.

Tra i motivi menzionati al momento dell'acquisto di questi prodotti alimentari, il primo indicato è la preoccupazione per la salute, sia quando si tratta di iniziare il consumo che di continuare. Tuttavia, è anche vero che la maggior parte di loro ha alimentato i propri corpi con questi tipi di alimenti, che considerano "più naturale ", per una media di oltre 5 anni.

Secondo la ricerca, chi si nutre di prodotti bio acquista anche articoli di altre diverse categorie, soprattutto legati al risparmio energetico nelle lampadine a basso consumo, elettrodomestici di classe A, ecc.

Più disponibilità, più consumi

Sebbene questo segmento stia guadagnando terreno nel settore alimentare spagnolo in generale, il governo ritiene essenziale promuovere il consumo, aumentando la penetrazione nel mercato e facilitando l'accesso.

Per fare ciò, è essenziale lavorare sulle barriere che impediscono un'intensificazione dei consumi, compresa la disponibilità e il prezzo limitati, che costituiscono i motivi principali che obbligano gli utenti a non acquistare determinate categorie.

Indubbiamente, con questa analisi il Ministero riflette il forte potenziale di espansione del prodotto realizzato nel nostro territorio seguendo i precetti dell'agricoltura biologica. È importante ricordare che la Spagna è il secondo paese europeo e l'ottavo al mondo per quanto riguarda la superficie dedicata alle colture biologiche.

Altre informazioni / Ulteriori informazioni: marm.es e scoprire fepeco.es

Gli articoli di Olivarama compaiono anche sulla rivista Olivarama e non sono modificati do olive oil Times.

Related News

Feedback / suggerimenti