Le sfide attendono i coltivatori mentre il bacino del Mediterraneo diventa più caldo e secco

Le piogge irregolari e fuori stagione dovranno affrontare gli olivicoltori in Italia, mentre gli agricoltori in Andalusia potrebbero non ricevere più ore di freddo adeguate con l'aumento delle temperature invernali.
Ottobre 14, 2020
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Cambiamento climatico ha un impatto diretto e misurabile sull'olivicoltura nella regione mediterranea. Di conseguenza, la stragrande maggioranza delle aree mondiali produttrici di olio d'oliva è diventata un banco di prova.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno iniziato a studiare come i nuovi modelli di pioggia, che assomigliano sempre più a quelli degli ambienti subtropicali, influenzeranno gli agricoltori europei.

Consideriamo il bacino del Mediterraneo un punto caldo per il cambiamento climatico perché è una fascia di territorio sostanzialmente limitata che giace oltre un enorme bacino idrico, dove ogni cambiamento climatico è amplificato.- Luigi Ponti, ricercatore clima, ENEA

Viene inoltre prestata attenzione alle nuove temperature che si verificano nei mesi tradizionalmente caldi e freddi, nonché al modo in cui gli habitat di parassiti dell'olivo stanno cambiando.

"Abbiamo studiato il clima mediterraneo nei libri, con le sue caratteristiche uniche e di lunga data ", ha detto Luigi Ponti, esperto di clima e ricercatore presso l'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA). Olive Oil Times.

Vedi anche: Il cambiamento climatico sta trasformando l'interazione tra piante e suolo

"Ma il clima mediterraneo lascerà la regione mediterranea e viaggerà verso nord, un processo graduale che è già iniziato e che si estenderà per tutto il secolo ”, ha aggiunto.

Analizzando i dati climatici compilati dall'ENEA e da altri enti simili, Ponti ha detto che lui ei suoi colleghi ricercatori hanno iniziato a notare quanto sia sensibile il bacino del Mediterraneo, anche a piccoli cambiamenti del clima locale.

"Da questi modelli si capisce come stia cambiando il clima e grazie a studi precedenti, possiamo dire che esiste una possibilità statisticamente significativa che diverse regioni dell'Europa settentrionale si spostino verso il clima mediterraneo ", ha affermato.

"Il Mediterraneo stesso lo farà spostarsi verso un clima secco e arido, che ha un evidente impatto sull'intero settore agricolo e sull'olivicoltura ", ha aggiunto. "I nostri dati mostrano che questo cambiamento probabilmente colpirà ancora più boschi in Medio Oriente ".

Nelle dolci colline del sud della Spagna, dove gli ulivi si estendono a perdita d'occhio, anche un aumento relativamente piccolo della temperatura media viene avvertito dagli olivicoltori.

"Negli ultimi 50 anni, la temperatura è aumentata in media di 1 ºC (1.8 ºF) nella Spagna meridionale ", ha detto Ignacio Lorite, ricercatore presso l'Istituto andaluso di ricerca agricola e pesca (IFAPA) Olive Oil Times.

"Sebbene limitato, questo aumento ha portato a fioriture anticipate negli oliveti e a più eventi di stress da calore durante la fioritura ", ha aggiunto. "Ciò è accaduto principalmente in luoghi in cui la fioritura di solito si verificava in un secondo momento, come metà maggio, in un momento in cui le temperature elevate sono comuni ".

Secondo Lorite, le regioni che in genere sperimentano una fioritura successiva saranno sempre più esposte ondate di caldo della tarda primavera, che sono diventati più comuni.

"Nelle aree soggette a piogge, lo stress idrico genererà gravi perdite di rendimento ", ha affermato, soprattutto quando "questi eventi di stress idrico coincidono con i periodi critici come la fioritura o la maturità ".

Mentre è diventato sempre più evidente che il clima dell'Europa sta cambiando, si fanno sentire diversi impatti in tutto il continente. Di conseguenza, non esiste un singolo problema relativo al clima che preoccuperà in modo più evidente gli olivicoltori.

Invece, gli scienziati sostengono che alcuni problemi saranno avvertiti maggiormente da alcune regioni. Ad esempio, mentre gli scienziati stanno registrando notevoli cambiamenti nell'andamento delle precipitazioni nella maggior parte dell'Italia, lo stesso collegamento non è stato fatto nel sud della Spagna.

"L'effetto del cambiamento climatico sulle precipitazioni non è ancora evidente ", ha detto Lorite. "Sebbene i periodi di siccità siano stati identificati negli ultimi anni, questi eventi sono ricorrenti da molto tempo nel sud della Spagna. Né è stato osservato un aumento della gravità o della frequenza della siccità ".

Mentre gli scienziati stanno già prendendo atto dei cambiamenti climatici e dei modelli climatici in tutto il bacino del Mediterraneo, prevedere come questi continueranno a cambiare è una sfida ancora più grande.

Le analisi locali del comportamento degli oliveti nelle condizioni meteorologiche attuali e future sono componenti critiche che devono sempre essere considerate.- Ignacio Lorite, ricercatore, IFAPA

Tuttavia, hanno detto gli esperti Olive Oil Times che alcuni cambiamenti possono ancora essere previsti. Tra questi c'è uno spostamento degli habitat naturali per alcuni parassiti dell'olivo.

"Data la limitata tollerabilità della mosca della frutta al cambiamento di temperatura, è possibile che i focolai nelle aree meridionali [dell'Europa] diminuiranno ", ha detto Ponti.

Secondo Lorite, l'aumento della variabilità climatica avrà il maggiore impatto sulle regioni che hanno già un minor numero di unità di refrigerazione - ore durante le quali la temperatura ambiente è intorno (ma preferibilmente inferiore a) 7 ºC (45 ºF).

la-produzione-sfide-mondiali-attendono-i-coltivatori-mentre-il-bacino-mediterraneo-diventa-tempi-dell'olio-d'oliva-più-caldi-e-secchi

Poiché il bacino del Mediterraneo diventa costantemente più caldo durante tutto l'anno, alcune delle sue aree di olivicoltura chiave potrebbero non ricevere più le 300-600 unità di raffreddamento necessarie che gli alberi richiedono per fiorire.

Lorite ha detto che questo potrebbe causare problemi di fioritura e ne ha citati esempi nelle regioni sud-occidentali dell'Andalusia. Tuttavia, ha aggiunto che la stragrande maggioranza della Spagna meridionale riceve ancora una quantità adeguata di unità di raffreddamento ogni inverno.

Vedi anche: Varietà di olive autoctone andaluse potrebbero essere spazzate via nel 2100, avvertono i ricercatori

Mentre la portata dei problemi presentati dal cambiamento climatico sta iniziando a essere meglio compresa, tutti i dati raccolti dai ricercatori non si traducono necessariamente in soluzioni facili.

Ponti, la cui ricerca è ora focalizzata sul sostegno dell'Unione Europea Progetto MED-GOLD, ha sottolineato come setacciare tutti i dati e le informazioni appena disponibili sia una delle maggiori sfide per gli scienziati.

"Consideriamo il bacino del Mediterraneo un punto caldo per il cambiamento climatico perché è una striscia di territorio sostanzialmente limitata che giace oltre un enorme bacino idrico, dove ogni cambiamento climatico è amplificato ”, ha detto Ponti.

"Quello che stiamo cercando di fare è trasformare le informazioni provenienti dalla ricerca in strumenti utili per prendere decisioni, sia per il processo decisionale che per le organizzazioni industriali ”, ha aggiunto.

Olive, uva e grano duro sono i tre casi studio utilizzati da MED-GOLD per determinare gli impatti del cambiamento climatico sulle colture europee. L'adattamento delle colture ai cambiamenti climatici è al centro di molti altri studi.

"Molte difficoltà sono state incontrate nel trovare le iniziative di adattamento utili per gli oliveti ", ha detto Lorite. Al momento, crede, "le misure di adattamento più efficienti sono irrigazione deficitaria strategie. "

Sebbene questo approccio non soddisfi i requisiti idrici ottimali per l'olivicoltura, può aiutare a evitare lo stress idrico durante le fasi critiche dello sviluppo degli alberi, come la fioritura.

L'irrigazione in deficit può anche portare a risparmi idrici rilevanti senza avere un impatto sostanziale sulla resa finale, ha affermato Lorite.

"Ad esempio, con allocazioni inferiori a 1,500 metri cubi (53,000 piedi cubi) per ettaro (2.5 acri), è ancora possibile ottenere rese soddisfacenti di olio d'oliva, ottenendo anche valori di produttività dell'acqua elevati ", ha affermato.

"Sebbene questi risultati siano stati ottenuti per la regione dell'Andalusia, sono validi esempi per qualsiasi regione con un'elevata variabilità spaziale nelle condizioni meteorologiche ", ha aggiunto. "Pertanto, le analisi locali del comportamento degli oliveti nelle condizioni meteorologiche attuali e future sono componenti critiche che devono sempre essere considerate ".

Altri strumenti come il miglioramento della gestione del suolo e dell'irrigazione hanno anche fornito risultati soddisfacenti, ha osservato Lorite, ancora "la maggior parte dei problemi sorgono per i frutteti in condizioni di pioggia, dove gli strumenti di adattamento sono molto limitati ".

Altre aree in cui gli scienziati stanno esplorando possibili soluzioni includono la scelta delle cultivar più adatte ad adattarsi ai cambiamenti.

Lorite ha spiegato che le conoscenze sull'argomento sono molto limitate e mentre i risultati conclusivi non sono ancora stati raggiunti, IFAPA lo è già coordinare diversi progetti di ricerca studiato per valutare le varietà meno sensibili al calore o allo stress idrico.

"Allo stesso modo, le informazioni sui requisiti di raffreddamento e la fenologia dei diversi varietà di olive è attualmente limitato ", ha detto Lortite.

Tra gli obiettivi dei ricercatori c'è l'identificazione delle varietà di olivo con stagioni di fioritura precedenti.

"Studi recenti hanno evidenziato la bassa variabilità nella data di fioritura di 148 cultivar di olive coltivate nella Banca mondiale del germoplasma olivastro a Córdoba ", ha affermato.

Questa ridotta variabilità potrebbe rendere più impegnativa la selezione delle varietà giuste.

"Allo stesso modo, la selezione di cultivar con una maggiore resilienza agli impatti dei cambiamenti climatici è una strategia a lungo termine ed è improbabile che si raggiungano risultati soddisfacenti nei prossimi anni ", ha aggiunto.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti