Mondo

La ricerca cinese Giant rivela le bacchette per rilevare la qualità dell'olio d'oliva

Settembre 9, 2014
Di Danielle Putier

Notizie recenti

Baidu, uno dei principali motori di ricerca cinesi su Internet e società di servizi web, è diventato leader quando ha presentato la sua ultima innovazione alla Baidu World Technology Conference lo scorso mercoledì. Robin Li, CEO di Baidu, ha condotto una presentazione video che introduce le bacchette progettate per rilevare oli di oliva contaminati o oli di qualità scadente.

Dopo aver immerso le bacchette nell'olio d'oliva, gli utenti possono collegarle a un'app per smartphone per ottenere letture del livello di pH, del valore di perossido e della temperatura dell'olio. Le bacchette daranno un'etichetta immediata che va da "eccellente" a "cattivo" secondo le letture.

Baidu, noto come Google cinese, ha deciso di fabbricare le bacchette dei sensori dopo aver promosso un prodotto simile all'inizio dell'anno come uno scherzo del pesce d'aprile. La pubblicità satirica ha suscitato un sorprendente interesse da parte dei consumatori e dei professionisti della sicurezza alimentare.

Sebbene il "Baidu Kuaisou" non sia entrato nella fase di produzione della produzione, gli esperti del settore riconoscono la tempestività di tale prodotto, data la scarsa reputazione della Cina in termini di sicurezza alimentare e servizi igienico-sanitari negli ultimi anni.

Zhong Nanshan, che ha scoperto il virus SARS nel 2003, ha riferito allo Yangcheng Evening News di Guangzhou che ogni anno venivano prodotti in Cina dai 7 ai 14 milioni di tonnellate di olio da cucina usato e che circa 3.5 milioni di tonnellate probabilmente tornano ai tavoli da pranzo riciclaggio, secondo un recente rapporto del Los Angeles Times.

pubblicità

Mentre l'entusiasmo per un tale prodotto rimane alto, gli esperti del settore rimangono scettici dicendo che molte aziende non etiche impareranno a manipolare la loro chimica per ottenere buone letture. "Tali valori possono essere facilmente manipolati dai produttori di olio di grondaia aggiungendo sostanze chimiche pertinenti per fornire una lettura falsa e sicura", ha affermato Nong Shaozhuang, esperto di sicurezza alimentare dell'Università Dalian del Politecnico.