`Il cambiamento climatico sta alterando i profili nutrizionali delle colture mondiali - Olive Oil Times

Il cambiamento climatico sta alterando i profili nutrizionali delle colture mondiali

Può. 28, 2021
Ephantus Mukundi

Notizie recenti

Una nuova rapporto del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite afferma che alcune delle cause di cambiamento climatico può anche alterare la composizione nutrizionale del cibo.

"Il clima influisce su una serie di processi biologici, compreso il tasso metabolico nelle piante e negli animali ectotermici ", afferma il rapporto dell'IPCC.

"La modifica di questi processi può modificare i tassi di crescita e quindi i raccolti, ma può anche indurre gli organismi a modificare gli investimenti relativi nella crescita rispetto alla riproduzione, e quindi modificare i nutrienti assimilati ", ha aggiunto il rapporto. "Ciò può ridurre le concentrazioni di proteine ​​e nutrienti minerali, nonché alterare la composizione lipidica.

Vedi anche: L'applicazione di rocce frantumate alle colture riduce le emissioni di CO2 nell'atmosfera

Il graduale temperature medie annuali in aumento è uno dei modi in cui il clima della Terra sta cambiando che ha gli scienziati più preoccupati.

Sebbene il riscaldamento della temperatura ambiente della Terra possa avvantaggiare alcuni settori agricoli e consentire agli agricoltori di coltivare nuove colture che vanno bene solo nelle regioni calde, comporta anche il potenziale di interferire con la crescita e sviluppo di altre colture.

Quando le temperature salgono al di sopra di intervalli specifici ottimali per la crescita e la riproduzione, è probabile che lo stress termico interrompa il processo di fioritura, impollinazione e sviluppo di una pianta. Ciò non solo influisce negativamente sulla produzione agricola, ma anche sul suo valore nutritivo.

I drastici cambiamenti di temperatura rendono il bestiame vulnerabile anche a malattie e parassiti. Questo perché i parassiti e le malattie che di solito prendono di mira il bestiame preferiscono condizioni calde e umide, che consentono loro di moltiplicarsi.

Di conseguenza, è sempre più probabile che gli allevatori spendano più tempo e denaro nel trattamento dei loro animali utilizzando farmaci veterinari e rimedi per scongiurare queste minacce. È probabile che alcune di queste sostanze chimiche entrino nella catena alimentare influenzando il valore nutritivo dei prodotti animali.

Le attività umane, come la combustione di combustibili fossili, aumentano il livello di anidride carbonica (CO2), ossido di azoto, metano e altri gas serra nell'atmosfera.

Vedi anche: Notizie sui cambiamenti climatici

Gli studi dimostrano che dall'avvento della rivoluzione industriale, la concentrazione di CO2 è aumentata del 40% a livello globale.

La CO2 regola l'umidità, che determina la dimensione dell'effetto serra. Alte concentrazioni di CO2 nell'atmosfera si traducono in alte temperature in tutto il mondo.

Mentre alte concentrazioni di CO2 di solito stimolano la crescita delle piante e aumentano il livello di carboidrati nella pianta, tutto ciò ha un costo in quanto la pianta produce meno vitamine, proteine ​​e minerali.

Gli studi hanno trovato quello le proteine ​​vegetali diminuiscono in modo significativo quando i livelli di CO2 superano 540-960 parti per milione.

Al momento, i livelli di CO2 sono di 409 parti per milione e si prevede che raggiungeranno la zona di pericolo entro il 2100.

Quando alimenti come grano, soia, riso o patate vengono coltivati ​​in tali condizioni, tendono ad avere una concentrazione di proteine ​​dal 15 al 2% inferiore rispetto alle stesse piante coltivate a concentrazioni inferiori di CO-.

Inoltre, i livelli di elementi critici come zinco, rame, azoto, magnesio, calcio e magnesio dovrebbero diminuire con l'aumento dei livelli di CO2.

Secondo un studio pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives nel 2017, se la concentrazione di CO2 raggiunge le 500 parti per milione, più di 18 paesi perderanno dal 14 al 2050% delle loro proteine ​​alimentari entro il -.

pubblicità

Ciò accade quando colture come grano, riso, patate e orzo non possono assorbire i nitrati e trasformarli in composti organici, comprese le proteine.

Attualmente, il 76% della popolazione mondiale fa affidamento su proteine ​​vegetali. In cima alla lista ci sono colture alimentari significative come semi di soia, riso, mais, grano, miglio e patate.

Ciò significa che se la loro fonte di proteine ​​e nutrienti critici viene influenzata, miliardi di persone saranno a loro volta colpite e milioni di donne e bambini dovranno probabilmente affrontare la malnutrizione.





Related News

Feedback / suggerimenti