`Cipro va oltre la massa - Olive Oil Times

Cipro si muove oltre massa

Ottobre 30, 2012
Marissa Tejada

Notizie recenti

Ogni autunno, proprio come i suoi vicini nel suo villaggio cipriota di Kivissili, Michalis Chrisidou rispolvera un paio di serbatoi di plastica trasparente. I suoi contenitori da quattro e venti litri servono a uno scopo molto speciale. Porteranno olio d'oliva sfuso appena spremuto, una scorta che, secondo lui, durerà nei prossimi mesi.

Per il suo piccolo paese insulare, l'olio d'oliva spremuto localmente ha un significato significativo. "Lo usiamo per cucinare tutti i giorni. Otteniamo la nostra fornitura dagli oliveti ciprioti e basta. È locale, puro e di qualità ", ha affermato Chrisidou. Un contenitore da quattro litri costa tra € 20 e € 25 (da $ 26 a $ 32) e 20 litri costa tra € 80 e € 100 (da $ 104 a $ 130). Al ritorno a casa, Chrisidou trasferisce l'olio in bottiglie di vetro colorato.

A Cipro, l'olio d'oliva viene acquistato raramente nel negozio perché per la maggior parte delle famiglie un membro della famiglia o un amico lo produce da qualche parte sull'isola. Alcuni ciprioti si prendono il tempo per produrlo da soli con alberi di loro proprietà. In effetti, ci sono circa 12,000 famiglie cipriote impegnate nel settore. Le regioni di Kyrenia, Kythrea, Solia, Lythrodhondas e Lefkara sono note per i loro uliveti. Tuttavia, la maggior parte è solo una parte della produzione di olio d'oliva a Cipro in questi giorni.

"Da quando è entrata nell'Unione europea nel 2004, produzione di olio d'oliva a Cipro è cresciuto enormemente ", ha dichiarato il dott. Costas Gregoriou, amministratore delegato di Agro Forum LTD e consulente internazionale per la coltivazione e la coltivazione dell'olio d'oliva a Cipro.

Costas Gregoriou

Gregoriou ha affermato che tra gli anni 2004 e 2007 il consumo di olio d'oliva è aumentato da 6,800 tonnellate a 8,200 tonnellate all'anno. Ora il consumo di petrolio è stato stabilizzato intorno a tonnellate 9,000.

Il ministro dell'Agricoltura e delle risorse naturali, Sophocles Aletraris, ha affermato che l'olio d'oliva è di grande importanza per l'economia del paese e le politiche cipriote sostengono la crescita del settore.

"La politica del governo porta il mondo rurale al centro delle nostre azioni. Riconoscendo la fatica quotidiana dei nostri agricoltori, abbiamo concentrato la nostra politica di supporto al settore per far fronte alle sfide del mercato comune nell'Unione europea e alla liberalizzazione del commercio internazionale, nonché ai problemi posti dalla crisi economica. "

Ha affermato che il programma di sviluppo rurale dell'Unione europea, avviato in 2007 e che proseguirà fino al prossimo anno, prevede misure e azioni per migliorare la produzione primaria e il potenziamento dell'attività manifatturiera.

Questi programmi hanno contribuito a consentire l'ammodernamento delle presse, migliorare i rendimenti di estrazione petrolifera e produrre meglio olio d'oliva di qualità. Le presse funzionano in modo corretto ed efficiente, producendo olio di oliva con acidità inferiore rispetto al passato.

Secondo Gregoriou, da quando 1971 sono state introdotte nuove varietà di olive per produzioni da tavola e da olio tra cui Koroneiki, Manzanillo, Picual e Kalamon. Tuttavia, ha affermato che i produttori locali continuano a preferire la varietà locale di Ladoelia, che è ben adattata al clima di Cipro.

Mentre l'industria continua a maturare, i ciprioti sanno esattamente dove andare per la loro fornitura di olio d'oliva ogni anno, bottiglie di plastica in mano, per l'uso quotidiano.

"Vediamo dove crescono gli alberi ogni giorno. È l'olio d'oliva che conosciamo ”, ha detto Chrisidou.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti