L'agricoltore dietro la drammatica ascesa degli oli d'oliva dalmata sulla scena mondiale

Tomislav Duvnjak ha organizzato i produttori locali per aiutarli a entrare nel NYIOOC. Il risultato è stato un record per la regione costiera croata.
Segretario dell'Associazione degli olivicoltori dalmati Damir Buntić e l'olivicoltore di Vodice Tomislav Duvnjak (Nikolina Vukovic Stipanicev / Cropix)
Giu. 1, 2021
Nedjeljko Jusup

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


"Dimostreremo che gli oli d'oliva della Dalmazia sono tra i migliori al mondo ", ha giurato il 36enne Tomislav Duvnjak, un olivicoltore di successo e ingegnere civile di Vodice.

La sua promessa di un anno si è concretizzata nel 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, il più prestigioso al mondo qualità dell'olio d'oliva concorso.

L'obiettivo finale è portare la Dalmazia al livello della migliore regione olivicola del mondo, e poi, insieme alla nostra Istria, fare della Croazia un marchio.- Tomislav Duvnjak, proprietario, Vodice DOO

"In termini di qualità degli oli d'oliva, siamo tra i quattro migliori paesi al mondo ", ha affermato Duvnjak, che ha vinto un Gold and Silver Award con Vodice DOO.

Mentre la Croazia non può competere con Spagna, Italia e Grecia in termini di produzione, Duvnjak e molti altri produttori credono di poterlo fare con la loro qualità.

Nell' Anno del raccolto 2020/21, La Croazia ha prodotto 4,600 tonnellate di olio d'oliva, circa lo 0.15% del totale globale e una frazione di ciò che i maggiori produttori europei producono ogni anno.

Tuttavia, 1,171 oli extra vergini di oliva provenienti da 28 paesi sono stati presentati al NYIOOC, con 105 dalla Croazia. Di questi, 53 provenivano dalla Dalmazia - una delle quattro regioni storiche della Croazia che si estende lungo la costa sud-occidentale - e 52 dall'Istria. In confronto, 60 campioni sono arrivati ​​dalla Croazia a New York nel 2020, di cui oltre l'80% proveniva da olivicoltori istriani.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Croazia

croato i produttori hanno ottenuto 49 premi quell'anno, di cui 39 istriani e 10 dalmati. Quest'anno, su 105 campioni (quasi il 75% in più rispetto allo scorso anno), 67 Gold e 20 Silver Awards sono andati ai produttori croati.

Più della metà del numero totale di premi - 35 Gold e 13 Silver Awards - sono stati vinti dagli olivicoltori dalmati. Nel frattempo, i produttori istriani hanno ottenuto 39 premi, di cui 32 d'oro e sette d'argento.

"L'Istria ha confermato la sua reputazione, ma abbiamo anche dimostrato di avere qualità ”, ha affermato Ivica Vlatković, Che ancora una volta ha vinto due Gold Awards per la sua monocultivar Šoltanka e una miscela di Coratina e Leccino.

Tuttavia, i produttori dalmati non sono più rappresentati solo da lui e da una manciata di altri. Questo, sottolinea, è il primo grande successo collettivo degli oli dalmati, un successo che sarà ricordato e scritto nella storia dell'olivicoltura locale, e Vlatković non nasconde il suo entusiasmo.

Il merito per l'impressionante performance collettiva delle regioni al concorso spetta al giovane Duvnjak, che coltiva 1,200 ulivi ed è membro del pannello di valutazione sensoriale dell'olio d'oliva Olea Šibenik.

concorsi-europei-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-del-mondo-il-contadino-dietro-la-drammatica-ascesa-dell'olio-d'oliva-dalmata-sul-palcoscenico-mondiale-dell'olio-d'oliva- volte

Foto: Vodice DOO

Quando ha inviato i suoi due oli al NYIOOC l'anno scorso e ha vinto oro e argento con il marchio di San Ivan di Vodice, ha provato orgoglio e tristezza allo stesso tempo perché all'evento erano presenti solo 12 campioni della Dalmazia.

Quando ha visto che la Dalmazia non era sulla mappa delle regioni olivicole, ha detto che non poteva tornare in sé.

È stato anche lo stimolo per Duvnjak a iniziare a pensare di organizzare gli olivicoltori locali per esibirsi insieme in questa competizione e nella marchiatura dei loro oli, qualcosa che i produttori istriani fanno da anni.

Se necessario, andava a raccogliere oli di casa in casa, pensò Duvnjak.

Per prima cosa ha proposto la sua idea di organizzare i produttori locali per entrare nel NYIOOC a Goran Pauk, prefetto della contea di Sebenico e Tenin. Pauk accettò l'idea e si tenne un incontro nel frantoio di Duvnjak.

Se i produttori di olio d'oliva continuano a prendere le regole della professione ancora più seriamente nella coltivazione, raccolta e lavorazione, e quindi nel mantenere l'olio in condizioni ottimali, la maggior parte di loro vincerà l'oro a New York.- Tomislav Duvnjak, proprietario, Vodice DOO

I due sono stati raggiunti dal padre di Duvnjak, collega produttore Damir Buntic, il presidente ad interim della Camera di commercio della contea di Sebenico Josip Laća e Višnja Marasović, capo della contea dello sviluppo agricolo e rurale della contea di Sebenico e Tenin.

Insieme, hanno deciso di monitorare i risultati di diversi locali concorsi di olio d'oliva ed eseguire analisi sensoriali sui vincitori per garantire la massima qualità. In seguito, hanno invitato i migliori oli d'oliva di queste competizioni a entrare nel 2021 NYIOOC.

Nel frattempo, Pauk ha iniziato a chiamare altre contee dalmate per unirsi a Šibenik-Knin e cercare i propri oli d'oliva di altissima qualità. Presto gli olivicoltori in tutte e quattro le contee - Zara, Sebenico, Spalato e Dubrovnik - hanno iniziato ad entusiasmarsi.

Duvnjak ha esaminato quali dalmati sono andati alle precedenti edizioni del NYIOOC, contattandoli tutti, insieme ad altri che sapeva avevano degli oli eccellenti.

"Li ho chiamati personalmente e quando ho spiegato loro tutto, erano tutti incredibilmente felici e tutti lo hanno supportato ", ha detto.

All'inizio, Duvnjak pensava che sarebbero stati raccolti forse 20 o 30 oli, ma alla fine, 51 oli di Šolta, Hvar, Brač, Korčula, Dubrovnik, Zara e Šibenika furono inviati a New York.

concorsi-europei-profili-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-del-mondo-il-contadino-dietro-la-drammatica-ascesa-dell'olio-d'oliva-dalmata-sul-palcoscenico-mondiale-dell'olio-d'oliva- volte

OPG Rajner i Sinovi (Foto: Delfa Perica)

"Certamente, ci sono oli d'oliva più straordinari in Dalmazia, ma non li abbiamo raggiunti tutti ", ha detto Duvnjak. "Potremmo non sapere ancora di alcuni di loro, ma per il primo anno, circa 50 campioni sono eccellenti ",

Il primo passo per ottenere tutti questi oli d'oliva inviati a New York è stato quello di registrare tutti i concorrenti entro il 30 dicembre per usufruire della tariffa ridotta durante il periodo di registrazione anticipata.

La moglie di Duvnjak, Helena, ha svolto un ruolo essenziale in questa parte del processo. È laureata in giurisprudenza e parla correntemente l'inglese, cosa che le consente di fare i passi necessari per conto dei produttori.

Il secondo passo è stato che tutti i concorrenti registrati portassero i campioni al frantoio Sveti Ivan e li mandassero tutti alla competizione. Duvnjak e il suo cast di supporto hanno iniziato a raccogliere fondi per pagare le spese di spedizione e le quote di registrazione.

Alla fine, la contea di Sebenico e Tenin e altre contee hanno accettato di pagare il 50 percento della quota di registrazione per ogni olivicoltore e la Camera di commercio di Sebenico ha accettato di pagare il 25 percento. Le spese di spedizione dei campioni sono state sostenute dal frantoio Sveti Ivan.

"È una fortunata circostanza che abbiamo un contratto con DHL, quindi i costi sono molto più bassi ", ha detto Duvnjak.

Tuttavia, questo è stato solo il primo passo di ciò che Duvnjak vede come un processo in corso. L'obiettivo finale è che i produttori dalmati emulino il successo delle loro controparti istriane.

"Possiamo ancora imparare molto dai produttori di olio d'oliva in Istria; sanno come fare affari ", ha detto.

Nel corso degli anni, i produttori istriani si sono organizzati con successo in organizzazioni di produttori locali, che supportano ed istruiscono i membri e aiutano a commercializzare i loro prodotti.

Duvnjak crede che questo sia uno dei motivi per cui hanno avuto così tanto successo nel corso degli anni e perché l'Istria è stata dichiarata due volte la migliore regione olivicola del mondo. È convinto che la Dalmazia possa seguire le stesse orme.

"Se i produttori di olio d'oliva continuano a prendere le regole della professione ancora più seriamente nella coltivazione, raccolta e lavorazione, e quindi nel mantenere l'olio in condizioni ottimali, la maggior parte di loro vincerà l'oro a New York ", ha affermato Duvnjak.

"L'obiettivo finale è portare la Dalmazia al livello della migliore regione olivicola del mondo, e poi, insieme alla nostra Istria, fare della Croazia un marchio ", ha aggiunto.

Duvnjak ritiene che tutti coloro che visitano la Croazia dovrebbero conoscere gli oli extra vergini di oliva di alta qualità del paese. Il suo sforzo per promuovere i produttori dalmati è il primo passo lungo una lunga strada per promuovere la regione e spingerla in cima al mondo della produzione di olio d'oliva.

"Questo successo, che sarà presto celebrato da tutti i partecipanti, è l'inizio dell'unificazione storica dell'olio d'oliva in Dalmazia ", ha affermato. "Ci sarà una festa, dove altro se non nel frantoio di San Giovanni a Vodice, dove tutto è iniziato ".


Related News

Feedback / suggerimenti