`Fare momenti difficili nell'ultima prigione dell'isola in Italia significa produrre olio d'oliva - Olive Oil Times

Fare tempo duro nell'ultima isola dell'Isola significa fare olio d'oliva

Novembre 10, 2015
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Alcune delle isole più belle e incontaminate del mondo sono le prigioni. Luoghi mozzafiato - dall'isola di Bastøy in Norvegia a Iwahin nelle Filippine - ospitano o hanno ospitato colonie penali.

L'isolamento forzato ha dato origine a un inevitabile paradosso: l'aberrazione del crimine e il trionfo della creazione.

L'ultima prigione dell'isola italiana è Gorgona.

Qui, durante il corso di riabilitazione dei detenuti, si realizza un piccolo miracolo: i detenuti producono olio extravergine di oliva. Inoltre l'isola è la culla di una rarissima varietà di olivo che conta solo poche decine di piante: la Bianca di Gorgona.

L'isola si trova nel Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, un Parco marino nelle province di Grosseto e Livorno, Toscana, che comprende un gruppo di isole tra cui l'Elba, l'Isola del Giglio e Montecristo.

pubblicità

Qui un carcere modello ospita 60 reclusi di cui almeno 50 liberi di vivere all'aria aperta, non rinchiusi in celle, occupandosi di lavori agricoli e animali da fattoria. Solo con il coprifuoco serale devono tornare nelle loro stanze.

Oltre a una falegnameria e un'officina meccanica, i detenuti si prendono cura di circa 250 animali tra bovini, ovini, suini e pollame. Mantengono un apiario, gestiscono un caseificio e un panificio e producono vino Vermentino e Ansonica da un vigneto di circa 5 ettari.

Di un uliveto composto da 1,000 piante tra Leccino, Moraiolo e Bianca di Gorgona, una piccola parte è dedicata alla produzione di olio d'oliva.

"La colonia penale di Gorgona è il risultato di un grande lavoro dell'amministrazione penitenziaria ”, ha detto l'ispettore speciale Mario Pascale. "L'opportunità di lavoro offerta ai detenuti assegnati all'isola è unica in Italia. Sono addestrati e preparati a tornare nella comunità, dopo aver scontato la pena ".

Dopo una pausa di due anni nella produzione dell'olio a causa delle condizioni meteorologiche sfavorevoli, in questa stagione sono stati raccolti circa 300 chilogrammi di olive Bianca di Gorgona.

L'agronomo Francesco Presti su un olivo Bianca di Gorgona

"Da circa 30 piante della cultivar autoctona abbiamo ottenuto circa 40 litri di un EVOO monovarietale verde brillante, leggermente fruttato, con sentori di erba appena tagliata ”, ha spiegato il Direttore Tecnico Agrario Federico Falossi.

Dopo la raccolta, le olive sono state subito molite in un frantoio a Casciana Terme, in provincia di Pisa. C'è un frantoio sull'isola, ma sarebbe stato troppo difficile rimetterlo in servizio essendo stato fermo da due anni per la modesta quantità di olive raccolte. "Vorremmo avere presto un ricco raccolto per rimetterlo in funzione ”, ha aggiunto Falossi.

"La prima volta che sono arrivato sull'isola ero titubante ", dice l'agronomo, "ma poi ho cambiato idea. I detenuti lavorano con cura e passione. Frequentano corsi di formazione, accumulando conoscenze che saranno utili una volta rilasciate. E puoi sentire il loro impegno nella qualità dei prodotti dell'isola ”.

La ricerca per la determinazione della rara varietà autoctona è stata compiuta nel 2012 dall'Agronomo Francesco Presti, in collaborazione con Claudio Cantini, ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche d'Italia Istituto alberi e legname.

La Torre Vecchia fu costruita come torre di avvistamento dalla Repubblica di Pisa nel XIIth secolo per difendere l'isola da pirati e corsari

Dall'analisi morfologica e genetica è emerso che la pianta ha un profilo molecolare peculiare, diverso da ogni altro - una nuova cultivar che necessitava di una nuova denominazione. "Il nome di mia figlia è Bianca e quando abbiamo dovuto scegliere la nomenclatura per la nuova varietà, ho scelto Bianca di Gorgona in suo onore ”, ha confessato Francesco Presti.

I bellissimi alberi secolari dell'isola furono probabilmente piantati dai monaci certosini, che vissero qui in un monastero fino alla fine del 1700. L'isolamento di questo ecosistema ha probabilmente contribuito allo sviluppo della varietà unica e di altre specie di piante e animali.

Poiché le particolari condizioni dell'isola rendono difficoltoso il raggiungimento di tutti gli ulivi, alcune piante sono oggi inglobate in un'area boschiva.

La varietà autoctona sembra essere molto resistente, nonostante vento e salsedine per l'incessante esposizione all'acqua di mare, ed è possibile ottenere un ottimo prodotto anche in agricoltura biologica, con medio polifenolico e alto contenuto di tocoferoli, secondo le analisi chimiche.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti