` L'UE respinge l'etichettatura nutrizionale "semaforo" del Regno Unito

Salute

L'UE respinge l'etichettatura nutrizionale "semaforo" del Regno Unito

Ottobre 8, 2014
Di Chris Lindahl

Notizie recenti

L'Unione europea ha respinto il controverso Regno Unito "semaforo "schema di etichettatura nutrizionale, citando un esempio paradossale in cui Diet Coke è etichettato più favorevolmente dell'olio extra vergine di oliva.

La Commissione europea ha avviato una procedura di infrazione contro il governo del Regno Unito, che ha due mesi per rispondere alle accuse. Le accuse vertono su una violazione del principio fondamentale dell'UE della libera circolazione delle merci; cioè, il governo interferisce illegalmente con le scelte del consumatore.

Il "sistema di informazione nutrizionale "semaforo" promulgato dal governo britannico nel tentativo di combattere l'obesità e aiutare le persone a fare scelte alimentari migliori. Il sistema volontario - ampiamente supportato dalle più grandi catene di supermercati britanniche - utilizza codici colore rosso, ambra e verde per etichettare calorie, zuccheri, grassi, grassi saturi e contenuto di sodio di un prodotto. Il verde segnala una bassa quantità di un dato nutriente; ambra di media quantità e rosso, alto.

A "luce rossa "è indicato quando il contenuto di grassi di un determinato prodotto supera 17.5 g / 100 g.

Quella linea guida ben intenzionata ma semplicistica crea un paradosso logico quando si tratta di super alimenti come l'olio d'oliva, ha affermato Coldiretti, Confederazione nazionale italiana degli agricoltori.

"L'obiettivo del semaforo era ridurre il consumo di grassi, sale e zucchero ma non in base alla quantità effettivamente consumata, ma solo alla presenza generica di un certo tipo di sostanza ", ha detto un portavoce. "Questo finisce per escludere alimenti come l'olio extra vergine di oliva, promuovendo al contempo bevande gassate senza zucchero, fuorviando i consumatori rispetto al reale valore nutrizionale ".

pubblicità

Poiché il sistema osserva semplicemente i numeri, il risultato sono bevande analcoliche senza zucchero come Diet Coke che ricevono un "via libera ", nonostante la presenza di dolcificanti artificiali controversi e senza benefici per la salute.

Coldiretti ha affermato che il mercato di esportazione italiano sarà danneggiato dal sistema, che aggrotta anche la fronte con formaggio e prosciutto.

Al passaggio del sistema nel 2013, Londra ha dichiarato di aver rispettato Regolamento UE n. 1169/2011, che riguarda la fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.


Per saperne di più su