Anche durante una pandemia, le emissioni di gas serra sono salite a livelli record nel 2020

Un rapporto dell'American Meteorological Society ha scoperto che le concentrazioni di anidride carbonica erano le più alte da almeno 800,000 anni.

Settembre 8, 2021
Di Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Nel 2020 sono state segnalate più di 100 tempeste tropicali in entrambi gli emisferi, rispetto alla media di 85 di tali tempeste tra il 1981 e il 2010.

Lo stesso anno ha visto la Groenlandia perdere 66 miliardi di tonnellate di ghiaccio, mentre i ghiacciai di tutto il mondo hanno perso massa per il 33rd anno consecutivo.

Raggiungere l'azzeramento delle emissioni nette di gas serra entro il 2050 e forse anche prima è assolutamente essenziale. - Thomas Bernauer, consigliere, IPCC

Anche nel 2020, le emissioni totali di incendi negli Stati Uniti occidentali sono state tre volte superiori a quelle registrate dal 2003 al 2010.

In molte aree del mondo, eventi meteorologici estremi e siccità hanno devastato l'agricoltura e hanno influito negativamente sui raccolti.

Vedi anche: Incendi boschivi

Secondo l' Rapporto sullo stato del clima nel 2020 pubblicato dall'American Meteorological Society (AMS) il mese scorso, le emissioni globali di gas serra hanno superato tutti i record precedenti.

Poiché la tecnologia moderna ha permesso agli scienziati di esaminare le carote di ghiaccio e determinare la concentrazione di quei gas nell'atmosfera attraverso più di 800,000 anni di storia naturale, AMS ha avvertito che quei numeri storici non sono paragonabili a quelli registrati nel 2020.

L'anno scorso, le concentrazioni di anidride carbonica nell'atmosfera hanno raggiunto il record di 412.5 parti per milione, 2.5 parti per milione in più rispetto a quanto registrato nel 2019.

Lo scenario delineato dal rapporto AMS coincide con i risultati delle ultime Nazioni Unite Rapporto del gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC).

"Raggiungere l'azzeramento netto delle emissioni di gas serra entro il 2050 e forse anche prima è assolutamente essenziale", ha dichiarato Thomas Bernauer, consulente dell'IPCC e professore presso l'Istituto di scienza, tecnologia e politica di Zurigo, in Svizzera. Olive Oil Times. "I Paris accordo sul clima mira a questo».

"Ma anche se questo può essere ottenuto, principalmente eliminando gradualmente qualsiasi uso di combustibili fossili nei prossimi decenni, il clima continuerà a riscaldarsi ulteriormente nei prossimi 50-100 anni", ha aggiunto. "Ciò significa che i governi e il settore privato di tutto il mondo dovranno investire molto nella protezione dagli inevitabili rischi e pericoli legati ai cambiamenti climatici”.

"Cioè, cambiamento climatico sono necessarie misure di adattamento insieme a misure di mitigazione per la riduzione dei gas serra”, ha continuato Bernauer. "C'è una relazione molto stretta tra mitigazione e adattamento”.

Negli Stati Uniti, nell'Unione Europea e in Cina, i governi e le autorità locali hanno lanciato programmi per proteggere e ricostruire le infrastrutture colpite da incendi e altri eventi estremi.

Sono in corso di elaborazione nuovi progetti per migliorare la resilienza dell'agricoltura ai cambiamenti climatici e per ridurre le emissioni causate dall'agricoltura. Nuovi fondi per ricostruire le loro attività e le loro operazioni vengono distribuiti anche agli agricoltori delle zone colpite.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha recentemente approvato un risarcimento per le persone colpite dagli incendi in California. Un risarcimento simile viene fornito agli agricoltori in Spagna e in Italia, per lo più convogliati nelle aree più colpite da ondate di calore e incendi.

Nel frattempo, in India, gli agricoltori delle coste di Raigad e Ratnagiri hanno ricevuto un risarcimento per i cicloni che nel 2020 hanno decimato le importanti colture di betel, cocco e mango.

Vedi anche: L'Europa presenta un piano per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030

Tuttavia, gli esperti avvertono che non tutti i paesi colpiti dagli effetti dei cambiamenti climatici, innescati da maggiori concentrazioni di gas serra nell'atmosfera, possono permettersi tali politiche.

"Se non riduciamo rapidamente le emissioni, i costi di adattamento aumenteranno enormemente e diventeranno insostenibili e tecnicamente irrealizzabili per molti paesi", ha affermato Bernauer. "È probabile che il cambiamento climatico allarghi il divario tra paesi ricchi e poveri”.

"I paesi ricchi hanno più risorse per potersi permettere la grande transizione tecnologica verso un'economia a basse emissioni e per proteggersi dagli impatti dei cambiamenti climatici", ha aggiunto. "Più velocemente i paesi ricchi agiranno nel ridurre le loro emissioni, minore sarà il danno che il cambiamento climatico creerà per i paesi poveri».

Nei prossimi decenni, climatologi e oceanografi si aspettano che il livello del mare aumenti costantemente e inonderà aree densamente popolate e coltivate in modo intensivo. L'innalzamento del livello del mare è dovuto principalmente allo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai e all'aumento delle temperature negli oceani, che porta alla loro espansione.

Gli oceani intrappolano un quarto di tutta l'anidride carbonica della Terra, ma il suo continuo accumulo nelle acque ne aumenta l'acidità, con conseguenze crescenti per le barriere coralline e la vita marina. Mentre le acque si scaldano, gli scienziati avvertono che la loro capacità di intrappolare l'anidride carbonica dall'atmosfera diminuisce.

"La temperatura dell'oceano è di rilevanza assoluta capire il riscaldamento globale perché la capacità termica degli oceani è molto più alta rispetto all'atmosfera", ha detto Gianmaria Sannino, climatologo responsabile del progetto Sea Level and Climate Change della European Climate Research Initiative. Olive Oil Times.

"Per riscaldare gli oceani è necessaria molta più energia", ha aggiunto. "Quando parliamo di aggiungere 1°C alla temperatura dell'oceano, parliamo di una quantità di energia che abbiamo immesso nei nostri oceani, che è paragonabile a cinque bombe atomiche della prima era che esplodono ogni secondo negli ultimi 30 anni».

Affinché questo scenario si realizzi, le emissioni di gas serra dovrebbero continuare a crescere su scala globale.

Tuttavia, l'AMS ha avvertito che la crescita delle emissioni di gas serra non è diminuita, anche se gran parte del mondo si è fermata durante il Pandemia di covid-19 e le emissioni dei combustibili fossili sono diminuite del sei o sette percento.

"Questo è un duro promemoria del fatto che i fattori che portano a un cambiamento climatico sono determinati da orizzonti temporali molto più lunghi di un singolo anno e hanno un'inerzia che richiederà uno sforzo significativo per un periodo molto più lungo per arrestare molto meno l'inversione", hanno scritto i ricercatori dell'AMS.

"Un evento di per sé è degno di nota, numerosi eventi di natura simile in un anno sono interessanti, ma molti di questi sono da record nel contesto delle osservazioni passate è preoccupante", hanno aggiunto. "Le tendenze a lungo termine, chiare e coerenti negli ultimi 10, 50 o 150 anni che tracciano il riscaldamento in corso del nostro pianeta sono sorprendenti”.

Vedi anche: Il 2020 è l'anno più caldo mai registrato, concludendo il decennio più caldo del mondo

Gli scienziati dell'AMS hanno concordato con l'ultimo rapporto dell'IPCC, secondo il quale intraprendere un'azione rapida e decisa è fondamentale per ridurre le conseguenze più estreme del cambiamento climatico.

Mentre paesi come la Polonia hanno ha annunciato che chiuderà la centrale a carbone di Bełchatów – considerata la centrale di questo tipo più inquinante del pianeta – nel 2020 la Cina ha recentemente confermato che intende raggiungere un regime di net-zero entro i prossimi 40 anni.

Riconosciuta come responsabile di almeno il 27% delle attuali emissioni globali, Pechino ha annunciato un nuovo sforzo quinquennale per migliorare la resilienza del suo sistema ecologico marino creando nuovi pozzi di carbonio per catturare e immagazzinare le emissioni di gas serra.

In Nuova Zelanda, il governo ha fissato un obiettivo di zero diossido di carbonio per il 2050, ma non è ancora chiaro come sarà affrontare le emissioni di metano – un potente gas serra – correlato alle operazioni estensive di bestiame.

Secondo l' figure rilasciato dal Ministero dell'Ambiente, le emissioni di gas serra sono in costante aumento negli ultimi anni. Una commissione di esperti nominata dal governo ha affermato che le emissioni di metano potrebbero essere ridotte migliorando le pratiche di allevamento e di allevamento e riducendo il numero delle mandrie.

Non tutti i paesi e le regioni, tuttavia, stanno investendo in nuovi metodi agricoli in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici e ridurre l'impatto ambientale del settore, avvertono gli scienziati.

"I governi e i consumatori dei paesi ricchi stanno spingendo gli agricoltori verso forme di produzione più sostenibili", ha affermato Bernauer. "Allo stesso tempo, gli agricoltori stanno affrontando crescenti rischi legati al cambiamento climatico, come siccità, eventi meteorologici estremi, incendi e parassiti. "

"Nei paesi che possono permetterselo finanziariamente, i governi dovranno fornire maggiore sostegno agli agricoltori colpiti dagli impatti dei cambiamenti climatici", ha aggiunto. "Tuttavia, a loro volta, gli agricoltori dovranno accettare forme di produzione più sostenibili dal punto di vista ambientale. Per esempio, ridurre i pesticidi e l'uso di fertilizzanti e rinunciando a forme intensive di allevamento di animali”.

Tuttavia, Bernauer ha sottolineato che le nuove tecnologie agricole ancora da scoprire svolgeranno un ruolo fondamentale nel mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici sul settore.

"Credo fermamente che l'innovazione tecnologica sarà molto utile", ha affermato. "Esempi nel settore agricolo includono forme di irrigazione altamente efficienti dal punto di vista idrico e l'allevamento di specie vegetali più resistenti alla siccità”.

"Ma credo anche che dobbiamo portare avanti le tecnologie per la rimozione del carbonio dall'atmosfera", ha concluso Bernauer. "Cioè, la tecnologia è fondamentale per mitigare i cambiamenti climatici e adattarsi con successo ai cambiamenti climatici che non siamo in grado di prevenire».





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti